IRAQ – Un nuovo sondaggio dimostra la sfiducia e alienazione diffusi tra la gente sul governo iracheno

Nel maggio 2018 gli iracheni si sono recati alle urne per scegliere un nuovo governo. I risultati sono stati l’ affluenza più bassa da quando le elezioni sono iniziate nel 2005 e l’inganno diffuso da parte dei partiti al potere. Il tasso di partecipazione ha mostrato un profondo cinismo nei confronti del sistema politico, che è stato confermato dalla frode che ha avuto luogo. Un recente sondaggio di opinione pubblico condotto da agosto a ottobre 2018 ha indicato che l’opinione pubblica irachena ha poca fiducia nella politica del paese.

Quasi i tre quarti degli intervistati hanno dichiarato di non essere soddisfatti dei risultati di maggio, quasi due terzi ritenevano di non avere voce in capitolo nella nazione, e questo in gran parte perché non si fidavano dei risultati.

Pubblicità

Alla domanda, le persone felici o insoddisfatte del ballottaggio del 71% hanno dichiarato di essere scontenti, mentre solo il 22% erano soddisfatti.

Il Kurdistan ha avuto il più alto giudizio positivo ed era  solo il 30%. A Baghdad, il sud e l’ovest del 70% o più hanno dichiarato di non gradire i risultati.

Alla domanda se le elezioni li abbiano fatti sentire come se avessero una voce sul futuro  dell’Iraq, il 31% ha risposto affermativamente mentre il 62% ha risposto di no. A Baghdad, nel sud del paese e nell’ovest a circa il 30% sembrava di avere voce in capitolo, mentre in Kurdistan il risultato è sceso al 16%. Infine, si ha poca fiducia che il voto fosse equo, con solo il 19% che dichiarava che il voto fosse  a pagamento. I numeri hanno mostrato i risultati di 13 anni di governi di unità nazionale, che non sono riusciti a soddisfare le esigenze della gente.

Non potevano impedire due guerre, né fornire servizi di base e un’adeguata occupazione per il paese, nonostante l’enorme quantità di denaro derivante dal petrolio. La corruzione che ne è risultata ha anche indebolito il supporto popolare.

Il risultato è che meno persone credono nelle elezioni e nel processo politico.

Le basse percentuali in Kurdistan indicano anche la rabbia generale che i curdi nutrono nei confronti del governo federale dopo aver sequestrato i territori controversi a seguito del fallito referendum sull’indipendenza dello scorso anno. La corruzione che ne è risultata ha anche indebolito il supporto.

Il risultato è che meno persone credono nelle elezioni e nel processo politico. Le basse percentuali in Kurdistan indicano anche la rabbia generale che i kurdi nutrono nei confronti del governo federale dopo aver sequestrato i territori controversi a seguito del fallito referendum sull’indipendenza dello scorso anno. La corruzione che ne è risultata ha anche indebolito il supporto. Il risultato è che meno persone credono nelle elezioni e nel processo politico. Le basse percentuali in Kurdistan indicano anche la rabbia generale che i kurdi nutrono nei confronti del governo federale dopo aver sequestrato i territori controversi a seguito del fallito referendum sull’indipendenza dello scorso anno.

Pubblicità

Quando è stato chiesto di scegliere da una lista di possibili soluzioni, pochi credevano che questi problemi potessero essere risolti.

Il problema più alto è stato registrare il conteggio delle schede elettorali. Solo il 38% ritiene che sarebbe di grande aiuto e il 65% ha affermato che sarebbe stato di aiuto. Assumere una società di revisione per monitorare il nuovo sistema di votazione elettronico utilizzato a maggio è stato il secondo con il 36%, dicendo che sarebbe stato di grande aiuto. Tutto il resto era al 30% o meno come formare un comitato elettorale speciale, con le Nazioni Unite che lavorano con la Commissione elettorale irachena, ecc. La convinzione sembra essere che i partiti al governo iracheno sono così radicati che non possono essere fermati dalla loro partecipazione. sul potere con ogni mezzo necessario, così pochi credevano che ci fosse una soluzione a questo dilemma.

Ulteriori domande hanno evidenziato quanto le persone alienate provassero dal loro governo. Pochi credevano di avere un’idea di ciò che stavano facendo i loro governi locali e federali. Solo il 20% ha dichiarato di credere di sapere cosa stava facendo il loro governo provinciale e che è sceso al 18% per il governo centrale. Di nuovo, l’umore generale era che il pubblico non veniva consultato o informato dalle autorità sulle loro azioni. Le persone vengono richieste per i loro voti, e poi le parti fanno i loro affari. La democrazia dovrebbe essere un governo per e dalla gente. Gli iracheni non pensano che stia succedendo.

Infine, gli iracheni non si fidavano delle loro istituzioni. La Commissione per i diritti umani ha ottenuto il punteggio più alto solo al 12%, affermando di essersi fidata molto e il 35% in qualche modo. Il prossimo era il sistema giudiziario all’11%, i consigli distrettuali all’8%, il governo federale al 7%, i consigli provinciali al 6% e il parlamento in fondo al 3%. Se la gente non credeva nelle elezioni e nei partiti politici non c’era motivo per cui si sentissero fiduciosi nel governo che corrono.

La nuova amministrazione del primo ministro Adil Abdul Mahdi non infonde fiducia. È un altro governo di unità nazionale come tutti gli altri dal 2005, ma con una grande differenza. Mahdi non è candidato come candidato, quindi non viene da nessun partito e le liste vincenti non formano un’alleanza per creare il governo. Invece, i due più grandi elenchi, Sairoon di Moqtada al-Sadr e Fatah di Hadi Amiri hanno formato due alleanze separate e hanno accettato di eleggere Mahdi, ma non sono d’accordo su come finire il suo governo. Con un’affluenza elettorale così bassa e un’alienazione generale, il governo non sta facendo nulla per conquistare il pubblico con un’azione forte. Invece stanno litigando tra loro proprio come hanno sempre un significato che continuano a ignorare le persone ora che hanno i loro voti.

fonti:

Istituto Nazionale Democratico, “Gli iracheni invitano il nuovo governo per l’occupazione, i servizi e la ricostruzione, risultati del sondaggio di agosto-ottobre 2018”, novembre 2018

Habib, Mustafa, “Pointless + Futile: ‘Stay At Home’ Campaign To Boycott Elections Appeal To Too Many Iraqis,” Niqash, 5/10/18

Pubblicità

Hanna, Michael Wahid, “Some Iraqi Odds and Ends,” Democracy Arsenal, 3/10/10

Institute of Regional and International Studies, “Iraq Votes 2018, Election Mobilization Strategies,” The American University of Iraq, Sulaimani, 5/11/18

Iraq News Network, “Sources: 44% voting rate by 1700 hours today,” 4/12/18

MacDonald, Alex, “Iraqis stay at home as officials report low turnout for election,” Middle East Eye, 5/12/18

Al Mada, “Bahaa al-Araji: not interested in candidates and advised Sadr to retreat from his plan for the Ahrar bloc,” 12/13/17

Al-Qarawee, Harith Hasan, “Sectarianism and the Iraqi Election: Two Potential Scenarios,” War On The Rocks, 5/11/18

Salaheddin, Sinan and Yacoub, Sameer, “Iraqi PM’s bloc wins most parliamentary seats,” Associated Press, 5/19/14