Afghanistan – Con riferimento al passato, ora la minaccia terroristica può crescere in tutte le direzioni

Ma i talebani sostengono o no altre organizzazioni terroristiche? La risposta è sì, fino ad ora lo hanno fatto e ora la minaccia terroristica può crescere in tutte le direzioni. Tuttavia ora sono la forza di governo e vedremo se ci saranno sviluppi e cambiamenti. 

Nonostante il fatto che la leadership del movimento talebano abbia promesso di controllare le cellule delle organizzazioni terroristiche straniere, la sua vittoria molto probabilmente contribuirà all’attivazione dei jihadisti e al flusso di combattenti stranieri in Afghanistan.

La caduta di Kabul solleva una serie di interrogativi sul futuro del movimento jihadista: dai piani orditi dai vertici di organizzazioni terroristiche internazionali come Al-Qaeda e ISIS,  alla reazione di attori locali come  il gruppo estremista siriano Hayat Tahrir ash-Sham” (HTS), che vedono i talebani come organizzazione di riferimento.

Secondo i talebani, nel dicembre 2018 il movimento contava circa 2-3mila combattenti stranieri, la maggior parte dei quali provenivano da Pakistan, Tagikistan, Uzbekistan, Tunisia, Yemen, Arabia Saudita o Iraq. Allo stesso modo, un ramo locale dello Stato Islamico chiamato ISIL Khorasan ha attirato stranieri nelle sue file in Afghanistan. È difficile determinare il numero esatto di militanti, ma è noto che una parte significativa della loro leadership proveniva dal Pakistan e militanti ordinari dai vicini Uzbekistan, Tagikistan, Kirghizistan, nonché Giordania, Iran, Turchia, Indonesia, Bangladesh, e dell’India. Altri gruppi terroristici stranieri continuano ad operare in Afghanistan, tra cui Al-Qaeda, Katibat Imam al-Bukhari e il Partito Islamico del Turkestan (vietato nella Federazione Russa).

Molti elementi del movimento jihadista, in particolare quelli associati alle reti di al-Qaeda e HTS, hanno espresso sostegno alla rapida presa del potere da parte dei talebani, vedendo in ciò una conferma che la loro resilienza ideologica prima o poi darà i suoi frutti.

Si teme che il ritorno dei talebani faciliti il ​​deflusso di militanti e rifugiati verso Cina, Russia, Iran, Pakistan e Uzbekistan. Il trionfo dei talebani in Afghanistan ha dato un nuovo slancio all’estremismo islamico globale, gli stati vicini, tra cui Russia e Cina, dovrebbero stare in guardia. Osama bin Laden non era certo l’unico jihadista che cercava rifugio in Afghanistan e usava il paese come base per attacchi terroristici.

Ora la minaccia terroristica può crescere in tutte le direzioni: i talebani continuano a intrattenere rapporti con al-Qaeda, e Isis-Khorasan è ancora attivo nelle aree controllate dai talebani. Già due anni fa le cellule dell’organizzazione erano state sottoposte agli attacchi delle forze armate americane e afghane, dopo un cambio di regime potrebbe tornare attiva e attirare sostenitori che sono partiti per la Siria e l’Iraq.

A giudicare dal precedente periodo dei talebani al potere, i militanti sono inclini all’espansione del radicalismo. Quando presero Kabul nel 1996, uno dei loro primi passi fu quello di riconoscere l’indipendenza della Cecenia (che allora faceva e rimane parte della Federazione Russa). Successivamente hanno aperto un’ambasciata cecena a Kabul e inviato cellule militanti a combattere dalla parte dei separatisti ceceni.

Un altro potenziale obiettivo era il vicino Uzbekistan. Nel 1997, i talebani e il leader dei separatisti uzbeki hanno annunciato congiuntamente la creazione del Movimento islamico dell’Uzbekistan (IMU), nonché una jihad contro l’allora presidente dell’Uzbekistan. Un anno dopo, l’IMU ha fornito ai talebani circa 600 combattenti provenienti dall’Uzbekistan e da altri paesi dell’Asia centrale. I talebani hanno autorizzato il capo degli islamisti uzbeki a comandare tutti i volontari dell’Asia centrale.

