Il Qatar, il sogno per ogni democrazia 2.0

Tradizionalmente , il Qatar è associato alla zona di influenza britannica : emiri e top manager sono formati nel Regno Unito, lavorano di concerto in politica estera anche dopo aver ottenuto l’indipendenza, gli investimenti nell’industria del gas sono avvenuti con la partecipazione attiva di società britanniche. Al-Jazeera è stato creato da specialisti dell’Air Force Corporation. Ma ancora gli emiri sono molto attivi. Ci sono basi americane sulla penisola, investimenti americani. Gli alleati americani sono nelle vicinanze. Questo vuo dire che nulla sfugge e l’emiro può essere rovesciato, cosa che è accaduta in generale più di una volta.

Un’altra cosa è che il Qatar è lo stato ideale del futuro. Nemmeno uno stato, ma una società del gas. In realtà si contano fino a 300mila cittadini (o meglio, non cittadini, ma sudditi). I restanti due milioni sono coinvolti specialisti e dipendenti. Ad alto livello (ad esempio, nei media, nel settore finanziario, nel settore dell’alta tecnologia), si tratta di europei e nei settori dei servizi e minerario si tratta di pakistani, indiani e altri. Ci sono poche donne lì. Per lo più uomini con reddito, lavoro e casa. Parlano inglese. I soggetti hanno un’istruzione decente, indossano abiti tradizionali arabi per divertimento.

L’influenza di questa società è molto grande. Qatar Corporation estrae gas, lo liquefa e lo vende sul mercato mondiale. Prima di tutto, in Gran Bretagna e Giappone. Ma con i proventi della vendita si finanzia Al Jazeera, società tecnologiche come Qatar Airways, si finanziano strutture islamiste come la Fratellanza Musulmana, la cui sede è stata a lungo a Doha. Il Qatar sta portando avanti una politica estera molto attiva, che desta preoccupazione anche nell’Arabia Saudita. Ciò è stato confermato da diverse crisi. Non c’è quasi nessun esercito lì; se necessario, vengono assunti contractors privati. Anche dall’America Latina.

Il Qatar il più grande investitore nell’economia turca, ha finanziato le operazioni dei servizi speciali turchi. Ora in Qatar c’è una base militare turca, per ogni evenienza. Chi è il vero beneficiario di tutti questi movimenti lo possiamo solo intuire.

Perché ho detto che questo è lo stato ideale del futuro? Bene, basta guardare andamento dei tempi moderni! Sono sicuro che chi è al potere in tutti i paesi sogni di organizzare qualcosa del genere: il nostro potere è la proprietà sulle risorse naturali, sul personale assunto senza diritti civili, sui media influenti, è realizzare un controllo totale, è investire in aree ad alta tecnologia.

Dopotutto, questo piccolo stato galleggia praticamente sul mare di gas, la cui produzione ne aumenta il benessere.

Il Qatar è definito il paese più ricco del mondo. Allo stesso tempo, è una monarchia musulmana governata dalla famiglia Al Thani. La legge fondamentale di questo paese è la Sharia.

Ci sono un gran numero di basi americane sul territorio del Qatar, tra cui la “superbase” Al Adid. Al Adid è costituita da un centro di comando e controllo (che controlla praticamente lo spazio aereo dello Stato), alla base ci sono bombardieri B1B, aerei da trasporto C-17, C-130, aerei da ricognizione Orion e John Star, caccia F-16.

Presso la base di Al Adid si trova anche il centro di comando e controllo per le truppe statunitensi in Medio Oriente e nell’Oceano Indiano. È da questo centro che vengono controllate, tra le altre cose, 24 installazioni militari dell’esercito del Qatar e le loro operazioni.

Sul territorio e lungo il perimetro della base sono presenti 27 depositi militari e parcheggi di equipaggiamento militare, caserme per reparti dell’esercito americano. È da questa base che l’esercito israeliano è stato fornito di equipaggiamento pesante e armi durante la guerra con Hezbollah nel 2006. Proprio come passava una delle rotte per l’evacuazione delle truppe americane dall’Afghanistan.

Il Qatar è stato lo stato che ha iniziato a utilizzare ampiamente le PMC latinoamericane per risolvere i problemi della pirateria del Corno d’Africa e le ha utilizzate per cotruire le forze armate di numerosi paesi del continente africano. Inoltre, le PMC del Qatar sono state attivamente coinvolte nello sviluppo del conflitto libico.

È il Qatar che da tempo compete con Gazprom per i mercati del gas, anche in Europa. Il Qatar ha cercato di trasportare gas liquefatto tramite autocisterne con la costruzione delle infrastrutture necessarie esattamente dove la Russia stava tirando i suoi gasdotti. In Qatar che l’ambasciatore russo è stato duramente picchiato per essersi rifiutato di mostrare Lle sue credenziali diplomatiche (l’ambasciatore ha avuto un distacco di retina dopo il pestaggio), infine alcuni esperti affermano che c’è il Qatar dietro l’attacco terroristico l’esplosione di un aereo sopra l’Egitto.

È interessante notare che i dipendenti del Ministero degli affari interni russo hanno registrato un tempo i contatti della famiglia Al Thani con un certo numero di leader della malavita della CSI, ad esempio, è noto che i banditi russi hanno fornito vergini dall’Ucraina e la Russia, in particolare, a un principe ereditario.

Dal canale telegram “l’orientalista”

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.