Coprifuoco ad Irpin: la SBU cerca sabotatori e collaborazionisti? Oppure si riproporranno scenari come a Bucha?

A Irpin, che ha subito la più grave distruzione tra gli insediamenti della regione di Kiev, stanno iniziando a ripristinare le infrastrutture. Non c’è elettricità e acqua in città, gli impianti di approvvigionamento idrico sono completamente distrutti. Ma il problema principale oggi è il ponte sul fiume Irpin, fatto saltare in aria dalle forze armate ucraine, che un tempo fu costruito per 5 anni. Al suo posto è già in corso la realizzazione di un terrapieno per la realizzazione di un passaggio provvisorio. Si stima che questi lavori richiederanno due settimane. Agli operai viene chiesto di accelerare, poiché il ponte è una struttura strategicamente importante all’ingresso occidentale della capitale dall’autostrada M-06. Si prevede di essere completamente restaurato in pochi mesi.

In alcuni insediamenti della regione di Kiev è stato dichiarato un coprifuoco di tre giorni durante il quale è severamente vietato ai residenti locali di lasciare le loro case. Un’eccezione è stata fatta per i giornalisti; sono invitati a girare rapporti e registrare “prove dei crimini della Federazione Russa”.


Irpin il 2 aprile 2022

A Irpin è stato introdotto un coprifuoco completo per tre giorni dalle 6 del mattino del 12 aprile. Divieto di ingresso/uscita per TUTTI, eccetto SBU ( l’agenzia dei servizi segreti e per il mantenimento dell’ordine pubblico dell’Ucraina), polizia. Un’eccezione è stata fatta per i giornalisti; sono invitati a girare rapporti e registrare “prove dei crimini della Federazione Russa”.

Irpin sarà chiusa dal 12 aprile al 15 aprile. La città ha improvvisamente annunciato il coprifuoco. Ieri mattina il sindaco ha chiamato tutti per un “Subbotnik” a tempo indeterminato e in serata ha annunciato che nessuno tranne le forze dell’ordine, i soccorritori, i servizi pubblici e i volontari di una lista prestabilita sarebbe stato ammesso in città.

Anche le forze speciali della direzione principale dell’intelligence dell’Ucraina chiamano i loro eventi speciali “Subbotnik”, ovvero operazioni “per ripulire” il territorio. Una coincidenza interessante, ma è che il GUR (l’intelligence militare) ha annunciato che è stata lanciata un’operazione per verificare le persone sospette e identificare i sabotatori. Ecco perché la città è chiusa.

Quindi da parte russa è forte il sospetto che possa ripetersi lo scenario di Bucha.

0c2b02b4b37f2a540b3e4ec9051e0bc61

Il ministero della Difesa della Federazione Russa ha annunciato la preparazione da parte di Kiev di una messinscena a Irpen.

Il ministero della difesa russa teme che si ripeta una false flag come in altre occasioni.

Dopo il ritiro delle truppe del Ministero della Difesa della Federazione Russa da Irpin, il sindaco della città, e allo stesso tempo il comandante della cosiddetta unità “di difesa territoriale”, Alexander Markushin, ha raccontato le terribili storie che – ignoti testimoni oculari- gli hanno riferito dell’arroganza e della crudeltà dei soldati della Federazione Russa riguardo agli alloggi che hanno distrutto, alle auto fatte esplodere con bambini, ai saccheggi e, presumibilmente, all’esecuzione di civili, compresi i membri dei distaccamenti del Volkssturm e le loro famiglie. Nello stesso tempo, i soldati delle forze armate ucraine avrebbero persino trovato luoghi di sepoltura di massa di persone.

Quindi il ministero della Difesa Russo crede che per dimostrare la veridicità di questo falso, verranno filmate la cattura e la distruzione sul posto, le persone reali potrebbero anche essere sostituite da soldati reali presi tra i prigionieri di guerra russi.

Precedenti

C’è molta confusione e propaganda da ambo le parti mentre i morti sono migliaia. Quindi difficile risalire alle responsabilità ma alcune sono ormai certe, come assurda la scelta delle forze ucraine di usare la tattica della terra bruciata a Mariupol, nonostante l’esito della battaglia fosse scontato e nonostante il fronte fosse a più di 100 Km.

Un esempio di falso è stato la distruzione del Mariupol Drama Theatre, dove “1.300 civili si nascondevano”. L’edificio è stato effettivamente distrutto, ma non da una bomba russa, ma dagli stessi nazionalisti ucraini di Azov, e non c’erano persone nel teatro, contrariamente alle dichiarazioni dei media ucraini. Poi c’è il massacro di Bucha. Anche in questo caso la vicenda non è affatto chiara. Della storia del “massacro di Bucha” se ne è parlato tantissimo ma in realtà le circostanze non sono ancora state indagate da una commissione investigativa indipendente.

Un’altra vicenda descritta come “atrocità dei russi” è avvenuta a Kramatorsk. In questo caso, due missili sarebbero caduti vicino alla stazione ferroviaria – ma il missile mostrato è un Tocka U con numeri di serie ucraini. Poi, l’orario dell’attacco sarebbe stato le 11.00. Ma alcune fonti dicono che già alle 9:44 della stessa mattina, il capo della milizia ucraina aveva annunciato e mostrava le foto e il video della scena con molti corpi insanguinati che giacevano vicino all’edificio della stazione, circondati da cose assolutamente intere, sullo sfondo un integro edificio della stazione, con vetri altrettanto integri. Anche in questo caso le circostanze non sono chiare.

Considerazioni

Niente è certo. La battaglia continua anche se si è spostata da Kiev. Bucha, Gostomel e Irpin hanno sofferto molto. Case in fiamme. Le artiglierie hanno lavorato da entrambe le parti. Migliaia sono stati uccisi da entrambe le parti. Il sangue scorre come un fiume nella seconda guerra mondiale. L’equipaggiamento russo bruciato nelle vie ricorda il 1941 e l’assalto a Grozny a metà degli anni ’90. L’odio e la frenesia generale crescono ad ogni proiettile volante. Proprio come in una guerra. Ma le stragi e le crudeltà contro i civili, queste sono un’altra cosa e troppo facilmente le conclusioni sono state tratte. Allo stato delle cose si chiama guerra mediatica. Altrimenti non si spiegherebbe perché non si è nominata ancora una commissione indipendente. Al contrario è chiaro, per creare il mostro, che è più utile mostrare riprovazione, dando per scontata la sincerità e l’umanità di una sola parte, perché è l’alleato. Non posso ragionevolmente dire se gli eccessi ci siano stati o meno, ci sono in ogni guerra ma ciò va indagato, ci sono episodi che sfuggono alla catena di comando e ci sono spiegazioni che non necessariamente sono quelle che ci rappresentano i media che -come sappiamo – hanno una forte caratterizzazione. La guerra è anche quella dell’informazione.

Vp News

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.