Afghanistan – I profughi afgani possono essere fattore di destabilizzazione nella regione

"Afghanistan rugged red mountains partly covered with snow, Bamyan Province"

Mentre tutta l’attenzione è focalizzata dai media mainstream sulle condizione disumane e i diritti umani violati dai talebani, in realtà esiste un pericolo più grande, quello della destabilizzazione della regione

La crisi in Afghanistan – i rifugiati come fattore di destabilizzazione

MOSCA, 4 settembre 2021, Istituto RUSSTRAT. La situazione in Afghanistan e nei territori limitrofi è molto dinamica. Un numero significativo di attori interni ed esterni rende difficile la previsione degli eventi e crea ulteriori rischi di processi non controllati. Tra i vicini dell’Afghanistan, i paesi dell’Asia centrale e centrale sono tra i meno stabili e vulnerabili agli shock esterni.

L’Asia centrale è una regione complessa con una serie di aree esplosive. Fattori di rischio: questioni di confine irrisolte tra Uzbekistan, Kirghizistan e Tagikistan, complesse relazioni interetniche, crescente mancanza di acqua e terra, manifestazioni di estremismo religioso, traffico di droga, notevole stratificazione della proprietà, scarsa qualità sociale de.

Negli ultimi 2 anni, la situazione è stata complicata dall’impatto negativo della pandemia di coronavirus: la chiusura delle frontiere ha colpito il volume della migrazione verso la Russia e ha anche reso difficile per gli islamisti radicali viaggiare in Medio Oriente.

Gli eventi di sicurezza più eclatanti nella regione includono la guerra civile degli anni ’90 in Tagikistan, gli scontri interetnici in Kirghizistan e Kazakistan, nonché i recenti conflitti di confine tra Kirghizistan e Tagikistan nella valle di Fergana. Interessanti anche le manifestazioni di protesta anti-cinesi in Kazakistan e Kirghizistan.

Una delle più conseguenze visibili della crisi in Afghanistan è stato il flusso di cittadini afgani che cercavano di lasciare il Paese. Alcune di queste persone sono finite o finiranno nei paesi dell’Asia centrale. Diverse centinaia di persone sono già state consegnate in Kirghizistan, compresi studenti che hanno studiato in istituti scolastici nell’ambito di programmi statunitensi. La consegna e il collocamento delle persone sono gestiti dal Dipartimento di Stato.

Un’altra opzione è quella di utilizzare gli sfollati per raccogliere informazioni sul territorio del loro soggiorno. Per gli afghani che come informatori, questo non sarà difficile. È sufficiente passare 3-5 anni a costruire connessioni in un nuovo luogo di residenza. Il sostegno finanziario può semplificare il compito.

Il flusso di rifugiati può portare conseguenze diverse. Prima di tutto, questo dipenderà dal volume dei flussi migratori.

Se il numero di rifugiati non supera diverse migliaia.

Nei paesi della regione, principalmente Kazakistan e Kirghizistan, potrebbe apparire un ulteriore gruppo di persone fedeli agli Stati Uniti che odiano sinceramente i talebani  Gli afgani possono essere usati come strumento per risolvere i problemi usati nella regione. In alternativa, gruppi di studenti, attivisti e avvocati esperti possono partecipare alla raccolta di informazioni classificate. Politici, funzionari e personaggi pubblici locali si metteranno in contatto da soli, soprattutto se alcuni afghani agiranno come distributori di sovvenzioni.

Se il numero dei profughi supera le diverse migliaia, le conseguenze per la regione saranno maggiori.

Più di 3 milioni di tagiki di etnia vivono in Afghanistan (i dati esatti sono sconosciuti, l’ultimo censimento della popolazione è stato effettuato più di 40 anni fa), turkmeno, uzbeko, kirghiso. Il reinsediamento di un numero significativo di tagiki o uzbeki nei paesi dell’Asia centrale può portare a cambiamenti nella composizione etnica dei paesi, oltre a creare ulteriori focolai di tensione. Nel peggiore dei casi, ciò può portare a scontri interetnici, esacerbazione dei conflitti di confine, ridistribuzione delle sfere di influenza dei gruppi criminali.

Vorrei anche notare l’improbabile opzione: i rifugiati possono ottenere la cittadinanza dei paesi dell’Asia centrale e, come cittadini a pieno titolo, andare in Russia con tutti i problemi per la Federazione Russa.

Per quanto riguarda l’umore dei rifugiati.

Gli Stati Uniti ei suoi alleati hanno iniziato a promuovere il discorso “Russia e Cina sono responsabili della vittoria dei talebani (l’organizzazione è bandita in Russia) e della tua fuga dalla patria”. L’obiettivo di questa campagna sono principalmente i rifugiati afgani (devono “spiegare” di chi è la colpa delle loro sofferenze).

Anche la tesi sulla “colpa” di Mosca e Pechino per quanto accaduto e, quindi, la loro responsabilità per il successivo sviluppo degli eventi, comprese le “atrocità dei talebani” può essere utilizzata per annuncia il prossimo pacchetto di sanzioni contro la Federazione Russa e la Cina, nonché per condurre una campagna di propaganda a lungo termine contro i “nemici della democrazia”.

Exit mobile version