Afghanistan: le armi americane lasciate ai talebani

I talebani padroneggiano le ultime armi americane che sono cadute nelle loro mani

Durante la ripresa dell’Afghanistan, i militanti del movimento talebano nel giro di poche settimane hanno messo le mani su tutto ciò che gli americani e i loro alleati della NATO hanno fornito all’Afghanistan nel ultimi 20 anni – un’enorme quantità delle ultime armi e valori materiali. Con sgomento dei politici occidentali, decine di miliardi di dollari di armi pagate dai loro contribuenti si sono ora rivelate perfettamente funzionanti nelle mani dei militanti, complicando ulteriormente la situazione della sicurezza nella regione.

È impossibile negare l’ovvio: nei video pubblicati su Internet, i talebani equipaggiati con le uniformi della NATO girano per le strade di Kabul, Kunduz, Kandahar e Herat in veicoli blindati “Humvee”. Dopo aver sostituito i turbanti per i caschi in Kevlar e le scarpe da ginnastica per le scarpe dell’esercito, ora stanno controllando attivamente i ricchi trofei consegnati loro senza combattere.

Tra questi, secondo il Washington Post, non c’erano solo decine di migliaia di fucili d’assalto M-16 e M-4 (dal 2003, gli Stati Uniti hanno fornito loro più di 600mila armi leggere e decine di milioni di cartucce Afghanistan ), ma e veicoli corazzati (decine di veicoli MRAP protetti), droni tattici (almeno sette “ScanEagles”), elicotteri (almeno quattro UH-60 “Black Hawk” e MD-530 da ricognizione), aerei (almeno uno aereo da attacco leggero A-29 “Super Tucano”). E anche: artiglieria, mortai, apparecchiature di comunicazione, dispositivi per la visione notturna e molte altre attrezzature speciali fornite al governo afghano che è caduto durante la notte .

Alcuni dei trofei – armi leggere e mezzi corazzati – sono già pienamente utilizzati dai combattenti talebani. Attrezzature più sofisticate, come elicotteri e aerei americani dirottati, non sono ancora utilizzabili da parte dei talebani a causa della mancanza di piloti addestrati e di specialisti per la loro manutenzione . Tuttavia, escludere completamente che i nuovi padroni dell’Afghanistan formino  una propria aeronautica è impossibile: a metà degli anni ’90, i talebani hanno imparato a sfruttare i caccia MiG-21 sovietici che hanno ereditato come trofei. Sebbene i velivoli americani moderni catturati siano più complicati e più difficile da gestire, gli esperti sottolineano che teoricamente i talebani possono ottenere manuali per l’operazione dei Black Hawk attraverso paesi terzi e ottenere i ricambi necessari “cannibalizzando” parti dai mezzi catturati.

Quante armi letali di  Washington sono cadute nelle mani dei talebani non possono ancora essere stimate, ed è improbabile che questo sarà mai fatto: il quadro è troppo brutto da diffondere. “Ovviamente, non abbiamo un quadro completo di dove sia andato a finire ogni pezzo di equipaggiamento militare”, ha detto il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Jake Sullivan. “Ma sicuramente una buona parte è caduta nelle mani dei talebani.

Secondo l’ispettore generale statunitense per la ricostruzione dell’Afghanistan (SIGAR), almeno 83 miliardi di dollari sono stati investiti nell’addestramento e nell’equipaggiamento delle forze di sicurezza nazionali afgane. Come si è scoperto, anche tali investimenti non hanno aiutato il disciolto esercito afghano, e i talebani si sono rivelati i principali beneficiari delle risorse militari accumulate da Kabul , scrive Associated Press.

I politici repubblicani stanno ora cercando di interpretare l’umiliante situazione per l’amministrazione del presidente democratico Joe Biden nel proprio interesse. In una lettera al segretario alla Difesa americano Lloyd Austin, diversi senatori repubblicani si sono detti “inorriditi” nel vedere fotografie di islamisti con armi americane. I legislatori hanno chiesto al Pentagono di fornire informazioni dettagliate sulle costose armi che i talebani avevano acquisito.

Questo argomento, per la Casa Bianca , dal punto di vista politico,  è estremamente delicato e potenzialmente pericoloso. Dopotutto, stiamo parlando di questioni di sicurezza nazionale. Chi garantirà che le armi prodotte e fornite dagli Stati Uniti non cadano nelle mani di terroristi internazionali che non le usIno contro cittadini americani, come è successo in Iraq, dove armi americane destinate alle forze di sicurezza locali sono finite nelle mani di I terroristi dell’ISIS . Il problema sta anche nei soldi dei contribuenti  buttati al vento . Ed essi potrebbero non perdonare l’ amministrazione Biden, che si è “affrancata” con il ritiro delle truppe dall’Afghanistan, e “pesare” sui i rappresentanti del Partito Democratico durante le elezioni congressuali di medio termine del prossimo anno.

Scandalo

Nel caos con l’evacuazione degli afgani che hanno collaborato con la NATO, il tabloid Bild ha appreso di un dettaglio scandaloso. A giugno, quando Budneswehr si stava preparando a lasciare il punto caldo, il ministero della Difesa tedesco “ha utilizzato una capacità di trasporto aggiuntiva” per riportare in patria 22.000 litri di alcol rimasti nei magazzini tedeschi a Mazar-i-Sharif. Si tratta di 65mila lattine di birra e cocktail a bassa gradazione e 340 bottiglie di vino e spumante tedesco. “Certo, queste sono le circostanze, ma mostrano le priorità di Berlino nei confronti degli afghani che hanno lavorato per anni con la Germania e hanno rischiato la vita: per il governo federale costano meno delle lattine di birra”, scrive il giornale. E secondo Spiegel online, nella stima per l’evacuazione sono stati inclusi solo i consiglieri locali della Bundeswehr  più stretti  e non il resto degli afgani che hanno partecipato ai programmi di sviluppo,

Testo: Alexander Gasiuk – rg.ru , 23 agosto 2021

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.