Globalizzazione: come il globalismo influisce negativamente sulla società e sulla felicità delle persone

Nel contesto attuale, la discussione sulla globalizzazione e i suoi impatti è sempre più rilevante. L’articolo di Amerikan Thinker, esplora come il globalismo possa influenzare in maniera estremamente negativa la società e le persone, togliendo ad esse una prospettiva di felicità:

Gli americani sono  pessimisti riguardo al futuro. Vedono i decenni passati in modo più favorevole rispetto al presente. La “terra delle opportunità” è scomparsa. Il “sogno americano” è scomparso. Ciò che rimane è che un ricordo sbiadito di ciò che l’America era una volta e non esistono segnali che la sua preminenza possa essere ripristinata.

Questo pessimismo non è peculiare solo a coloro che vivono negli Stati Uniti. Un  numero crescente di ricerche mostra che le popolazioni nazionali in tutto il mondo sono depresse riguardo al futuro. Miliardi di smartphone, intrattenimenti digitali che si moltiplicano in modo esponenziale e piattaforme di social media che connettono milioni di persone al minuto, ma evidentemente non creano condizioni sufficienti per l’ottimismo umano o la felicità.

Diagnosticare il motivo per cui otto miliardi di persone siano infelici non è un compito facile, ma c’è un colpevole evidente che ha sicuramente contribuito al malessere globale. Il globalismo, come filosofia di governo sempre più dominante – se non è una pseudo-religione – del pianeta, è intrinsecamente antagonista sia all’autodeterminazione individuale che ai legami naturali formati all’interno delle famiglie e delle tribù. Quando ogni essere umano è incoraggiato, se non addirittura obbligato, ad agire strettamente per il “bene comune” della popolazione globale, le preferenze che promuovono gli interessi unici di un individuo, di una famiglia o di una nazione devono essere indebolite.

Istituzioni potenti come le Nazioni Unite, il World Economic Forum, BlackRock e persino il  Vaticano   richiedono tutte un mondo essenzialmente senza confini, in cui le popolazioni di qualsiasi nazione sono incoraggiate a migrare liberamente in altre. Decenni di  migrazioni di massa , soprattutto in Occidente, hanno portato non solo un’esplosione di enclavi etniche , che vivono in modo relativamente autonomo all’interno degli Stati ospitanti, ma anche la frattura dei legami civici comuni che un tempo univano vagamente i popoli nativi di quelle nazioni. Quando i cittadini o i partiti politici hanno reagito contro le politiche di  immigrazione incontrollata , le autorità con una mentalità globalista si sono affrettate a demonizzare i propri cittadini come razzisti; xenofobi; o, più recentemente, fornitori di “odio”.

Ancora più devastante per le popolazioni colpite, l’assimilazione è ora disprezzata. Piuttosto che incoraggiare i nuovi residenti ad adottare la lingua, le usanze e le tradizioni della loro terra adottiva, i governi hanno scelto di dare priorità alle identità culturali dei recenti immigrati rispetto alle identità storiche degli Stati-nazione che ora chiamano casa.

Il nazionalismo è derisoriamente equiparato alle peggiori atrocità del nazismo tedesco o del fascismo italiano del secolo scorso, mentre i suoi successi dell’Età dell’Illuminismo nell’organizzare popoli simili in regioni autosufficienti abbastanza pacifiche da favorire l’innovazione tecnologica, la crescita economica e la stabilità politica relativa sono completamente ignorati.

Il nazionalismo è derisoriamente equiparato alle peggiori atrocità del nazismo tedesco o del fascismo italiano del secolo scorso, mentre i suoi successi dell’Età dell’Illuminismo nell’organizzare popoli simili in regioni autosufficienti abbastanza pacifiche da favorire l’innovazione tecnologica, la crescita economica e la stabilità politica relativa sono completamente ignorati. Gli occidentali sono oppressi dalle filosofie sorelle del globalismo, “multiculturalismo” e “diversità per il bene della diversità”, al punto che anche dichiararsi fieramente inglesi, olandese, tedesco o, cielo lo proibisca, russo può rapidamente portare a definire l'”offensore” un “razzista” che deve essere “rieducato” per respingere l’odio. Non sorprende, quindi, che i Giochi Olimpici stiano perdendo popolarità da quando gli occidentali sono regolarmente condizionati a credere che l’amore per la propria nazione debba essere estirpato dalla razza umana.

Ancor più fondamentale dell’appartenenza a tribù nazionali che promuovono significato e identità, è la il nucleo familiare che fornisce agli esseri umani una rete di supporto naturale per affrontare i pericoli del mondo esterno. Genitori, fratelli e parenti prossimi forniscono ai giovani membri della famiglia le competenze e le conoscenze necessarie per navigare nella selva della vita. I legami di parentela rafforzano gli istinti di proteggere e rafforzare il gruppo. Le famiglie mantengono una divisione organica del lavoro e un senso del dovere condiviso che infondono uno scopo innato in ciascun membro.

