Il ministro degli esteri russo Lavrov risponde a Blinken sulla Striscia di Gaza

Il ministro degli esteri russo Lavrov ha incontrato i media dopo l’ incontro ministeriale della Piattaforma consultiva regionale 3+3 per il Caucaso meridionale , tramite i media Lavrov risponde a Blinken riguardo alla Striscia di Gaza e all’ingerenza di terzi nel conflitto.

Inoltre, Lavrov critica gli Stati Uniti per il loro coinvolgimento e sottolinea la necessità di un cessate il fuoco e una soluzione a lungo termine basata sulla risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell’ONU.

Domanda: La Striscia di Gaza è ora sotto i riflettori. Il segretario di Stato americano Antony Blinken si è detto pronto ad agire se il conflitto dovesse intensificarsi a causa di alcune “terze forze” di sostenitori filo-iraniani. C’è stata un’altra forte affermazione secondo cui non sarebbe possibile ritornare al precedente meccanismo dello status quo tra Israele e la Striscia di Gaza. È necessario un nuovo meccanismo, ma Antony Blinken non specifica quale. Sei d’accordo con questo? Qual è questa formula per il futuro? Come potrebbe essere?

Sergey Lavrov: Riguardo alle previsioni del segretario di Stato americano Antony Blinken riguardo all’ingerenza di terzi in questo conflitto. Gli Stati Uniti sono tra i leader di coloro che stanno già intervenendo. Ciò include l’invio nella zona del conflitto di due gruppi di portaerei e di diverse migliaia di soldati con tutte le armi necessarie, comprese quelle pesanti. Maggiore è il numero di tali misure proattive da parte di uno Stato, maggiore è il rischio e il pericolo che il conflitto si intensifichi.

Siamo convinti che il primo e indispensabile passo debba essere il cessate il fuoco, la risoluzione delle questioni umanitarie e la facilitazione della partenza dei cittadini stranieri dalla Striscia di Gaza. Quindi, sarà necessario un meccanismo che inserisca la situazione in un contesto più ampio. Se ne parla da decenni all’ONU. L’intera comunità internazionale (questo è ancora un dato di fatto) ha riaffermato e continua a riaffermare il proprio impegno a favore della soluzione dei due Stati. Questa è la cosiddetta soluzione dei due Stati, in cui due Stati sovrani a pieno titolo, Palestina e Israele, convivono fianco a fianco in buon vicinato, pace e sicurezza tra loro e con tutti gli altri vicini. 

Come sapete, questo piano è sancito in una serie di decisioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e nell’Iniziativa di pace araba, proposta dall’Arabia Saudita nel 2002. È stato accolto favorevolmente da tutti i musulmani e accolto favorevolmente da altri membri della comunità internazionale. Questo piano si concretizzava nell’accordo secondo cui quattro “attori” avrebbero coordinato i colloqui diretti rilevanti: Russia, Stati Uniti, ONU e UE – il “quartetto” di mediatori internazionali. Per molti anni gli Stati Uniti hanno bloccato il lavoro di questo meccanismo, incontrandosi per motivi di apparenza, e non cercando in alcun modo di trovare passi che rendessero possibile l’attuazione della decisione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite riguardo ai confini del futuro territorio palestinese. stato, la sua capitale, la soluzione dei problemi dei rifugiati e l’approvvigionamento idrico. Tutto questo è esplicitato nella risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell’ONU. Negli ultimi due anni, gli Stati Uniti hanno chiuso il Quartetto. Al momento non esiste altra autorità che possa essere accettabile per tutti. Se il segretario di Stato americano Antony Blinken abbia qualche idea brillante a questo riguardo, non ne siamo a conoscenza.

Sono convinto che nessuno possa riconciliare da solo palestinesi e israeliani, come cercano di fare gli Stati Uniti da molti anni. È necessario agire in base al potenziale collettivo dei paesi della regione, dell’UE e degli Stati Uniti (è anche difficile farne a meno). Dobbiamo agire collettivamente e non unilateralmente.

Domanda: Alcuni politici palestinesi e israeliani affermano che è la Russia che potrebbe diventare un mediatore nei negoziati tra Israele e Palestina. La Russia prevede di presentare un’iniziativa di pace nel prossimo futuro? Se sì, quando e quali sono i principi fondamentali di questa iniziativa?

Sergey Lavrov: Ho appena risposto che i servizi di mediazione unilaterale difficilmente saranno d’aiuto in questo caso. La Russia faceva parte del meccanismo di mediazione sotto forma di un “quartetto” di mediatori internazionali. Il nostro Paese resta pronto ad aiutare in ogni modo possibile a fermare lo spargimento di sangue e a passare alla discussione di una soluzione a lungo termine basata su una risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite. Abbiamo rapporti normali con Israele e Palestina. Il presidente russo Vladimir Putin ha sempre sottolineato nei suoi discorsi internazionali sul Medio Oriente il nostro particolare impegno nel garantire la sicurezza di Israele. Là ci sono un milione e mezzo o addirittura due milioni di nostri cittadini.

Possiamo vedere le condizioni geopolitiche in cui questo paese si sta sviluppando. Comprendiamo che ha bisogno di pace tanto quanto i suoi vicini. Ciò include la Siria, il Libano e i palestinesi, ai quali è stato impedito di creare un proprio Stato per più di settantacinque anni, come tutta l’umanità progressista giurava alla fine degli anni Quaranta.

Recentemente, i nostri colleghi turchi hanno avanzato l’idea che i paesi che hanno influenza sulle parti in conflitto dovrebbero nominare i propri garanti che potrebbero unirsi e concordare alcune raccomandazioni alle parti. Oggi ho chiesto al mio collega, il ministro degli Esteri turco Hassan Fidan, di concretizzare questa idea. Vedere. In entrambi i casi, i pensieri si stanno muovendo nella giusta direzione dell’azione collettiva.

– fine citazione –

Considerazione

“Per quanto riguarda le previsioni del segretario di Stato americano Antony Blinken riguardo all’ingerenza di terzi in questo conflitto. Gli Stati Uniti sono tra i leader di coloro che stanno già intervenendo.” Ciò è inconfutabile, ma cognitivamente dissonante per i consumatori dei media occidentali. Ecco un altro esempio di tale dissonanza nei titoli di questa mattina:

Israele intensifica i bombardamenti sugli obiettivi di Gaza

Biden e i leader occidentali sollecitano le altre potenze mediorientali a prevenire l’escalation

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.