L’epidemia senza i malati

L'epidemia senza i malati 7

Il pezzo mette a tema la Francia, ma il ragionamento descritto si attaglia benissimo anche all’Italia. La gente si è trovata improvvisamente immersa in una situazione caratteristica della guerra. L’intero orizzonte di pianificazione oggi è limitato alle questioni relative a cibo e alloggio. Situazione drammatica per la gente: i piani per domani vengono rimandati ogni giorno. È perciò triste accorgersi che i metodi decisionali governativi siano così molto opinabili: la situazione dei paesi viene stabilita dalla correlazione tra aumento tamponi e infetti, che erroneamente vengono considerati come malati.

Vp News

******

di Decoder l’Eco – Agoravox Francia

Siamo nel 2022 e la Francia ha appena battuto il record di positività ai test con oltre 400mila pazienti positivi in ​​un solo giorno. Il ministro della Salute ha persino annunciato che il 10% della popolazione francese è considerato contagiata. Nonostante queste statistiche spaventose che mostrano l’immagine di una Francia paralizzata dalla malattia, Laurent Toubiana ci spiega su CNews che il Sentinels Network non riscontra quasi nessun paziente a fine dicembre 2021. La domanda è quindi semplice, come possiamo parlare di epidemia quando ci sono solo test positivi, ma nessun malato?

La follia dei test: i non malati

Da quando i test si sono diffusi, la psicosi non è mai stata così lontana. A marzo e ottobre 2020 ci sono stati davvero aumenti del numero di malati e decessi. Abbiamo già visto che la qualificazione “Covid-19” di tutti i pazienti che si presentano in ospedale o anche di tutti i decessi dell’EHPAD ha portato a sovraqualificare la malattia. La psicosi durante questi 2 periodi e le decisioni prese molto probabilmente non hanno aiutato la situazione come abbiamo già mostrato in diversi video.

Da questa estate, però, è stato fatto un nuovo passo con il pass sanitario. Ci si aspetta che i francesi, in particolare i non vaccinati, si mettano alla prova tutto il tempo. Un test Covid-19 negativo permette poi a chiunque di essere dichiarato sano e non contagioso, anche se gravemente malato. Al contrario, una persona in perfetta salute sarà considerata malata e contagiosa se avrà un test positivo. Verrà addirittura considerata “guarito” dalla non malattia che aveva, se giustificasse un test negativo 15 giorni dopo.

Dal 12 luglio esplode il numero dei test effettuati in Francia e si superano i milioni di test in un solo giorno il 13 agosto, quando siamo allora in piena estate e in Francia non si è mai verificata alcuna epidemia di infezione respiratoria nell’estate.

Tutti possono consultare le statistiche della rete Sentinels che quest’estate non ha riscontrato alcuna epidemia.

Oppure le statistiche sui decessi dell’INSEE che mostrano che la mortalità è rimasta bassa da maggio 2021.

Il fatto di testare massicciamente i francesi porta necessariamente ad un aumento del numero dei test positivi. Per tutta l’estate, la Francia conta ogni giorno tra 10.000 e 35.000 test positivi, sempre senza un aumento del numero di pazienti, né un aumento dei decessi.

Questa ondata di test, e quindi di test positivi, è stata chiamata la “4a ondata”. È totalmente artificiale. Da questa data, la nuova politica sanitaria in Francia ha finito di cambiare. Non si tratta più di curare le persone e di gestire i malati, ma di abbassare gli indicatori.

Questo aumento artificiale del numero di test positivi aumenta necessariamente il numero di pazienti dichiarati Covid-19 in ospedale. Ogni anno, infatti, più di 11 milioni di francesi si recano in ospedale. Ricorda che un francese su due che muore, muore in ospedale. L’ospedale registra quindi 300.000 decessi ogni anno.

Testare costantemente tutti aumenterà necessariamente il numero di pazienti in arrivo in ospedale che saranno etichettati come Covid-19, così come il numero di decessi ospedalieri che saranno etichettati come Covid-19. Ciò non significa che la causa dell’ingresso in ospedale sia il Covid-19. Significa solo che di tutte le persone che vengono in ospedale, per qualsiasi motivo, alcune sono risultate positive.

