Gli Stati Uniti non hanno intenzione di inviare aiuti militari ad Haiti

Gli Stati Uniti non hanno intenzione di inviare aiuti militari ad Haiti

Port-au-Prince, 10 novembre. Il governo degli Stati Uniti non ha intenzione di inviare truppe ad Haiti per risolvere la crisi di sicurezza emersa nello stato dopo l’assassinio del presidente Jovenel Moise. Lo ha annunciato durante la sua visita a Port-au-Prince il vicesegretario di Stato per la lotta al narcotraffico Todd Robinson.

Un portavoce Usa ha avvertito che la comunità internazionale “non andrà in aiuto” di Haiti per risolvere la grave crisi che attanaglia il Paese caraibico a causa dell’aumento delle violenze tra bande criminali.

“Alla fine, non sarà la comunità internazionale che salverà Haiti. Sono gli haitiani stessi, le autorità del paese, la polizia che saranno responsabili della sicurezza sull’isola “, ha affermato Robinson.

Nello stesso tempo, il capo della delegazione americana ha aggiunto che la stabilità nello stato è una priorità per gli Stati Uniti ed ha sottolineato di non avere informazioni sull’invio di truppe americane ad Haiti o nella vicina Repubblica Dominicana.

Inoltre, Robinson ha confermato le dichiarazioni del portavoce della Casa Bianca Jen Psaki circa il possibile appoggio della polizia haitiana degli Stati Uniti nell’apertura di corridoi sicuri per il trasporto di carburante, contrastata da gruppi armati. A questo proposito, Robinson ha annunciato una donazione alla polizia nazionale haitiana di 60 serie di equipaggiamento e 200 set di dispositivi di protezione per combattere le bande criminali. Delle 60 vetture, 19 sono già state consegnate al Paese, il resto verrà consegnato “nei prossimi mesi”.

La lotta per il controllo dei territori tra bande è accompagnata da rapimenti, omicidi, furti e altre forme di violenza contro la popolazione. Da metà settembre ad Haiti è scoppiata una crisi del carburante a causa dei numerosi attacchi dei criminali ai camion di carburante e del blocco delle vie di trasporto dal porto della capitale, dove si trovano i principali terminali di rifornimento, alle regioni del paese.

Il mancato intervento diretto degli USA non era auspicato dagli haitiani.

2Il 3 luglio ai i funerali del presidente Jovenel Mois. I manifestanti si scontrano con la polizia fuori da casa sua. I manifestanti chiedono giustizia, accusano la polizia di non essere intervenuta, lasciando morire il presidente. Maledizioni volano dalla folla alla delegazione americana che assiste al funerale, compreso l’ambasciatore degli Stati Uniti ad Haiti Michel Sison e l’ambasciatore degli Stati Uniti all’ONU Linda Thomas-Greenfield. Gli haitiani sono ferocemente contrari all’invasione americana.

24 luglio – Gli Stati Uniti nominarono un inviato speciale ad Haiti, Daniel Foote, e iniziano a consigliare la polizia nazionale haitiana “per combattere le bande”.

L’intervento militare statunitense ad Haiti avrebbe violato il capitolo 7 della Carta delle Nazioni Unite, secondo il quale il Consiglio di sicurezza può usare la forza solo “per mantenere o ripristinare la pace e la sicurezza internazionali” e non per interferire negli affari politici interni.

La Costituzione haitiana vieta anche la presenza di truppe straniere sul territorio haitiano.

Gli USA hanno sostenuto dittature (baby Doc e papa Doc)

Gli Stati Uniti sono intervenuti negli affari interni di Haiti durante i 200 anni di esistenza del paese:

Per decenni, gli americani inizialmente si sono rifiutati di riconoscere la nuova repubblica, temendo che la legalizzazione della rivolta degli schiavi guidata dal leader della rivoluzione haitiana Toussaint Louverture e il fondatore dello stato haitiano indipendente, Jean-Jacques Dessalines, potesse ispirare la rivolta della popolazione nera degli Stati Uniti.

Gli USA sostennero il pagamento forzato di ingenti riparazioni alla Francia, che Haiti non poté pagare fino al 1947.