Il globalismo ee la supremazia dello Stato, invece, sono diametralmente opposti alla famiglia. Elevando la lealtà al “bene comune” e la “competenza” dello Stato rispetto al processo decisionale privato delle famiglie, lo Stato ha indebolito il motore più naturale per creare e sostenere l’identità e lo scopo di un essere umano. Gli agenti governativi ora si intromettono  tra genitori e figli  in questioni personali come la convinzione religiosa, la moralità sessuale e il benessere psicologico. Se i genitori rifiutassero alcune delle ideologie radicali dello Stato – come il “transgenderismo” – i loro diritti naturali come genitori sarebbero minacciati. Proprio come durante la Rivoluzione Culturale cinese, i governi occidentali ora dominano la sfera privata della famiglia.

È questa forma di superiorità del governo – intollerante alle tradizioni di parentela e ostile all’azione personale – che ha effettivamente generato  regimi totalitari del secolo scorso . Ciò che distingue la nostra epoca attuale è che le autorità globaliste cercano l’assoluta obbedienza dei cittadini non solo verso i loro governi nazionali, ma anche al pantheon degli dèi globalisti a cui quei governi affermano di pregare. Alle persone viene ordinato di obbedire in nome del COVID, del “cambiamento climatico”, della “democrazia”, della “lotta all’odio” o qualsiasi altra divinità che lo Stato produce per la supplica del pubblico. Le persone che adorano questi falsi dei vengono ricompensate con l’espiazione sanzionata dal governo; coloro che rifiutano vengono puniti come eretici. Indipendentemente da quanto fedelmente i convertiti si dedichino pubblicamente alla teologia globalista,  servono veramente solo la piccola classe di oligarchi che usa la loro autorità quasi divina per accumulare maggiore ricchezza e potere per sé stessi.

I buoni genitori si sacrificano per i loro figli; non sono inclini a vedere i loro figli essere massacrati e e sottoposti al lavaggio del cervello. I guerrieri si sacrificano quando le loro comunità vengono attaccate; non sono inclini a morire per pronomi pretenziosi e emissioni di carbonio. Per quanto implacabile continui ad essere la propaganda dello Stato, nessuna persona centrata vede il governo come una famiglia o vuole combattere una  guerra per il globalismo . Quanto più lo Stato insiste affinché le persone agiscano contro la loro natura, tanto più le persone si rendono conto di dover  rifiutare l’autorità  dello Stato. La prospettiva di un conflitto imminente genera un profondo pessimismo riguardo al futuro.

Nella mia esperienza, la sofferenza umana nasce quando le persone sentono di non avere alcun controllo sulla propria vita.  Tale sofferenza può spesso essere arginata quando le persone cercano un qualche tipo di relazione con Dio, si assumono la responsabilità personale delle proprie azioni, usano il proprio lavoro per creare qualcosa di proprio ed esprimono apertamente i propri pensieri. Questo percorso verso la felicità richiede che l’individuo faccia il grosso del lavoro, ma dà anche il potere alla mente di creare e pensare liberamente. Gli esseri umani che accettano con fiducia il proprio libero arbitrio all’interno di un mondo non creato da loro alla fine trovano la pace. Come si creano società felici? Incoraggiare i cittadini ad abbracciare Dio, la proprietà privata e la libertà di parola.

Il globalismo fa esattamente il contrario. Richiede una dipendenza totale dal governo. Quando è scoppiata la pandemia di COVID, lo Stato ha chiuso le chiese, mandato in bancarotta le piccole imprese e messo a tacere il dissenso. Il culto del “cambiamento climatico” insiste sul fatto che non si  possiede nulla , non si produce nulla e si prega la Madre Terra. L’assurda “Guerra alla disinformazione e all’odio” dello Stato cerca di  schiavizzare la mente  e  criminalizzare i pensieri . E ci si aspetta che l’individuo faccia tutti questi sacrifici per la gloria dello stato globalista “multiculturale”, “ inclusivo ”, “ equo ”, “verde” e ossessionato dall’energia  . Non sorprende che la maggior parte degli esseri umani non abbia alcun interesse a pregare nella chiesa delle Nazioni Unite o a obbedire ai dettami dell’Organizzazione Mondiale della Sanità che obbliga ai mandati coercitivi sui vaccini come se fossero i Dieci Comandamenti.

Il globalismo può avere successo solo in un mondo terribilmente pessimista. Esso prospera sul razzismo.  Dipende da una visione apocalittica di un pianeta morente. Ha bisogno di dividere le persone l’una contro l’altra,  in modo che siano troppo occupate per unirsi e resistere a coloro che causano loro effettivo danno. Sotto  il governo globalista , la felicità è soffocata dalla miseria, dalla paura e dall’odio.

Anche nelle ore più buie dell’umanità, l’ottimismo ha prevalso. Dopo la prima guerra mondiale gli americani si innamorarono dell’automobile. Dopo la seconda guerra mondiale, gli americani comprarono case e televisori. Durante la guerra del Vietnam gli americani mandarono l’uomo sulla Luna. Ora i globalisti spingono i trasporti pubblici e i piccoli appartamenti. Le televisioni sono solo strumenti di propaganda statale. E gli astronauti americani hanno trascorso gli ultimi 50 anni in orbita attorno alla Terra.

Dopo due decenni di guerra, i guerrieri di questa generazione tornano a casa e trovano il PATRIOT Act  usato contro di loro , il governo che rivendica  la proprietà sui loro figli , benzina inaccessibile e la prospettiva di  affittare per tutta la vita . Il globalismo è il luogo in cui l’ottimismo va a morire. La felicità richiederà la sua demolizione.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.