Gli Stati Uniti impongono al governo cinese un precedente pericoloso

Sostenendo che la prominente società di telecomunicazioni cinese Huawei aveva violato le sanzioni americane contro l’Iran – al Canada è stato richiesto di arrestare e consegnare il capo dell’ufficio finanziario di Huawei, Meng Wanzhou, che  aveva fatto uno scalo aereo a Vancouver.

L’arresto è stato descritto anche dal Washington Post come  “insolito”  nel suo articolo intitolato “L’ arresto di dirigenti di Huawei innesca le turbolenze del mercato azionario e sconvolge i colloqui commerciali tra Cina e Stati Uniti “.

L’articolo denuncia anche che:

Meng è stato arrestata per un mandato di estradizione negli Stati Uniti perché Huawei – secondo diversi rapporti – è sospettata di eludere le sanzioni americane contro l’Iran . I procuratori statunitensi stanno indagando dal 2016 se Huawei ha violato le leggi statunitensi sull’esportazione e le sanzioni spedendo prodotti di origine statunitense all’Iran. 

L’arresto, lo stesso giorno in cui il presidente Trump e il presidente della Cina Xi Jinping si sono incontrati a cena a Buenos Aires per negoziazioni sul commercio e sulla sicurezza nazionale, è visto in Cina come motivato politicamente .

E molto chiara che la mossa presa contro Huawei – insieme a una raffica di mosse legali simili, fatte per paralizzare le crescenti compagnie cinesi in competizione con le loro controparti statunitensi in difficoltà – è politicamente motivata – così come lo sono le sanzioni che gli Stati Uniti hanno imposto in primo luogo all’Iran .

Parte di un modello più ampio di tentativi di umiliare la Cina  

Reuters in un articolo intitolato “Gli Stati Uniti stanno indagando su Huawei per le possibili violazioni delle sanzioni iraniane: fonti “, espongono esempi dei precedenti tentativi degli Stati Uniti di paralizzare le maggiori società tecnologiche cinesi, affermando:

La trasgressione della Huawei è simile alle sanzioni contro la ZTE Corp cinese  che sta minacciando la sua sopravvivenza. Gli Stati Uniti la scorsa settimana hanno vietato alle aziende americane di vendere parti e software a ZTE per sette anni. Washington ha accusato ZTE di aver violato le sanzioni dopo che la compagnia ha spedito illegalmente merci statunitensi in Iran.

Da nessuna parte sui siti web del Dipartimento di Stato americano, del Dipartimento del Tesoro americano o del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti sono disponibili informazioni sulle presunte sanzioni che Huawei avrebbe violato o su come la vendita della tecnologia statunitense all’Iran consenta agli Stati Uniti di strappare cittadini Cinesi negli aeroporti canadesi.

La Cina, dal canto suo, ha chiesto l’immediata liberazione di Meng Wanzhou. Il portale dei media statali cinesi, il Global Times in un articolo intitolato “La Cina sollecita il rilascio del dirigente di Huawei “, riferirebbe:

I funzionari cinesi stanno esortando gli Stati Uniti e il Canada a chiarire perché Meng Wanzhou, un alto dirigente di Huawei Technologies, è stato arrestato e immediatamente rilasciato, denunciando l’arresto come una violazione dei suoi diritti. Gli esperti hanno detto che la detenzione di Meng è una mossa degli Stati Uniti per riscaldare la guerra commerciale in corso tra Cina e Stati Uniti.

L’arresto improvviso e finora inspiegabile lo stesso giorno in cui il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e altri rappresentanti statunitensi di alto livello hanno incontrato le loro controparti cinesi a Buenos Aires, in Argentina e si inserisce in un più ampio schema di coercizione, intimidazione e provocazioni politicamente motivate che ha sempre più ha dominato la forma della politica estera degli Stati Uniti.

Sequestro di dirigenti stranieri per aver violato le sanzioni 

Le sanzioni statunitensi contro l’Iran sono mirate in modo evidente a spogliare l’Iran della sua sovranità e influenza in Medio Oriente e trasformare la nazione in uno stato al servizio degli interessi statunitensi o uno stato fallito che consenta agli Stati Uniti di gettare il caos e la sovversione nella Russia meridionale e oltre .

Gli Stati Uniti hanno messo inatto una miriade di sanzioni contro l’Iran dal 1979, nel tentativo di paralizzare l’economia nazionale e collassare l’ordine politico dominante dell’Iran.

I politici statunitensi hanno apertamente e ripetutamente  ammesso che l’Iran non rappresenta una vera minaccia alla sicurezza per gli Stati Uniti  e che i tentativi di perseguire il cambio di regime mirano invece esclusivamente a rafforzare l’influenza ingiustificata di Washington nel Medio Oriente. Hanno anche cospirato apertamente per inquadrare l’Iran attraverso una serie di schemi per giustificare l’agenda del cambiamento di regime di Washington.

In un rapporto della Brookings Institution del 2009 intitolato ” Which Path to Persia? Opzioni per una nuova strategia americana nei confronti dell’Iran “I politici statunitensi avrebbero cospirato per offrire all’Iran un accordo di pace che avevano in programma di abbandonare intenzionalmente mentre accusavano Teheran di averlo violato.

