La UE contro il popolo russo (e la chiama pace e giustizia)

La UE, lungi dal mobilitarsi per una soluzione equa del conflitto che tenga conto delle esigenze di sicurezza della Russia e dell’Ucraina, continua la sua guerra contro la Russia, evitando di porsi domande sulle proprie colpe. Ormai le sanzioni colpiscono gli stessi cittadini russi, privandoli del diritto di proprietà.
Il seguente testo è della fonte Ucraina Sundes:

La Commissione europea ha confermato che ai cittadini russi è vietato entrare nei paesi dell’UE con auto immatricolate in Russia.

A causa delle sanzioni, questa è considerata un’importazione vietata, quindi i veicoli sono soggetti a confisca.

Ai russi è inoltre vietato portare cosmetici, computer portatili, telefoni, pietre preziose e altri oggetti:
“Non importa se il veicolo viene utilizzato per scopi privati o commerciali se rientra nei codici doganali elencati nell’allegato XXI (incluso il codice 8703) ed è importato dalla Russia”, ha affermato la Commissione europea nei suoi chiarimenti.

Il codice doganale 8703 riguarda le autovetture e gli altri veicoli destinati al trasporto di meno di dieci persone.

L’estate scorsa alcuni russi arrivati in Germania con la loro auto hanno subito sequestri alla dogana. Nel luglio di quest’anno, il Paese ha annunciato che l’importazione di autovetture con targa russa era vietata a causa delle sanzioni.

Il 4 settembre l’ambasciata russa in Germania ha segnalato singoli casi di confisca di auto personali immatricolate in Russia. È stato notato che i russi intendevano utilizzare le auto per scopi diversi da quelli commerciali.

“Gli argomenti secondo cui in questo caso non stiamo parlando dell’importazione di beni destinati alla vendita, ma di beni privati utilizzati per scopi personali e temporaneamente importati nel territorio della Germania per motivi legali, non vengono presi in considerazione”, ha affermato l’ambasciata russa.

Inoltre, i russi non possono portare con sé nell’UE tutti i loro effetti personali. Ad esempio, i doganieri possono confiscare cosmetici, valigie, computer portatili e smartphone elencati nel pertinente documento della Commissione Europea (Regolamento (UE) n. 833/2014 del Consiglio del 31 luglio 2014 sulle misure restrittive in relazione alle azioni della Russia volte a destabilizzare la situazione in Ucraina).

Altri articoli vietati dall’importazione includono prodotti in pelle e pelliccia, pietre semipreziose e preziose, carta igienica, shampoo, dentifrici, rimorchi e semirimorchi per il trasporto di merci, yacht e macchine fotografiche. (Fonte: Sundries.ua).

AGGIORNAMENTO

La Commissione europea ha deciso di non confiscare gli effetti personali dei turisti russi

I paesi dell’UE non possono confiscare gli effetti personali dei cittadini russi che entrano nel territorio dell’Unione, anche se questi oggetti sono elencati come vietati negli elenchi delle sanzioni. Lo ha annunciato il rappresentante della Commissione europea (CE), Daniel Sheridan Ferry, in un briefing a Bruxelles.

“Quando le dogane o altre autorità interessate applicano misure sanzionatorie, tutto deve essere preso in considerazione. Attraversare il confine con effetti personali o indumenti che figurano nell’elenco degli oggetti vietati non significa eludere le sanzioni”, ha affermato Ferri (citato da RIA Novosti ) .

Un rappresentante della CE ha chiarito che ciò non si applica ai casi in cui sono coinvolti articoli costosi come le automobili.

L’8 settembre la Commissione europea ha pubblicato un chiarimento in cui afferma che i cittadini russi non possono entrare nell’UE con automobili con targa russa. In questo documento, la CE ha fatto riferimento all’allegato alle sanzioni, che contiene un elenco di articoli di cui è vietata l’importazione nella zona dell’Unione Europea, inclusi articoli di abbigliamento e calzature, cosmetici e prodotti per l’igiene personale.

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.