SIRIA – Il ritorno della Siria alla famiglia degli stati arabi

L‘edizione egiziana di Ahram online oggi, 19 novembre, ha pubblicato un articolo di Ahmed Mostafa, dedicato alla normalizzazione dei rapporti tra Siria e Paesi arabi. La pubblicazione russa EADaily ha rilanciato il testo di questo articolo.

La speranza che la Siria torni nella Lega Araba è stata rafforzata all’inizio di questo mese a seguito di una visita storica del ministro degli Esteri degli Emirati Arabi Uniti, lo sceicco Abdullah bin Zayed, nella capitale siriana Damasco e del suo incontro con il presidente siriano Bashar al-Assad . Questa è stata la prima visita ad alto livello di un rappresentante del Golfo in Siria dall’inizio della guerra nel Paese più di dieci anni fa.

Secondo i resoconti ufficiali dei media siriani, la visita diplomatica negli Emirati è seguita a una conversazione telefonica tra Assad e il principe ereditario di Abu Dhabi, lo sceicco Mohamed bin Zayed . A ottobre, Assad ha incontrato ancora una volta il monarca giordano, il re Abdullah II , in quella che sembrava essere parte della nuova scoperta araba della Siria.

Mentre l’Arabia Saudita non si sta ancora chiaramente aprendo al presidente Assad, gli Emirati Arabi Uniti avevano già aperto la loro ambasciata a Damasco entro la fine del 2018. In precedenza avevano interrotto i legami con Damasco come parte di un boicottaggio generale del governo del Golfo e di sostegno all’opposizione. Per lo più Arabia Saudita e Qatar hanno fortemente sostenuto i combattenti islamisti contro Assad. All’epoca, hanno collaborato con la Turchia per perseguire il cambio di regime, sostenuto anche dagli Stati Uniti.

Come ha scritto Bel Trew su The Independent, questa operazione di cambio di regime è fallita e Al-Assad ha vinto: “Gli Emirati Arabi Uniti, essendo estremamente pratici quando si tratta dei propri interessi nazionali, hanno voluto a lungo normalizzare le relazioni con il regime di Assad … Ma è chiaro quel piccolo, ma aspirante Stato del Golfo, sente di doversi posizionare come mediatore pubblico in Siria mentre continua a diventare un potente mediatore nella regione. Sono diventati il ​​primo Paese del Golfo a riconoscere Israele lo scorso anno ”.

In una serie di tweet, l’analista politico e accademico degli Emirati Abdulhalek Abdullah ha riassunto gli obiettivi della visita del ministro degli Esteri degli Emirati Arabi Uniti in Siria: aiutare il popolo siriano a ricostruire la propria posizione, facilitare il ritorno di 10 milioni di rifugiati siriani, aumentare la presenza araba in Siria, organizzare gli affari arabi, ridurre la presenza iraniana in Siria e lavorare per porre fine all’occupazione turca. Abdullah ha anche aggiunto in un’intervista: ” Qualcuno doveva fare questo lavoro e gli Emirati Arabi Uniti lo hanno fatto … La posizione degli Emirati Arabi Uniti è” abbastanza chiara, voltiamo pagina.  Primo, al-Assad è qui per restare… a nessuno piace la sua personalità o quello che ha fatto, ma per molti versi ha vinto… L’opposizione siriana è in declino… Affrontare le realtà sul campo aiuterà i siriani le persone”.

delegazione EAU a Damasco
delegazione EAU a Damasco

Lo sceicco Abdullah bin Zayed ha lasciato Damasco per visitare la capitale giordana Amman, dove ha incontrato il ministro degli Esteri giordano Ayman al-Safadi . In seguito ha avuto una telefonata con il suo omologo iraniano Hossein Amir Abdollahian .

Gli iraniani potrebbero temere l’avvicinamento del Golfo Persico alla Siria, volto a ridurre la loro influenza nel Paese arabo. Lo stesso accade da tempo con l’Iraq. I paesi del Golfo si sono scaldati verso Baghdad, cercando di ridurre l’influenza iraniana.

Ma il quotidiano iraniano The Tehran Times ha scritto questa settimana che “l’ Iran ha già sostenuto il cosiddetto processo di restituzione della Siria alla famiglia araba. Il ministro degli Esteri iraniano ha recentemente parlato al telefono con lo sceicco Abdullah e Al-Safadi, nonché con il ministro degli Esteri algerino Ramtan Lamamra … Inoltre, l’Iran ha accolto con favore il miglioramento delle relazioni tra Damasco e le altre capitali arabe” .

Il giornale iraniano afferma: “ L’influenza iraniana in Siria non è mai stata diretta contro gli Emirati Arabi Uniti e i loro alleati arabi. Pertanto, è difficile capire perché gli Emirati stiano facendo sforzi per minare gli interessi di Teheran in Siria. La pressione degli Emirati Arabi Uniti potrebbe ritorcersi contro poiché è improbabile che il governo siriano volti le spalle a coloro che lo hanno aiutato durante la crisi. Dopotutto, gli Emirati Arabi Uniti facevano parte di un gruppo di paesi che hanno lavorato per rovesciare il governo siriano negli ultimi dieci anni. Il fatto che non siano riusciti a ottenere un cambio di regime a Damasco non significa che possano diventare alleati della Siria da un giorno all’altro ”.

L’ironia è che l’unico alleato dell’Iran nel Golfo Persico è uno che potrebbe non cercare di riabilitare la Siria. Il Qatar non considera la possibilità di normalizzare i rapporti con la Siria e ” spera che altri Paesi non incoraggino ulteriori passi con il governo del presidente Bashar al-Assad ” , come affermato dal suo ministro degli Esteri Sheikh Mohamed bin Abdulrahman Al Thani in una conferenza stampa congiunta. con il Segretario di Stato americano Anthony Blinken a Washington. Ha aggiunto: “ Sarebbe bello se tutti i paesi della regione fossero uniti quando si tratta del problema siriano “.

Washington si è astenuta dal criticare gli Emirati e altri sforzi arabi per riabilitare Damasco. Durante una visita di alto profilo negli Emirati Arabi Uniti, il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price ha affermato che gli Stati Uniti erano “ preoccupati ” per l’ incontro e il segnale inviato, ma si è fermato lì, aggiungendo che Washington “ darà ai [suoi] alleati l’opportunità di caratterizzare la loro posizione sulla Siria “.

Nonostante il Qatar e il suo alleato Turchia si oppongano al resto del Golfo Persico e alla Siria, il processo di restituzione della Siria alla famiglia degli stati arabi continua. Algeria, Tunisia, Egitto, Oman, Giordania e Emirati Arabi Uniti sono tutti favorevoli alla reintegrazione della Siria. L’Arabia Saudita può resistere, ma di certo non si oppone a tali mosse, soprattutto da uno stretto alleato del Golfo come gli Emirati Arabi Uniti, che indica la possibilità che la Siria partecipi al prossimo vertice arabo in Algeria all’inizio del prossimo anno.

fonte

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.