La relazione ammetterebbe (enfasi aggiunta):

… qualsiasi operazione militare contro l’Iran sarà probabilmente molto impopolare in tutto il mondo e richiederà il giusto contesto internazionale, sia per garantire il supporto logistico che l’operazione richiederebbe, sia per minimizzare il rifiuto da parte di chi ne fosse contrario. Il modo migliore per ridurre al minimo l’obiezione internazionale e massimizzare il supporto (comunque, a malincuore o sotto copertura) è di colpire solo quando vi è una diffusa convinzione che agli iraniani è stata data la possibilità di un accordo, ma poi essi ha respinto una superba offerta – una cosa così buona che solo un regime determinato ad acquisire armi nucleari e acquisirle per le ragioni sbagliate lo rifiuterebbero. In tali circostanze, gli Stati Uniti (o Israele) potrebbero raffigurare le proprie operazioni come prese con dolore, non con rabbia, e almeno alcuni nella comunità internazionale concluderebbero che gli iraniani sono i responsabili rifiutando un ottimo affare.

Tale offerta si sarebbe infine manifestata come Piano d’azione globale congiunto (JCPOA) o “Accordo nucleare iraniano”, firmato da Cina, Francia, Germania, UE, Iran, Russia, Regno Unito e Stati Uniti.

L’accordo stabiliva che se l’Iran avesse rispettato gli impegni relativi al suo programma nucleare, le paralizzanti sanzioni statunitensi sarebbero state ritirate gradualmente.

L’Iran ha confermato i propri impegni e le sanzioni inizialmente sono state ritirate gradualmente.

Ma proprio come i politici statunitensi avevano cospirato per fare tutto il tempo, gli Stati Uniti accolsero accuse infondate che l’Iran aveva violato l’accordo. Gli Stati Uniti si ritirerebbero unilateralmente da esso e ripristinerebbero le sanzioni economiche e le sanzioni secondarie rivolte alle nazioni che intendevano ancora commerciare con l’Iran.

Gli Stati Uniti hanno anche cercato di aumentare le tensioni sia sotto forma di  sovversione politica e di terrorismo sponsorizzato dagli Stati Uniti , sia con minacce di un conflitto militare diretto a Teheran.

Il fatto che l’accordo sia stato proposto e firmato durante l’amministrazione del presidente Barack Obama e poi rivoltato durante l’amministrazione di Trump è un promemoria di quanti interessi speciali di non eletti – quelli che finanziano e dirigono gruppi di esperti come la Brookings Institution – dettano la politica estera degli Stati Uniti a prescindere da chi siede nella Casa Bianca.

L’adesione dell’Iran al JCPOA è stata tale che la maggioranza dei firmatari dell’accordo ha tentato di mantenere l’accordo nonostante il ritiro dell’America – e messo insieme soluzioni alternative per rinnovate e ingiustificate sanzioni statunitensi. Ciò ha provocato misure più estreme da Washington – sia contro concorrenti come la Cina che persino alleati in tutta Europa.

Backfire: impostare un precursore pericoloso 

Se le sanzioni statunitensi contro l’Iran sono ingiustificate, allora anche l’arresto di coloro che sono accusati di violarle è ingiustificato. È una questione imporre sanzioni irragionevoli e tentare di farle rispettare tra le imprese e le istituzioni di una nazione – è un’altra cosa imporle ad altre nazioni sovrane.

Gli Stati Uniti e il Canada, che rapiscono un alto dirigente cinese, hanno creato un pericoloso precedente che alla fine si ritorcerà contro l’Occidente. Sta calando il potere economico, finanziario e militare statunitense che ha trascinato il confronto con l’Iran per decenni e ha permesso l’ascesa di nazioni come la Cina e il riemergere di nazioni come la Russia sul palcoscenico globale.

Mentre gli Stati Uniti sono liberi di attuare la propria politica, può evitare gravi conseguenze trattenere dirigenti aziendali cinesi, questo potrebbe non essere opportuno nel prossimo futuro mentre il potere degli Stati Uniti continua a svanire a livello globale.

Stabilendo il precedente di arretsare dirigenti d’affari di altre nazioni, gli Stati Uniti e il Canada cercato giustificazioni in ​​difesa dei propri consigli di amministrazione, dirigenti, banchieri e dirigenti d’azienda. Lo hanno fatto in un gioco che stanno già perdendo, delineando sempre più l’episodio come scontro e provocazione.

L’approccio sbagliato che Washington ha preso non solo mette in pericolo il business tra le imprese americane ancora disposte a collaborare con aziende e nazioni prese di mira dalla crescente lista americana di nazioni sanzionate e oppositori della guerra commerciale, ma sta mettendo a rischio la loro stessa sicurezza mentre viaggiano per il mondo tentando di impegnarsi in affari.

Persino quelle corporazioni e istituzioni finanziarie che modellano la politica estera degli Stati Uniti, in questo approccio estremista, potrebbero presto vedersi “rapite” visto il precedente che ha messo in piedi con la propria avidità e provocazione.

È forse un’ironia che, mentre gli Stati Uniti cercano di stringere la propria presa per l’egemonia globale, si trovino sempre più isolati. Se gli Stati Uniti non riuscissero a rilasciare il Meng Wanzhou di Huawei e fare riparazione per i maltrattamenti, potrebbe emergere un divieto di viaggio autoimposto sotto forma di paura che i dirigenti americani vengano rapiti e processati in nazioni straniere. Questo è il destino di una nazione che guida un ordine globale basato sull’illegalità  quando non si trova più più  forte”.

Mentre i politici vendono la loro agenda al pubblico americano citando una lunga lista sempre crescente di nemici stranieri – in realtà – Wall Street e Washington – insieme alla loro brama di potere e ricchezza – costituiscono i loro peggiori nemici.

Tony Cartalucci, ricercatore e scrittore geopolitico di Bangkok, in particolare per la rivista online New Eastern Outlook” .

Source link

Pubblicità