In Gran Bretagna, l’intellighenzia creativa fa sparire i contenuti social che danneggiano il consenso della popolazione alle politiche governative

Date:

Una unità governativa britannica istituita per “combattere la disinformazione sul Covid”, ora conduce una propria selezione negativa e ha effettivamente stabilito la propria censura sui social.

Ovviamente è assai plausibile che unità simili, siano operative anche in Italia, visto la lista con corredo di foto, pubblicata recentemente sul Corriere della Sera. Il testo che riporto qui di seguito dal titolo L’oscura “unità di contro-disinformazione” del Regno Unito è passata dal Covid alla guerra è di Cindy Harper:

di Cindy Harper | Recuperare la rete | 23 giugno 2022

Uno dei “regali” indesiderati che la pandemia ha lasciato nel Regno Unito è qualcosa chiamato “l’unità di contro-disinformazione”, istituita dal Dipartimento per il digitale, la cultura, i media e lo sport.

Il compito di questa unità, secondo i legislatori del Paese, è identificare la “disinformazione” e quindi “lavorare” con le società di social media per assicurarsi che il contenuto venga rimosso.

L’unità esiste da due anni. Inizialmente era focalizzata sul monitoraggio e sull’eliminazione delle informazioni relative al Covid che disapprova, ma con lo scoppio della guerra in Ucraina (e il calo dell’interesse per Covid), il conflitto ucraino è ora al centro dell’attività del gruppo.

E’ da notare che l’esistenza e le modalità operative dell’unità sono state segnate da controversie, dalla mancanza di trasparenza circa l’ interpretazione di ciò che costituisce disinformazione.

Sembra che tutto ciò che serva alle autorità del Regno Unito per bollare un parere o dati discordanti come disinformazione, e poi costringere le aziende tecnologiche a censurare ciò che l’unità giudica “inappropriato”, ovvero non collimante con la verità sponsorizzata dal governo.

Il deputato Chris Philp lo ha rivelato  durante un’audizione , facendo luce anche sull’aspetto del modo di “lavorare” dell’unità con le società di social media.

“In alcuni casi, i funzionari del ministero si sono impegnati direttamente con le società di social media per incoraggiarle a rimuovere contenuti chiaramente inappropriati”, ha detto il deputato durante una audizione sulla proposta di  legge sulla sicurezza online , l’altra grande minaccia del Regno Unito alla libertà di parola.

Tutto ciò messo insieme significa che il governo sta censurando il discorso dei cittadini a sua discrezione, come era già stato suggerito dal ministro del governo britannico Nadine Dorries.

Dorries – che è responsabile del dipartimento che aveva istituito l'”unità contro la disinformazione” –  all’inizio di quest’anno  ha spiegato a coloro che pensavano che siccome la pandemia ha lasciato il posto alla guerra, l’unità fosse stata sciolta.

Ma come ha detto la stessa Dorries, l’unità non è stata sciolta. “Non è vero”, ha detto Dorries, aggiungendo che il loro lavoro si svolge “ogni giorno e ogni giorno lavoriamo per rimuovere i contenuti online” [contrari alla narrativa dominante]. Dorries ha descritto il contenuto che è considerato offensivo e dannoso o classificato come disinformazione.

Nessuno di questi termini, incluso “inappropriato“, non ha nulla di specifico, per cui il lavoro dell’unità stessa si può definire definito “opaco“, il che ha portato i critici a temere che potrebbe si tratta esclusivamente di censura statale.

Patrizio Riccihttps://www.vietatoparlare.it
Con esperienza in testate come il Sussidiario, Cultura Cattolica, la Croce, LPLNews e con un passato da militare di carriera, mi dedico alla politica internazionale, concentrandomi sui conflitti globali. Ho contribuito significativamente all'associazione di blogger cristiani Samizdatonline e sono socio fondatore del "Coordinamento per la pace in Siria", un'entità che promuove la pace nella regione attraverso azioni di sensibilizzazione e giudizio ed anche iniziative politiche e aiuti diretti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

More like this
Related

Siria, Ucraina, Georgia: la procedura è sempre quella – Testimonianza di Mons. Nazzaro : La Primavera Siriana – dai prodromi al Califfato

Conferenza di Monsignor Giuseppe Nazzaro, Vicario Apostolico emerito di Aleppo, presso l'Istituto Veritatis Splendor  a Bologna, il 30 ottobre 2014 Mi sia concesso iniziare questa mia presentazione affermando che, prima del 15 marzo 2011 non erano tantissime le persone al mondo che conoscevano dove trovare la Siria sulla carta geografica. Era un problema di pochi [...]

L’attentato a Robert Fico e le liste di morte di Kiev…

Dalla pubblicazione 'Antispiegel' un articolo lungo ma da tenere...

La terza guerra mondiale per Borrell è un “problema filosofico”

L'atteggiamento di Josep Borrell, capo diplomatico dell'Unione Europea, esemplifica...

L’occidente vuole rendere inevitabile l’uso di armi nucleari tattiche in Ucraina

Riporto di seguito una interessante quanto drammatica analisi del...
Exit mobile version