I Droni Mohajer-6 iraniani potrebbero cambiare la traiettoria della guerra in Ucraina

I droni Mohajer-6 iraniani, dotati di capacità di attacco aria-terra, potrebbero rivelarsi letali nel conflitto ucraino. Forniti dalla Iran anche alla Russia, si sospetta che la consegna sia facilitata attraverso compagnie aeree civili e attraverso il Mar Caspio, sfruttando le vulnerabilità e i punti ciechi occidentali.

In proposito, la Fondazione Jamestown riferisce che l’Occidente mentre sta ancora contemplando la possibilità di inviare sofisticati droni senza pilota (UAV) in Ucraina, come il Reaper e il Predator, Mosca e Teheran stanno compiendo un passo avanti per rafforzare le capacità aeree senza pilota della Russia e inclinare il bilanciamento di potere a favore della Russia sul campo di battaglia.

Il Think Thank statunitense riporta che attraverso un approccio “fuori dagli schemi” e una logistica attentamente progettata che sfrutta le vulnerabilità e le lacune dell’Occidente, la partnership tra Teheran e Mosca sta rapidamente diventando una minaccia che potrebbe diventare una presenza permanente nel cortile di casa della NATO. A seguito degli ultimi attacchi della Russia che hanno cercato di colpire infrastrutture militari cruciali e depositi di mezzi e munizionamento in attesa di essere usati nella controffensiva ucraina,   l’intelligence open-source ha rivelato che il pacchetto di attacco di Mosca in Ucraina ora include i Mohajer-6 dell’Iran (( Twitter/@clashreport- 6 giugno)

La stessa findazione segnala che a  febbraio, fonti occidentali hanno sostenuto che l’Iran avesse contrabbandato droni alla Russia per aiutarla nella sua invasione in corso dell’Ucraina. Anche la stampa iraniana ha ripreso queste accuse  ( Iran International , 13 febbraio). Il generoso pacchetto di Teheran includerebbe almeno 18 UAV avanzati, tra cui i Mohajer-6, di cui tutti e 18 hanno la capacità di attacco aria-terra ( Iranwire , 13 febbraio). Dotati di funzionalità molto più sofisticate rispetto ai droni kamikaze a singolo attacco iraniani, questi UAV possono rapidamente diventare asset altamente letali nelle mani delle forze armate russe, il che potrebbe cambiare significativamente la traiettoria della guerra in Ucraina a favore della Russia.

Il Mohajer-6 rappresenta un moltiplicatore di forza in battaglia

Queste le specifiche del drone da combattimento iraniano come descritte dalla Fondazione Jamestown: prodotto dalla Qods Aviation Industries di proprietà dello stato, il Mohajer-6 è un drone da combattimento a medio raggio (1200 miglia) con capacità di intelligence, sorveglianza e ricognizione (ISR) (Iribnews.ir, 7 gennaio 2022). Può trasportare munizioni guidate al laser e offrire al suo operatore sofisticate capacità di attacco aria-terra. A differenza dei singoli Shahed-136 attualmente utilizzati dalle forze armate russe in Ucraina, il Mohajer-6 è un drone multipurpose che può tornare alla sua base dopo ogni attacco, fornendo un CONOPS (concetto di operazioni) molto più sostenibile e flessibile. Inoltre, con il suo basso costo di produzione e l’alta efficienza, i Mohajer-6 rappresentano un’importante risorsa per qualsiasi forza che abbia bisogno di UAV economici e ad alte prestazioni, come la Russia ( Iran Press, 1 gennaio 2022)..

In passato, il Mohajer-6 ha supportato diverse entità legate allo stato iraniano e gruppi proxy in modi diversi. Attualmente, viene attivamente utilizzato dalla Marina iraniana e dal Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica (IRGC). Secondo l’intelligence statunitense, un Mohajer-6 operato dall’IRGC è stato abbattuto mentre si dirigeva verso Erbil nella regione curda dell’Iraq a settembre 2022 ( Comando centrale degli Stati Uniti , 28 settembre 2022). . L’IRGC ha anche utilizzato il Mohajer-6 nelle aree montuose della regione di confine tra l’Iraqi Kurdistan e i curdi contro gli insorti curdi ( Tasnim News , 12 luglio 2019). L’IRGC ha tratto altri vantaggi operativi dal Mohajer-6 per quanto riguarda la sorveglianza e la raccolta di informazioni sui gruppi militanti, come il Partito dei Lavoratori del Kurdistan (PKK), oltre a gestire il traffico e la sicurezza in ambito di frontiera.
Il Mohajer-6 sta anche proliferando rapidamente tra i gruppi di proxy di Teheran in diverse zone di conflitto.