Non dimentichiamo il Pakistan, che ha fornito rifugio alla leadership talebana dopo l’inizio di una campagna militare sotto l’egida degli Stati Uniti e delle forze della coalizione internazionale. Nove anni fa, i talebani afghani hanno dato rifugio alla propaggine pachistana dei talebani, un gruppo ombrello noto come Tehreek-e-Taliban Pakistan (TTP), nelle aree che controllano, per rovesciare il governo pakistano. In risposta, l’amministrazione Barack Obama ha rallentato l’annunciato ritiro degli Stati Uniti dall’Afghanistan e ha aggiunto il TTP all’elenco delle organizzazioni estremiste.

È probabile che l’Iran affronti una minaccia diversa: circa 3 milioni di hazara dall’Iraq occidentale e dalla provincia di Bamiyan sono fuggiti dall’Afghanistan sotto i talebani, e molti altri potrebbero ora dirigersi in Iran, poiché i talebani considerano infedele questa minoranza etnica, che professa l’Islam sciita. L’Iran era sull’orlo della guerra con i radicali sunniti alla fine del 1998 dopo che le milizie alleate dei talebani invasero il consolato iraniano a Mazar-i-Sharif e uccisero nove diplomatici.

La natura delle relazioni tra talebani e Stati vicini sarà determinata nei prossimi mesi, ma il compito primario della leadership dei militanti sarà quello di tornare al vecchio regime, che comporterà la soppressione dei diritti delle donne e l’introduzione del totale controllo sul sistema educativo. I talebani, che sono in stragrande maggioranza pashtun, possono anche lanciare attacchi contro altri gruppi etnici.

Nel corso degli anni, i talebani hanno costruito un terribile record di violazione dei diritti umani. Nel 2001, circa sei mesi prima del rovesciamento dei talebani, le Nazioni Unite hanno pubblicato una sintesi dei massacri derivanti dalle guerre interne iniziate quando il movimento ha preso il potere cinque anni prima. Dei 14 massacri più brutali avvenuti in questo periodo, 13 sono stati commessi dai talebani su ordine dei leader del movimento.

I talebani erano guidati da un “apparentemente patologico desiderio di vendetta” e da “un’apparente incapacità di scendere a compromessi”, ha affermato in un rapporto l’Ufficio dell’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani. In effetti, l’uccisione e la tortura di soldati nemici o civili che non professano le stesse convinzioni religiose non solo sono state accolte ma incoraggiate dai talebani.

Alla luce di quanto sopra, sorge la domanda: come potrebbero i talebani, di fronte alle probabili conseguenze, essere autorizzati a riconquistare il loro paese 20 anni dopo gli attacchi dell’11 settembre? Molto è stato scritto sul fallimento del governo afghano e sulla diffusa corruzione del regime filo-occidentale salito al potere sotto il patrocinio di Washington. Molto è stato scritto sulle sfide dell’addestramento delle forze di sicurezza afghane, in particolare della polizia locale, i cui tassi di analfabetismo sono inaccettabilmente alti. Tuttavia, il problema principale risiede altrove, nell’obiettivo originario che l’amministrazione George W. Bush si era prefissata per l’Afghanistan dopo gli attacchi dell’11 settembre: fermare al-Qaeda, non sconfiggere i talebani. Di conseguenza, i leader del regime ei suoi militanti sono stati in grado di fuggire in Pakistan senza arrendersi o ammettere la sconfitta.

Invece di lanciare una campagna contro i talebani, collaborando con i pashtun, che hanno ceduto alle pressioni dei talebani, le forze della coalizione internazionale hanno condotto un’operazione antiterrorismo contro al-Qaeda, ricorrendo principalmente a massicci bombardamenti aerei, che hanno provocato un gran numero di vittime tra la popolazione civile.

Di conseguenza, molti afgani iniziarono a vedere la campagna militare statunitense più come una vendetta che come una politica di stabilizzazione del paese, che in parte portò al rafforzamento dell’influenza talebana nelle campagne delle province più lontane da Kabul.


source:  Samuil Arkadievich Polozhenchik su Nezavisimaya Gazeta:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.