Nelle statistiche, Secondo le statistiche ATIH, circa 1 paziente su 5 etichettato come “Covid-19” in ospedale nel 2020 non si è assolutamente presentato per un’infezione respiratoria. Va inoltre ricordato che gli ospedali hanno un interesse finanziario a dichiarare un paziente infetto da Covid-19 perché i rimborsi sono superiori a quelli per un’infezione influenzale.

Le statistiche ospedaliere sul numero di persone etichettate Covid-19 sono soprattutto la conseguenza di testare tutti e non possono da sole rivelare un’epidemia o la diffusione di questa epidemia.

Secondo le statistiche ATIH, circa 1 paziente su 5 etichettato come “Covid-19” in ospedale nel 2020 non si è assolutamente presentato per un’infezione respiratoria. Va inoltre ricordato che gli ospedali hanno un interesse finanziario a dichiarare un paziente infetto da Covid-19 perché i rimborsi sono superiori a quelli per un’infezione influenzale.

Le statistiche ospedaliere sul numero di persone etichettate Covid-19 sono soprattutto la conseguenza di testare tutti e non possono da sole rivelare un’epidemia o la diffusione di questa epidemia.

La “4a ondata” di quest’estate si è conclusa quando i francesi hanno smesso di sottoporsi ai test tutti i giorni, o perché erano stati vaccinati, o perché avevano smesso di uscire, oppure perché una volta sono stati positivi e possono quindi giustificare una “cura”, senza mai aver avuto il minimo sintomo.

Per rilanciare la macchina della paura e spingere per la vaccinazione dei bambini, il governo ha deciso di costringere gli studenti francesi a mettersi regolarmente alla prova dall’inizio della festa di Ognissanti.

Ovviamente l’aumento del numero dei test ha fatto aumentare il numero dei test positivi, il che ha permesso di spingere la vaccinazione dei più piccoli senza nemmeno dover trovare pazienti. Il Consiglio Scientifico e il governo prevedevano addirittura che l’inverno sarebbe stato estremamente “difficile” nonostante il 90% della popolazione fosse stata doppiamente vaccinata. Questo dimostra la fiducia che hanno avuto nei vaccini sin dall’inizio. Inoltre, la nuova variante di Omicron è stata l’occasione per dire che 2 dosi di vaccino non sarebbero sufficienti, che sarebbe necessaria una 3a dose e che tutti i francesi fanno i test prima di avere relazioni sociali. Da metà dicembre, il milione di test sono stati superati quasi quotidianamente e 1,5 milioni di test sono stati eseguiti dal 23 dicembre e ogni giorno fino al 1 gennaio.

Mentre i francesi si fanno prendere dal panico, si isolano, si rifiutano di trascorrere il Natale con i parenti a causa dei “test positivi”, la Rete Sentinelle ci informa della realtà della nostra epidemia invernale. Il tasso di incidenza delle infezioni respiratorie acute riportato dalle consultazioni con i medici di base è di 219 per 100.000 abitanti. Il tasso di incidenza del Covid-19 è di 66 ogni 100.000 abitanti. In confronto, i picchi delle epidemie influenzali hanno un tasso di incidenza di circa 500 ogni 100.000 abitanti. Quella del 2015 ha registrato fino a 827 ogni 100.000 abitanti. Non c’è quindi al momento nessuna epidemia nel senso di “malato” vista dai medici di base.

Se questa osservazione è legata al comportamento dei pazienti che si precipitano al pronto soccorso non appena positivo al test piuttosto che consultare il medico curante, allora è opportuno porsi la domanda sui reali motivi della congestione degli ospedali.

C’è quindi solo una psicosi generata dai test. A rigor di termini, se c’è una malattia, è quella della paura.

/agoravox.fr

link al video:link al video: https://youtu.be/4pId-8xvDrc

fonte:https://www.agoravox.fr/actualites/sante/article/l-epidemie-sans-malade-238596

Exit mobile version