Global Times: la Russia resiste alle pressioni derivanti dall’avvio di intensi negoziati con gli Stati Uniti

Una sintesi degli eventi dal lato cinese: l’azione rapida in Kazakistan dà alla Russia più influenza; la Cina è un forte fattore stabilizzante.

la Russia resiste alle pressioni derivanti dall’avvio di intensi negoziati con gli Stati Uniti

Dopo due incontri tra il presidente russo Vladimir Putin e il suo omologo statunitense Joe Biden nel dicembre 2021,  lunedì a Ginevra, soprannominata la “capitale della pace”, si sono tenuti colloqui tra diplomatici russi ed americani, tra le tensioni al confine tra Russia e Ucraina e i giorni di violente proteste in Kazakistan, uno stato dell’ex Unione Sovietica.

L’incontro, a cui hanno partecipato il viceministro degli Esteri russo Sergei Ryabkov e il vicesegretario di Stato americano Wendy Sherman, è iniziato in un’atmosfera pessimistica, poiché Mosca ha dichiarato domenica che non avrebbe fatto alcuna concessione sotto la pressione degli Stati Uniti, mentre il segretario di Stato americano Antony Blinken ha affermato non pensa che ci saranno progressi nella prossima settimana.

Dopo questo incontro, mercoledì seguirà un altro incontro a Bruxelles, questa volta Russia-NATO ,  e giovedì da un incontro con l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE).

Prima dell’incontro, la Russia ha chiarito le sue richieste, incluso il divieto di un’ulteriore espansione della NATO nell’Europa orientale e insistendo che la NATO non deve mai accettare l’adesione la richiseta di adesione dell’Ucraina  all’alleanza militare.

Le regioni circostanti la Russia , con l’aumento delle tensioni al confine con l’Ucraina e le recenti rivolte in Kazakistan, hanno mostrato segni di maggiore instabilità. Gli analisti hanno affermato che la possibilità che le richieste russe vengano soddisfatte attraverso i cicli di dialoghi è quasi zero, ma il duro contrattacco di Mosca ha efficacemente salvaguardato gli interessi russi e ha resistito alle pressioni occidentali per spremere lo spazio strategico russo.

Inoltre, la mentalità degli Stati Uniti da guerra fredda ha sostanzialmente alienato le altre due grandi potenze all’interno dei legami trilaterali Cina-Russia-USA, avvicinando Cina e Russia, il che potrebbe costringere gli Stati Uniti a riflettere su se stessi dopo ripetute battute d’arresto, hanno affermato gli esperti.

Pressione e contrattacco

In due colloqui con Putin lo scorso dicembre, Biden ha avvertito delle “gravi conseguenze” di qualsiasi “invasione” russa dell’Ucraina. Blinken domenica ha anche sottolineato che Mosca deve scegliere tra confronto e dialogo.

“Naturalmente, non faremo concessioni sotto pressione“, ha affermato Ryabkov, che guida la delegazione russa a Ginevra. Ryabkov ha anche rivelato che i suoi colloqui con alti diplomatici statunitensi alla vigilia dell’incontro di lunedì sono stati “complessi ma professionali”, hanno riferito i media.

Nel dicembre 2021, la Russia ha reso pubblico un progetto di trattato sulla sicurezza in cui proponeva agli Stati Uniti le garanzie di sicurezza. Ha esortato gli Stati Uniti a prevenire un’ulteriore espansione verso est della NATO, poiché “entrambi i paesi non intraprenderanno azioni né parteciperanno o sosterranno attività che influiscano sulla sicurezza reciproca”, ha riferito Xinhua.

Ci sono serie differenze tra Stati Uniti e Russia in termini di sicurezza europea, situazione in Ucraina e espansione verso est della NATO… Entrambe le parti hanno espresso in anticipo opinioni pessimistiche, che in realtà hanno esercitato pressioni sull’altra parte abbassando le aspettative, in modo che l’altra parte non chiederebbe un prezzo troppo alto nella negoziazione“, ha detto lunedì al Global Times Zhang Hong, un esperto di studi dell’Europa orientale dell’Accademia cinese delle scienze sociali.

La Russia ha espresso la sua volontà di perseguire la pace, avvertendo gli Stati Uniti e la NATO che stanno mettendo sul tavolo possibili soluzioni per una soluzione agevole e cooperativa alla crisi in Ucraina prima che si deteriori ulteriormente nel conflitto militare, ha detto Zhang, osservando che l’iniziativa della Russia otterrà favore da parte dell’opinione pubblica internazionale.

Lo stesso giorno del discorso Ryabkov-Sherman, si è tenuto un incontro online dell’Organizzazione del Trattato di sicurezza collettiva (CSTO) per discutere della situazione in Kazakistan, alla presenza di Putin.

