Israele: possibile uso dell’atomica in condizioni critiche

L‘escalation delle tensioni nel Medio Oriente, in particolare tra Israele e gruppi come Hezbollah, ha portato a una discussione sempre più intensa sull’uso delle armi nucleari. Questa situazione delicata è stata evidenziata in dichiarazioni recenti di alti funzionari israeliani.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e il ministro della Difesa Benny Gantz hanno emesso dichiarazioni che suggeriscono una potenziale minaccia nucleare in risposta alle azioni di Hezbollah.

In un incontro con i comandi dell’IDF al confine settentrionale di Israele, Netanyahu ha affermato che se Hezbollah dovesse decidere di entrare in guerra, sarebbe un grave errore, e Israele risponderebbe con una forza distruttiva, facendo riferimento a un possibile uso di armi nucleari.

Il ministro della Difesa Gantz ha sottolineato la forza dell’intero IDF a disposizione e ha avvertito che l’IDF distruggerebbe il Libano se Hezbollah commettesse un errore.

Queste dichiarazioni riflettono la gravità della situazione e la volontà di Israele di difendersi ad ogni costo, incluso il ricorso a mezzi nucleari se fosse messa in discussione la sua esistenza.

Da Jewishpress:

“Se Hezbollah decide di entrare in guerra, desidererà ardentemente la Seconda Guerra del Libano”, ha detto Netanyahu durante un incontro con i commando dell’IDF al confine settentrionale di Israele.

“Farà l’errore della sua vita. Lo colpiremo con una forza che non può nemmeno immaginare , che sarà distruttiva per lui e per lo Stato libanese”, ha detto. “Siamo pronti per qualsiasi scenario . Siete pronti per qualsiasi scenario”, ha detto ai commando.

E il Ministro della Difesa di Netanyahu:

” La forza dell’intero IDF… è a nostra disposizione “, ha sottolineato Gallant. “Siamo vigili e se Hezbollah vuole iniziare una guerra, dovrebbe prima guardare le fotografie di Gaza City”.

Durante un tour nella tesa regione del Monte Dov lo scorso agosto, dove Hezbollah ha ripetutamente attaccato le posizioni dell’IDF, Gallant ha ripetuto il suo avvertimento che l’IDF distruggerebbe il Libano se Hezbollah “commettesse un errore” e scegliesse il conflitto con Israele.

In una dichiarazione video, Gallant ha avvertito il capo di Hezbollah Hassan Nasrallah: “Avete commesso degli errori in passato; hai pagato prezzi molto alti. Se… si sviluppasse un’escalation o un conflitto qui, riporteremo il Libano all’età della pietra . Non esiteremo a usare tutto il nostro potere e a erodere ogni centimetro di Hezbollah e del Libano, se necessario.

Finora, sia l’Iran che altre entità regionali arabe hanno minacciato di intervenire se Israele attaccasse con forze terrestri l’enclave di Gaza. Tuttavia, il giornalista premio Pulitzer Seymour Hersh ha giudicato questa eventualità come improbabile.

ll monitoraggio dei voli open source e le immagini satellitari mostrano armamenti avanzati, difese aeree e dozzine di cacciabombardieri, piattaforme di raccolta di informazioni e mezzi di trasporto pesanti vengono schierati nella regione, per cercare di dissuadere l’Iran e Hezbollah dall’aprire un secondo fronte nel nord di Israele. (vedi Haaretz.com)

Nel suo articolo, Hersh suggerisce che Israele potrebbe optare per un approccio di blocco simile a quanto avvenne a Leningrado durante la seconda guerra mondiale.

Questo potrebbe comportare l’isolamento di Gaza City in termini di elettricità, cibo e altri beni essenziali. Il movimento Hamas, che governa Gaza, ha scorte limitate di risorse, come acqua potabile purificata e cibo, il che potrebbe portare a negoziati tra Israele e Hamas, ad esempio per il rilascio di prigionieri in cambio di cibo e acqua. Tuttavia, le recenti dichiarazioni della leadership israeliana che ha richiesto come unica alternativa la consegna dei membri di Hamas, pena l’uccisione diretta, non sembra mostrare disponibilità al compromesso.

La situazione è estremamente delicata, e non è benefico che il dialogo tra le parti si riduca a una serie di reciproche minacce e ritorsioni del tipo “se tu fai questo, io ti faccio questo”.

E  così si arriva chiare minacce per l’uso delle TNW (armi nucleari tattiche).

Tuttavia, la presenza di Hezbollah finora ha ostacolato i piani israeliani per un’offensiva terrestre a Gaza, in quanto Israele non ha una risposta efficace ai missili e ai razzi lanciati da Hezbollah. Pertanto, l’annuncio dell’assistenza militare statunitense ha dato priorità ai “sistemi di difesa missilistica” per affrontare questa minaccia. Al momento, Israele potrebbe continuare la sua campagna di bombardamenti su Gaza fino a quando non sarà costretto a fermarsi, poiché la sua incapacità di avanzare via terra è evidente.

La situazione è così intricata che qualsiasi considerazione strategica dovrebbe prioritariamente mirare a porre fine alle ostilità e cercare un accordo di cessate il fuoco, considerando che altre opzioni potrebbero comportare rischi e incertezze significative. La priorità dovrebbe essere la stabilizzazione e il ripristino della pace, tenendo conto delle dinamiche complesse in atto.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.