L’intelligence open-source suggerisce che i gruppi militanti sostenuti dall’Iran, come Hezbollah libanese, dispongono di una scorta di oltre 2.000 droni ( Al Mayadeen , 23 dicembre 2021).. Ciò include droni avanzati, e potenzialmente il Mohajer-6. Hezbollah è anche noto per lavorare a stretto contatto con l’IRGC, il che aumenta la probabilità che Hezbollah abbia accesso al programma e alle capacità di droni del gruppo ( Gulf International Forum , 18 ottobre 2022).  Basati in Yemen, gli Houthi ricorrono spesso all’uso di droni iraniani, come negli attacchi contro obiettivi israeliani e sauditi, come le petroliere al largo della costa di Abu Dhabi (Twitter/ adityarajkaul, 17 gennaio 2022). Come asset critico nelle mani dei miliziani di Teheran , il Mohajer-6 è diventato un grave moltiplicatore di forze per i proxy dell’Iran.

Utilizzato in battaglia su vari fronti

Lo stesso Istituto di Affari Internazionali riporta che oltre al suo uso attivo da parte di gruppi insorgenti, il Mohajer-6 è anche entrato nell’arsenale di vari paesi e ha più stati operatori. Infatti, l’UAV è stato testato in battaglia su vari fronti ed è entrato nelle scorte statali in Etiopia, Iraq, Siria e Venezuela. In Etiopia, Addis Abeba sta usando il Mohajer-6 nella sua lotta contro i ribelli in Tigray ( Military Africa , 27 agosto 2021).. E in Venezuela, l’UAV è stato avvistato in un discorso dal vivo del presidente Maduro sulla produzione futura di droni multiruolo ( Twitter , 20 novembre 2020).. Nelle mani dei governi con legami amichevoli con Teheran, questi droni possono interrompere significativamente gli equilibri di potere e l’ambiente di sicurezza in una data regione.

Inoltre, secondo l’intelligence open source, dopo Siria e Yemen, il prossimo test delle prestazioni dei droni Mohajer-6 avverrà sul campo di battaglia in Ucraina, dove questi droni erano già stati avvistati nei primi mesi dell’invasione russa ( Defence of Ukraine , 3 ottobre 2022). e dove il primo Mohajer-6 è stato abbattuto dalle forze armate ucraine a Odessa alla fine di settembre ( Stato maggiore delle forze armate ucraine , 7 ottobre 2022).. Questi droni rappresentano una risorsa fondamentale per la Russia, poiché colmano importanti lacune operative nella sua attrezzatura militare, fornendo supporto per la sorveglianza avanzata e la raccolta di informazioni sulle posizioni militari ucraine, nonché supporto per le offensive dei droni kamikaze Shahed-136.

Jamestown evidenzia come i Mohajer-6 contribuiscano a colmare il divario nella flotta aerea russa, che è in rapidissimo esaurimento ( Oryx , 20 marzo 2022), fornendo un’alternativa economica ai costosi programmi di droni prodotti dalla Russia. Inoltre, la Fondazione sottolinea che l’intensivo utilizzo di questi droni potrebbe mettere a dura prova le difese aeree ucraine già impegnate nella gestione degli attacchi di munizioni vaganti iraniane. Questo potrebbe portare a una complicata situazione per le difese militari e rappresentare un grosso problema per i responsabili delle decisioni ucraine.

