Bolton non vuole interrompere la guerra illegale in Siria

Le parole di Bolton sono molto diverse da quelle proferite da Pompeo nell’intervista di Pompeo rilasciata alla TV Newsmax,  qualche giorno fa. In quell’occasione Pompeo parlando del ritiro USA dalla Siria ha detto che ”la guida non è ambigua e quindi si farà”. La dissonanza tra i due sono segno dei contrasti interni alla Casa. Dobbiamo imparare a leggere tra le righe ed interpretare, ma tuttavia l’articolo che segue, offre parecchi spunti interessanti. (Vietato Parlare)

fonte: The American Conserbative

Bolton non rinuncerà a mantenere la nostra guerra illegale in Siria andando in un modo o nell’altro:

Alcune truppe statunitensi potrebbero rimanere nel sud della Siria per un periodo di tempo indeterminato, anche se le forze americane si ritireranno nei prossimi mesi dalla parte settentrionale del paese, ha detto un funzionario dell’amministrazione senior.

I commenti di Bolton sono un’ulteriore prova del fatto che il ritiro della Siria annunciato il mese scorso non sarà altrettanto rapido o completo di quanto inizialmente pubblicizzato. Se ci sono forze statunitensi che si fermano in Siria per “una quantità indeterminata di tempo”, sarebbe un segno scoraggiante di quanto sia diventato difficile per gli Stati Uniti liquidare qualsiasi posizione all’estero. Ciò significherebbe che la nostra presenza militare illegale continua senza l’autorizzazione del Congresso, le forze statunitensi sarebbero ancora esposte a rischi inutili in un paese in cui non hanno alcun business e quelle truppe sarebbero incaricate di “contrastare” l’Iran con numeri ancora più piccoli e meno risorse di quello che hanno ora. Ha tutti i difetti della precedente politica. Ridurre il numero di truppe in una guerra illegale non risolve il vero problema. Nessuno di loro dovrebbe essere lì,

Ci sono altri motivi per pensare che il coinvolgimento militare USA in Siria potrebbe non finire presto:

La Turchia sta chiedendo agli Stati Uniti di fornire sostanziali aiuti militari, compresi i raid aerei, i trasporti e la logistica, per consentire alle forze turche di assumersi la principale responsabilità per combattere i militanti dello Stato islamico in Siria, dicono alti funzionari statunitensi.

Le richieste turche sono così estese che, se pienamente soddisfatte, le forze armate americane potrebbero approfondire il loro coinvolgimento in Siria invece di ridurle, hanno aggiunto i funzionari. Ciò vanificherebbe l’obiettivo del presidente Trump di trasferire la missione di portare a termine lo Stato islamico in Turchia nella speranza di creare una strategia di uscita affinché l’esercito statunitense lasci la Siria.

Anche se gli Stati Uniti non sono d’accordo con tutte le richieste turche, il rapporto suggerisce che gli Stati Uniti saranno ancora coinvolti in una guerra illegale in Siria per qualche tempo a venire. Il rapporto cita un funzionario del Dipartimento di Stato che dice: “Non abbiamo alcun calendario per le nostre forze militari di ritirarsi dalla Siria”. La mancanza di una linea temporale renderà estremamente facile eliminare qualsiasi ritiro per così tanto tempo che sarebbe difficile distinguere dalla missione a tempo indeterminato che dovrebbe terminare.

Se gli Stati Uniti non riescono a liberare rapidamente le proprie forze da un paese in cui i militari non hanno l’autorizzazione a usare la forza e nessun mandato per esserci, è difficile vedere come gli Stati Uniti saranno mai in grado di lasciare nessuno dei posti in cui sono stati in guerra negli ultimi anni. Gli Stati Uniti continuano ad aggiungere nuove missioni e impegni, ma non sono mai in grado di eliminarne completamente nessuno, indipendentemente da quanto siano irrilevanti per la nostra sicurezza.

source: https://www.theamericanconservative.com/larison/bolton-wont-give-up-on-illegal-war-in-syria/