La Russia: “Non vi è alternativa che la vittoria militare contro le milizie terroristiche in Siria”

Sull’offensiva siriana e russa per riprendere Idlib, la narrativa in Italia è fortemente distorta dai media. In primo luogo perchè, essi sottolineano proprio l’aspetto umanitario lamentato dalla Turchia, che ne è la principale causa.  In secondo luogo, per un giudizio meno dissociato dalla realtà, occorrerebbe ricordare che gli Stati Uniti per la presa di Raqqa non lesinarono bombardamenti sulla città, con pesanti perdite di civili. In tal senso, una rilettura  del report di Amensty International – che parlò letteralmente di ‘livellamento della città’ – potrebbe aiutare. Si nota facilmente il sistema dei due pesi e delle due misure ove oggi si denuncia severamente la legittima ripresa dell’esercito siriano del territorio detenuto da al Qaeda.  C’è poi la cronaca corrente, ove  la Turchia sta riarmando e supportando militarmente, questa organizzazione terroristica dominante in Idlib.
Di questo e dintorni si è occupata la Russia  a Monaco (dove  sabato è iniziata la Conferenza internazionale sulla sicurezza). Vediamone la posizione nell’articolo del Berliner Zeitung:

La Russia opta per la vittoria militare in Siria

Il ministro degli Esteri russo Lavrov ha annunciato a Monaco che non vi è alternativa alla vittoria militare contro le milizie terroristiche ancora in lotta in Siria. Gli Stati Uniti si aspettano anche che la Russia rimanga dura. Ciò potrebbe spingere la Turchia a cedere.

Monaco di Baviera / Washington / Mosca / Ankara Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ritiene che una sconfitta delle organizzazioni terroristiche nella provincia siriana di Idlib sia “inevitabile”. Lo ha detto Lavrov sabato alla Conferenza di sicurezza di Monaco . Lavrov ha ricordato che russi e americani avevano già sconfitto l’ISIS. Tuttavia, “Hydra alzò di nuovo la testa”.

Lavrov ha detto, quando gli è stato chiesto da un partecipante della situazione militare di Idlib, che al-Qaeda “controlla ancora gran parte della zona di escalation di Idlib”. Il gruppo, precedentemente noto come Fronte di al-Nusra e ora chiamato Hay’at Tahrir al-Sham, sarà irrevocabilmente sconfitto. Idblib è ancora “uno dei più recenti focolai di terrorismo, e l’unico sulla riva occidentale dell’Eufrate”, ha detto Lavrov, secondo l’agenzia di stampa AP.

Vi è un disaccordo tra Turchia e Russia su come affrontare i combattenti di al-Qaeda nella provincia di Idlib. Il presidente turco Recep Tayyip Edogan ha dichiarato sabato, secondo Reuters, che l’esercito siriano deve ritirarsi dalla provincia di Idlib, anche se fa parte del territorio siriano riconosciuto a livello internazionale. Se ciò non dovesse accadere, l’esercito turco – che è stato in Siria per mesi dopo un’invasione non autorizzata dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite -, farà il “duro”, anche se Ankara “preferirebbe procedere con il sostegno dei nostri amici”.

I russi, d’altra parte, non vogliono che l’esercito turco proceda in Siria in nessun caso. È persino discutibile se alcuni posti di osservazione turchi a Idlib debbano rimanere in questo modo perché si trovano nella parte posteriore dell’esercito siriano, ha detto sabato il vice ministro degli Esteri Mikhail Bogdanov, secondo l’agenzia di stampa statale russa TASS.

“Ci sono un certo numero di posti di osservazione nel retroterra profondo [riconquistato] dell’esercito siriano, quindi la domanda è perché la Turchia ha bisogno di loro”, ha detto Bogdanov.

Il diplomatico ha aggiunto che la situazione “sul posto” a Idlib lunedì sarà al centro dei colloqui tra le delegazioni russa e turca a Mosca.

In precedenza, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha affermato che Ankara non avrebbe lasciato come fatto compiuto che le forze siriane avessero circondato alcuni posti di osservazione turchi a Idlib senza una risposta. Il ministro della Difesa Hulusi Akar ha annunciato l’11 febbraio che l’esercito siriano aveva preso il controllo dell’area attorno a quattro posti di osservazione turchi.

Lavrov, che sabato ha incontrato il suo collega turco Mevlut Cavusoglu a Monaco di Baviera, ha sottolineato che garantire l’attuazione degli accordi russo-turchi al più alto livello nella regione siriana è stato difficile, ma le due parti ci stanno lavorando: ” I nostri accordi con la Turchia comprendono sia un cessate il fuoco che una zona smilitarizzata, ma soprattutto l’opposizione normale dovrebbe essere separata dai terroristi. Questi accordi non significano in alcun modo che abbandoneremo la lotta senza compromessi contro la minaccia terroristica “, ha affermato Lavrov a Monaco.

La situazione è critica perché “i terroristi stanno cercando di usare la popolazione civile come scudo vivente. Lavrov ha affermato che i contatti russo-turchi a livello di esperti, funzionari militari, diplomatici e servizi di sicurezza continueranno a trovare modi per attuare gli accordi comuni di cessate il fuoco. Lunedì, a Mosca, funzionari di difesa, militari e dell’intelligence terranno colloqui russo-turchi.

Lavrov ha osservato che la terza riunione del comitato costituzionale siriano era in preparazione e ha ricordato che il comitato costituzionale si è formato 18 mesi fa. Ciò avrebbe potuto iniziare i suoi lavori alla fine del 2019, ma il processo non aveva avuto il sostegno dell’Occidente. Lavrov ha affermato che la Russia non era ancora “offesa”, che l’offerta non era stata ancora accettata e ha sottolineato che i colloqui che si erano addormentati sotto la mediazione delle Nazioni Unite erano ricominciati.

Lavrov ha anche avuto una conversazione con Geir Pedersen, rappresentante speciale delle Nazioni Unite per la Siria.

Il governo americano, d’altro canto, afferma che la Russia intende utilizzare mezzi militari per risolvere il conflitto siriano. Lo ha detto un alto funzionario del governo, anonimo, venerdì in un briefing per i giornalisti, secondo Reuters. Il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti cita i funzionari in un protocollo pubblicato sul suo sito Web ufficiale, secondo cui ci sono “sforzi militari, politici e diplomatici” per raggiungere un accordo negoziato in Siria.

Secondo il funzionario, “Ma al momento i russi sembrano letteralmente cercare una soluzione militare”, ha detto, aggiungendo che questo “non è solo in Idlib”. Il funzionario ha ritenuto che non fosse colpa dell’Occidente che la soluzione negoziata fosse bloccata, ma che Siria e Russia erano in contrasto con il comitato costituzionale.

fonte:https://www.berliner-zeitung.de/politik-gesellschaft/russland-setzt-auf-militaerischen-sieg-in-syrien-li.76161