Per gran parte del ventesimo secolo, per 19 anni (1915-1934), Haiti è stata sotto l’occupazione diretta degli Stati Uniti .

Gli Stati Uniti hanno sostenuto dittature dure sull’isola, come quella di François Duvalier (alias Papa Doc) e Jean-Claude Duvalier (alias Baby Doc).

Gli americani hanno fatto pressioni sul primo candidato presidenziale eletto dal popolo dopo la cacciata di Baby Doc, Jean-Bertrand Aristide, eletto nel 1990.

Gli USA, con l’aiuto di cospiratori militari, deposero Jean-Bertrand Aristide e lo espulsero dal Paese.

Washington, con l’approvazione del Consiglio di Sicurezza dell’ONU, eseguì l’Operazione Support for Democracy (1994) con il pretesto del ritorno alla presidenza di Jean-Bertrand Aristide. Il contingente militare americano è rimasto sull’isola dopo il completamento dell’operazione.

moise
Moise

L’omicidio del presidente Moise porta in Florida

Anche il presidente ucciso, Jovenelle Moise è stato un presidente filoamericano. Dopo cinque anni del suo governo altamente controverso, avrebbe dovuto finalmente dimettersi nel febbraio di quest’anno, ma non lo ha fatto, il che ha causato un’altra ondata di proteste a livello nazionale, che sono continuate quasi ininterrottamente dal 2018. 

Nell’assassinio sembra essere implicata una società di sicurezza USA. Per gli investigatori, la CTU Security PMC con sede in Florida, è diventato il principale oggetto di interesse nel caso dell’omicidio di Jovenel ad Haiti – nonostante inizialmente si parlasse di quattro “società di sicurezza” che assumevano colombiani per sorvegliare Sanon / arrestare Moise / uccidere Moise.

La suddetta società è guidata da un emigrante venezuelano Antonio Emmanuel Intriago Valera (soprannome Tony). Valera è anche associato a organizzazioni come il Consiglio nazionale americano venezuelano a Weston, in Florida, e l’organizzazione di opposizione Venezuela Somos Todos, che afferma di unire espatriati venezuelani in 35 paesi e 150 città e combatte i chavisti. Di Intriago è anche il quotidiano Prensa Libre.

Nel febbraio 2019, Tony Intriago ha organizzato un concerto a Cucuta in Colombia.

Questo è lo stesso concerto in cui Jordan Goudreau, dirigente della Silvercorp USA, ha appreso della difficile situazione di Vvenezuela e ha voluto “fare qualcosa per il popolo venezuelano”. Ad esempio, per portare a termine l’operazione Gideon nel maggio 2020 con l’obiettivo di catturare Nicolas Maduro e rovesciare il Chavismo. Secondo testimoni oculari, al concerto, Goodro ha parlato sia con Intriago che con il presidente Ivan Duque, con il quale Tony ha un buon rapporto. Goudreau sarebbe apparso al concerto accompagnato da banditi del cartello Los Rastrojos e le donazioni per i venezuelani sono state rubate. Un portavoce di Duque ha detto che il presidente non ha idea di chi sia Tony Intriago. Ho fatto delle foto con lui, apparentemente per cortesia.

Inoltre, la CTU Security era in trattative per partecipare all’operazione Gideon! Ma non ha funzionato, qualcosa non è stato concordato con Juan Jose Rendon e Silvercorp ha lasciato il contratto con determinate conseguenze.

Quindi dopo l’assassinio del presidente haitiano Jovenel Moise da parte di mercenari addestrati dagli USA, è iniziata una campagna estremamente interessante:

DAI MEDIA:

7 luglio – Articolo del Washington Post che chiede “un intervento rapido e potente”.

13 luglio – Articolo del Washington Post con una seconda richiesta di intervento.

13 luglio – L’editorialista del Washington Post Max Booth, “Scusa, Haiti. Ufficiale di polizia mondiale ufficialmente fuori servizio, “afferma che gli haitiani vogliono un’invasione americana.

15 luglio – L’amministrazione Biden respinge formalmente una richiesta di intervento militare avanzata dall’attivista NED Claude Joseph (attualmente primo ministro in carica).

Quindi gli USA rinunciano? Vedremo… ci sono tanti modi.

Vp News

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.