Circa le vie che l’Iran utilizza per le esportazione ai paesi amici, viene rivelato che le potenziali rotte di transito del Mohajer-6 sono due: la prima riguarda il trasferimento tramite compagnie aeree civili, un percorso convenzionale trascurato, mentre la seconda riguarda il trasporto attraverso il Mar Caspio, una via più anticonvenzionale e creativa ( Iran Wire , 13 febbraio). Tuttavia, indipendentemente dalla rotta utilizzata, la Russia ha un vantaggio in termini di sicurezza operativa, perchè è difficile per l’Ucraina seguire i movimenti dei Mohajer-6 e dei relativi sistemi di consegna. Ciò costituisce una sfida significativa per le capacità di difesa ucraine già sottoposte a grande stress a causa del conflitto in corso. Nonostante le complessità operative, l’Ucraina dimostra di essere determinata a difendere la propria sovranità e integrità territoriale e farà tutto il possibile per contrastare l’attuale minaccia rappresentata dalle capacità militari della Russia e degli alleati.

In passato, l’Iran ha sfruttato le sue compagnie aeree civili per trasferire armi e personale militare in zone di conflitto come la Siria e lo Yemen, utilizzando Mahan Air e Iran Air, noti per il loro sostegno ai gruppi miliari come l’IRGC e la Forza Quds ( Iran Internazionale , 15 dicembre 2022). Anche le agenzie di intelligence USA sostengono il coinvolgimento iraniano in “voli segreti” verso complessi militari russi (Forbes, 16 novembre 2022).

La Fondazione Jamestown a ulteriore controprova dell’utilizzo del mezzo aereo da parte dell’Iran per le consegue di droni cita la guerra dello Yemen, ove la  Mahan Air ha  costruito “un ponte aereo tra Iran e Yemen per trasferire armi ai delegati Houthi nel 2015 ( Al Masdar, 4 febbraio 2022). Le agenzie di intelligence statunitensi sostengono che l’Iran ha effettuato circa 70 voli segreti verso complessi militari negli aeroporti russi. Questi vecchi aerei (per lo più 747) appartenevano all’IRGC, il che ha accresciuto la possibilità che Teheran stia seguendo un percorso simile per aumentare le capacità della Russia contro l’Ucraina ( Forbes , 16 novembre 2022). Sebbene l’Occidente abbia sanzionato queste compagnie aeree più volte, la rinascita di questa tattica in Ucraina mostra che l’attuale politica ha ancora delle scappatoie”.

Proseguendo, l’istituto ipotizza che in Ucraina, il canale di trasferimento potrebbe essere attraverso il Mar Caspio. Secondo l’intelligence ucraina, l’Iran aveva pianificato di trasferire i droni Shahed-136, Mohajer-6 e Arash-2 smontati attraverso questo canale (Defense Intelligence of Ukraine, 1 novembre 2022). Anche se l’Occidente ha imposto sanzioni su queste compagnie aeree, queste tattiche sembrano essere ancora utilizzate. La Russia potrebbe quindi sfruttare questa rotta per aumentare le proprie capacità militari in Ucraina. Questo avrebbe un impatto significativo sulle difese aeree e sul personale militare ucraino, aumentando ulteriormente gli attacchi della Russia verso obiettivi ucraini.

Infine, Jamestown così conclude la sua analisi: “L’uso da parte della Russia dei Mohajer-6 iraniani in Ucraina eserciterà una forte pressione sulle difese aeree e sul personale militare ucraino, già appesantito dalle munizioni iraniane vaganti. Questo ulteriore impulso alle capacità di attacco della Russia aumenterà anche in modo significativo l’aggressione di Mosca verso obiettivi ucraini, comprese le infrastrutture civili. Tuttavia, questo sviluppo non dovrebbe essere letto solo come un “successo” iraniano, ma piuttosto come un indicatore delle vulnerabilità dell’Occidente nei punti caldi geopolitici contestati”.

( Fondazione Jamestown   www.jamestown.org)

****

nota a margine: La Jamestown Foundation (in inglese The Jamestown Foundation ) è un istituto di ricerca e analisi, fondato nel 1984 come piattaforma di supporto per i dissidenti sovietici e con sede a Washington . Oggi, la sua missione dichiarata è quella di educare e informare i responsabili politici americani su tali eventi e tendenze che l’istituto ritiene di importanza strategica per gli Stati Uniti . La maggior parte delle informazioni raccolte dalla Jamestown Foundation proviene da fonti locali di prima mano. (Wikipedia)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.