Guerra Biologica: “La coalizione sostenuta dagli Stati Uniti nello Yemen sta cercando di scatenare un’altra enorme epidemia di colera”

La coalizione a guida saudita sostenuta dagli USA nello Yemen ha compiuto numerosi attacchi aerei nello Yemen venerdì, il giorno santo dell’Islam. Sebbene i raid non siano stati assenti da perdite, gli attacchi aerei  sembravano avere come obiettivo infrastrutture civili vitali piuttosto che vite umane. I continui attacchi ai pozzi d’acqua e alle strutture di trattamento fanno supporre che la coalizione sostenuta dagli Stati Uniti stia tentando di scatenare un’altra massiccia epidemia di colera.

L’anno scorso oltre  un milione di  persone ha contratto il colera nello Yemen e oltre duemila sono stati i morti.

Gli aerei sostenuti dagli Stati Uniti appartenenti alla coalizione saudita hanno lanciato almeno cinque bombardamenti aerei sull’aeroporto internazionale di Sana’a. Gli attacchi sono avvenuti immediatamente dopo la partenza dell’inviato Onu, Martin Griffith. Griffith aveva appena incontrato il leader della rivoluzione yemenita Ansarullah, Abdulmalik Al-Houthi per discutere del conflitto e del disastro umanitario.

La coalizione contro lo Yemen ha colpito l’aeroporto di Sana più di 160 volte dall’inizio della guerra, nonostante il fatto che il blocco imposto dai sauditi abbia costretto l’aeroporto a chiudere. Ulteriori attacchi aerei di venerdì hanno preso di mira una fattoria, una torre di comunicazione e una fabbrica di plastica.

Anche gli aerei della coalizione hanno distrutto un importante progetto idrico nella provincia di Hodeidah dello Yemen: uno degli epicentri più poveri e popolati dello Yemen come una grande città portuale. Il popolo di Hodediah ha temporaneamente perso l’accesso all’acqua. Le Nazioni Unite stimano che 8,6 milioni di bambini non hanno accesso all’acqua pulita, esponendoli in questo modo a rischio di malattie mortali come il colera.

Puoi sottrarre alla gente l’acqua, ma non hai il coraggio di pagare il denaro delle Nazioni Unite

Questo è solo il più recente attacco degli Stati Uniti a un rifornimento idrico nello Yemen. La scorsa settimana, gli aerei della coalizione hanno distrutto un importante progetto idrico nella provincia di Saada, che ha lasciato oltre 10.000 persone senza accesso all’acqua pulita. I continui attacchi contro i sistemi idrici hanno provocato la condanna delle Nazioni Unite, soprattutto perché sono loro a pagare il conto.

L’UNICEF deplora nei termini più forti l’ennesimo attacco a sistemi idrici vitali e sistemi salvavita nello Yemen. Una grande struttura idrica a Sa’ada, a nord-ovest del paese, è stata attaccata questa settimana. Questo è il terzo attacco di questo tipo sulla stessa struttura. Più della metà del progetto è ora danneggiata, interrompendo a 10.500 persone l’accesso all’acqua potabile. Attacchi continui ai sistemi idrici nello Yemen stanno tagliando i bambini e le loro famiglie dall’acqua; aumenta così la probabilità che malattie trasmesse dall’acqua si diffondano nel paese devastato dalla guerra. Per le famiglie nello Yemen, questi servizi di base fatiscenti sono una questione di vita o di morte “.

La  dichiarazione dell’UNICEF  menziona anche che due attacchi sauditi su un progetto idrico che a marzo è costato 20.000 dollari alle Nazioni Unite. L’incidente della scorsa settimana avrà un costo di 300.000 dollari.

Mentre questi attacchi alle risorse idriche sono certamente degni di nient’altro che la condanna più forte, l’ONU non è riuscita a tenere sotto controllo gli Stati Uniti, l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti fino ad ora. (Probabilmente a causa di ricatti e alle manipolazioni finanziarie).

Creare un’altra epidemia di colera

Questi attacchi alle infrastrutture idriche arrivano in un momento cruciale.

Il clima estivo dello Yemen crea l’ambiente perfetto per contrarre il colera. L’  Organizzazione Mondiale della Sanità ha  riportato circa 3.000 casi di colera sospetti solo nella prima settimana di luglio, il più alto di quest’anno.

Il gruppo con sede nel Regno Unito,  Save the Children , avverte che gli Emirati e gli Emirati sostenuti dagli Stati Uniti avanzano sul porto di Hodeidah potrebbero rapidamente esasperare la diffusione del colera:

Save the Children avvisa che Yemen potrebbe essere sull’orlo di una nuova mortale epidemia di colera che nelle prossime settimane potrebbe colpire migliaia di persone a meno che non venga intrapresa un’azione urgente. Save the Children sta diventando sempre più preoccupata che la città di Hodeidah possa essere assediata mentre la coalizione a guida saudita e degli Emirati fa avanzamenti nel nord dello Yemen e continua a consolidare i guadagni intorno al sud della città. Questo potrebbe potenzialmente tagliare la città di Hodeidah, il suo porto e la sua gente dal resto del paese “.

Nel 2017, oltre un milione di yemeniti hanno contratto il colera – un’epidemia completamente senza precedenti nei tempi moderni. Il colera è una malattia molto prevenibile – eppure molto curabile – contratta bevendo acqua sporca.

È chiaro che questi attacchi sostenuti dagli Stati Uniti sulle infrastrutture idriche sono molto deliberati. L’epidemia di colera dello scorso anno non è stata una conseguenza accidentale del blocco e dei raid aerei arbitrari: era una conseguenza prevista.

Quanto descritto è parte integrante della strategia della coalizione saudita di battere gli yemeniti alla sottomissione mentre le truppe della coalizione falliscono sul terreno. La malattia e la carestia sono due delle armi preferite di Washington e Riyadh da utilizzare nello Yemen per questo scopo.

Foto in alto | Una ragazza viene curata per una sospetta infezione da colera in un ospedale di Sanaa, nello Yemen. L’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che un’epidemia di colera in rapida diffusione nello Yemen ha già causato migliaia di vittime. (AP / Hani Mohammed)

Geopolitcs Alert  è concesso in licenza in base alla licenza internazionale Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 3.0.

Il post La coalizione sostenuta dagli Stati Uniti nello Yemen sta cercando di scatenare un’altra enorme epidemia di colera, apparso per la prima volta su MintPress News .

Collegamento sorgente

Pubblicità