Zhang ha affermato che, sebbene i recenti disordini in Kazakistan siano stati visti come un evento da “cigno nero” nella regione vicina alla Russia, la rapida decisione  di Mosca di inviare forze di pace della CSTO potrebbe aumentare la sua influenza e la fiducia negli incontri successivi, poiché il Kazakistan si è gradualmente stabilizzato grazie agli sforzi della Russia .

I negoziati tra Stati Uniti e Russia saranno difficili e lunghi, ma ciò non significa che le due parti non siano pronte a scendere a compromessi, soprattutto quando gli Stati Uniti stanno esaurendo le misure sanzionatorie contro la Russia, hanno osservato gli esperti.

La carenza di forniture energetiche, in particolare petrolio e gas in Europa, potrebbe rafforzare la mano della Russia e diminuire le opzioni a disposizione degli Stati Uniti per sanzioni contro la Mosca, ha affermato Zhang.

Zhao Huirong, un esperto dell’Istituto di studi russi, dell’Europa orientale e dell’Asia centrale sotto l’Accademia cinese delle scienze sociali, ha detto al Global Times che Washington sta cercando una relazione stabile e più prevedibile con la Russia… e l’invio di truppe in un conflitto militare diretto tra è improbabile che sia un’opzione.

Zhao ha affermato che cacciare la Russia dalla Società per le telecomunicazioni finanziarie interbancarie mondiali (SWIFT) è un modo per imporre sanzioni, ma ciò danneggerebbe sia gli Stati Uniti che l’Europa, perché il commercio di energia deve essere autorizzato utilizzandotale sistema.

Stabilizzatore e distruttore

Lunedì il presidente cinese Xi Jinping ha tenuto una telefonata con il presidente bielorusso Alexander Lukashenko, affermando che, sullo sfondo di cambiamenti profondi e complessi nel panorama internazionale e regionale, i due paesi dovrebbero continuare a cooperare strettamente, praticare il vero multilateralismo e sostenere l’equità e la giustizia nella comunità internazionale.

Lo stesso giorno, il consigliere di Stato cinese e ministro degli Esteri Wang Yi ha ha telefonato al vice primo ministro e ministro degli Esteri del Kazakistan Mukhtar Tileuberdi, esprimendo la determinazione della Cina a mantenere la stabilità regionale in Asia centrale, quando le “forze esterne” non vogliono pace e tranquillità nella nostra regione».

Li Haidong, professore all’Institute of International Relations della China Foreign Affairs University, ha dichiarato lunedì al Global Times che la Cina è uno stabilizzatore e un costruttore di pace in un mondo incerto, aggiungendo che gran parte dei fattori destabilizzanti nel mondo derivano da quelli paesi e gruppi con una mentalità da guerra fredda che non trattano le altre civiltà alla pari o non rispettano i sistemi di altri paesi

Alcuni esperti hanno affermato che mentre è probabile che i negoziati USA-Russia trovino alcune aree di accordi come il rallentamento del ritmo della corsa agli armamenti e la limitazione del dimensioni e numero di esercitazioni militari nelle regioni del Mar Nero e del Baltico, è probabile che la situazione in Ucraina peggiori ulteriormente.

Il risultato più probabile è una prolungata rivalità ad alta intensità e una collisione tra Stati Uniti, NATO e Russia sull’Ucraina, piuttosto che un conflitto militare diretto, ha affermato Li.

E la Cina non è estranea alla tragedia della divisione e del confronto causata dalla competizione geopolitica guidata dagli Usa: gli Stati Uniti hanno a lungo fomentato tensioni nello Stretto di Taiwan e nel Mar Cinese Meridionale.

Senza disordini regionali, divisioni e crisi, sarebbe impossibile per gli Stati Uniti svolgere un “ruolo di primo piano” negli affari internazionali e, proprio a causa della divisione, della crisi e delle turbolenze, gli Stati Uniti sono stati in grado di rafforzare continuamente il sistema di alleanze che hanno costruito durante la Guerra Fredda, che ha finito per portare una maggiore intensità di confronto e conflitto, ha detto Li.

“Gli Stati Uniti hanno messo in un angolo sia la Russia che la Cina, lasciando i due paesi senza altra via d’uscita che rafforzare la cooperazione strategica e formare legami più stretti”, ha affermato Li.

Gli Stati Uniti subiranno ulteriori battute d’arresto nella gestione delle loro relazioni con Cina e Russia, quando i due consolideranno un più stretto coordinamento e cooperazione di fronte alle pressioni statunitensi, Washington sarà costretta a un’autoriflessione e a un riadattamento che è simile a quanto è accaduto dopo le battute d’arresto in Vietnam, Iraq e Afghanistan, ha detto Li.

Ma per ora, gli Stati Uniti sono ancora la più grande forza distruttiva e fonte di rischi nell’ordine internazionale e nel sistema globale, ha osservato Li.

Wang Qi e Xu Yelu – Fonti utilizzate: Global Times

Exit mobile version