La Russia si ritira dalla missione permanente presso la NATO

L‘occidente è riuscito persino ad irritare il ministro degli esteri russo Lavrov , notoriamente molto ponderato e cauto nelle sue dichiarazioni. Tuttavia, la Nato continua ad agire provocatoriamente trattando la Russia come fosse il suo peggior nemico, anche se in assenza di provocazioni (eccetto le esche gettate puntualmente da UE e stati Uniti, che si lamentano costantemente delle uova rotte nel paniere). (VP)

La Russia ha sospeso i lavori della sua missione permanente presso la NATO dall’inizio di novembre dopo la decisione dell’Alleanza Nord Atlantica di revocare l’accreditamento di otto dipendenti della missione permanente russa. Lo ha annunciato lunedì in una conferenza stampa il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, rispondendo a una domanda della TASS.

“Come risultato di passi decisi da parte della NATO, non abbiamo le condizioni adeguate per l’attività diplomatica elementare e, in risposta alle azioni della NATO, sospendiamo il lavoro della nostra missione permanente presso la NATO, compreso il lavoro del principale rappresentante militare, probabilmente dal 1 novembre, o forse questo richiederà qualche giorno in più”, ha detto.

Il 18 ottobre Il ministro degli estri russo Lavrov ha annunciato che Mosca si ritirerà come osservatore permanente nella NATO

“Il Segretariato internazionale della NATO è già stato notificato della decisione. La dichiarazione del nostro ministero dovrebbe circolare letteralmente in questo momento”, ha detto Lavrov. la sua missione permanente presso la NATO, compreso il lavoro del capo rappresentante militare, probabilmente dal 1 novembre, o forse ci vorrà ancora qualche giorno”, ha detto.

Il ministro degli Esteri russo ha ricordato che il 6 ottobre il segretariato della NATO ha notificato ufficialmente che il segretario generale dell’Alleanza del Nord Atlantico Jens Stoltenberg ha deciso di revocare l’accreditamento di otto dipendenti della missione permanente russa all’organizzazione dal 1 novembre e ha anche deciso di ridurre il numero totale dei suoi membri dal 1 novembre fino a dieci persone, compreso il personale amministrativo e tecnico.

“Nessuna spiegazione delle ragioni di un simile passo è stata data. E pochi giorni prima dell’annuncio di questa decisione, abbiamo incontrato il signor Stoltenberg a New York, ha in ogni modo sottolineato il sincero, come ha detto, l’interesse di l’Alleanza Nord Atlantica nel normalizzare le relazioni con la Federazione Russa nell’interesse di un allentamento delle tensioni in Europa. continente “, ha sottolineato Lavrov.

Inoltre, viene chiuso l’Ufficio informazioni della NATO a Mosca, che è stato istituito presso l’Ambasciata del Regno del Belgio. “Se i membri della Nato hanno questioni urgenti, possono rivolgersi al nostro ambasciatore in Belgio su questi temi”, ha aggiunto il ministro.

La Russia non era sorpresa

Allo stesso tempo, secondo lui, Mosca, “in generale, non è stata particolarmente sorpresa” da questo passo dell’alleanza, poiché il numero della missione permanente della Russia è già stato ridotto due volte su insistenza della NATO – nel 2015 e nel 2018.

“Dal 2014, la NATO ha ridotto al limite qualsiasi contatto con la nostra missione, ha annunciato la completa cessazione della cooperazione pratica sia nelle aree civili che attraverso i militari. Non ci sono contatti attraverso i militari. Come ho detto, [NATO] ha ha introdotto, infatti, un regime proibitivo per i nostri diplomatici per quanto riguarda la visita al quartier generale della NATO, e i contatti senza una visita sono impossibili da mantenere, e, di fatto, un regime proibitivo per le comunicazioni elementari con il Segretariato Internazionale dell’Alleanza Nord Atlantica, ” Ha aggiunto.

Lavrov ha sottolineato che tutto ciò conferma che “la Nato non è interessata a nessun dialogo paritario, a nessun lavoro congiunto”. “Se è così, allora, ovviamente, non vediamo un grande bisogno di continuare a fingere che alcuni cambiamenti siano possibili nel prossimo futuro, perché la NATO ha, infatti, dichiarato che tali cambiamenti sono impossibili”, ha osservato il capo del Ministero degli Esteri.

fonte: agenzia di stampa russa TASS

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.