NUOVA INTERVISTA – Cardinale Brandmüller: come si dovrebbe rispondere ai “Dubia”….

In una nuova intervista del 30 dicembre  con Armin Schwibach, corrispondente di Roma del sito cattolico austriaco Kath.net, il cardinale Walter Brandmüller – uno dei firmatari dei Dubia riguardante il documento di Papa Francesco Amoris Laetitia – ha ripetuto nuovamente le cinque domande dei Dubia che è stata presentata al papa più di un anno fa e procede a spiegare come, e implicitamente perché, essi devono ricevere una risposta in conformità con l’insegnamento morale della Chiesa cattolica.

Il prelato tedesco riassume i cinque dubia come segue:

1.) Può una persona che è vincolata da un vincolo sacramentale esistente e che ora vive con un nuovo partner in una relazione coniugale (AL, n. 305, nota 351) ricevere, in alcuni casi, “assoluzione e comunione”?

2.) Esistono comandamenti morali assoluti, rispettivamente, o interdetti, che sono vincolanti senza eccezioni e in tutte le circostanze (come l’uccisione di una persona innocente)?

3.) È ancora vero che qualcuno che vive continuamente nello stato di adulterio si trova, oggettivamente, nello stato di peccato grave?

4.) Ci sono situazioni nella vita che mitigano la responsabilità morale a tal punto che un atto immorale (qui: adulterio) può quindi essere moralmente scusato, o anche giustificato?

5.) Una decisione personale di coscienza può consentire eccezioni dall’assoluta interdizione di atti intrinsecamente immorali?

Brandmüller procede poi a spiegare come queste cinque domande dovrebbero essere risolte alla luce dell’insegnamento morale della Chiesa:

Come vedi, queste [cinque] domande riguardano i fondamenti della Fede e dell’insegnamento morale [della Chiesa]. Secondo queste [fondazioni], le domande 1, 4 e 5 dovrebbero avere una risposta chiara con “No” e le domande 2 e 3 con “Sì”.

L’astuto osservatore potrebbe notare che le risposte ai dubia proposte da Brandmüller sono in qualche modo diverse da quelle comunemente circolanti nel mondo di lingua inglese, che sono spesso formulate come “No, Sì, Sì, Sì, Sì”. Questa discrepanza, tuttavia, è solo una questione di formulazione. Per evitare confusione, una breve spiegazione sembra appropriata. Considerando, ad esempio,  nella nostra analisidei cinque dubia la questione morale era formulata in modo tale da dover rispondere affermativamente ai punti 4 e 5, Brandmüller pone le stesse domande fondamentali in modo tale che esse debbano essere risolte in senso negativo; cioè, “5. L’insegnamento della Chiesa secondo cui un appello alla coscienza non può superare le norme morali assolute è ancora vero? “Vs.” 5. Una decisione personale di coscienza può consentire eccezioni dall’assoluta interdizione di atti intrinsecamente immorali? “La risposta nel primo caso sarebbe” sì “, la risposta nel secondo sarebbe” no “, ma lo stesso principio morale viene affermato in entrambi i casi.

Non è la prima volta negli ultimi mesi che il cardinale Brandmüller si è pronunciato su questo tema. Nell’ottobre del 2017, ha formulato osservazioni forti su coloro che affermano che potrebbero esservi eccezioni in merito agli adulteri e al loro possibile accesso ai sacramenti:

Chi afferma che si può entrare in una nuova relazione mentre la propria moglie legittima è ancora viva viene scomunicato perché si tratta di un insegnamento errato, un’eresia. Chiunque faccia una tale affermazione [è scomunicato]. […] Quindi, se qualcuno pensa di poter contraddire il dogma definito di un Concilio generale [ ad esempio , Concilio di Trento], allora questo è davvero piuttosto fuorviato. Esattamente questo è ciò che si chiama eresia – e questo significa esclusione dalla Chiesa – perché si è lasciato il fondamento comune della Fede. [enfasi aggiunta]

Nella nuova intervista, Schwibach tocca anche la questione delle recenti lodi di Martin Lutero, come è stato espresso da diversi prelati a Roma. Per il cardinale Brandmüller, Martin Luther – pur partendo con alcune ragionevoli preoccupazioni e critiche – ha finito non per voler riformare la Chiesa, ma per cambiarla. Tuttavia, “la Chiesa di Gesù Cristo può e deve sempre diventare” diversa “, vale a dire, più perfetta”. Citando uno storico della Chiesa protestante, Franz Lau, Brandmüller mostra che Lutero voleva una “rivolta radicale”. Luther intendeva specificatamente – come espresso nel suo stesso testo “Alla nobiltà della nazione tedesca” – abbattere tre muri . Come spiegano i cardinali tedeschi:

Per lui [Lutero], il primo muro era il sacerdozio basato sulla santa ordinazione; il secondo era il Magistero della Chiesa basato sulla missione data da Gesù Cristo; il terzo era l’esistenza del papato . Che queste tre “mura” abbiano una solida base biblica, non ha interessato il rabbioso monaco agostiniano. Ora che ha abbattuto tutti e tre i muri, Lutero vede che l’intero edificio della Chiesa papale è crollato. Affermare che questa distruzione totale è un “lavoro dello Spirito Santo” è un’affermazione completamente bizzarra che può essere spiegata solo con la pura e semplice ignoranza dei testi e dei fatti storici – un’ignoranza che è più che sorprendente per un vescovo. [enfasi aggiunta]

Un riferimento specifico viene fatto qui al Vescovo Nunzio Galantino che recentemente aveva reso tale dichiarazione errata e lode a Martin Lutero nell’ottobre del 2017. (Galantino è il Segretario Generale della Conferenza Episcopale Italiana dal dicembre del 2013).

Accanto a questo dibattito sul ruolo di Martin Lutero, il Cardinale Brandmüller discute anche dell’attuale affermazione che l’uomo possa scegliere il suo orientamento sessuale e potrebbe cambiarlo se lo si desidera. Il prelato definisce tale atteggiamento una “rivolta quasi perversa contro l’ordine della creazione, contro la natura dell’uomo voluta e creata da Dio”. Aggiunge: “Agire contro di essa [creazione della natura] significa autodistruzione dell’uomo. Sarebbe un ingannevole downplaying. “Brandmüller continua dicendo:

È davvero molto preoccupante che la confusione ideologica si spinga così lontano che si pensa di poter portare il soggettivismo agli estremi. Sarebbe quindi il “No” alla propria creativita ‘e al Creatore. Uomo sul trono di Dio! Un’idea grottesca, assurda e apocalittica.

Quando si discute sulla questione se la Chiesa debba affrontare con atteggiamento indulgente coloro che sono alle sue periferie, lasciando e permettendo loro di rimanere nello stato in cui si trovano, il Cardinale Brandmuller chiarisce che “Gesù Cristo stesso non ha predicato: ‘resta dove sei’; piuttosto, ha detto: “Convertiti e credi nei Vangeli!”. Il cardinale tedesco, storico della Chiesa ed ex presidente del Pontificio Comitato per le scienze storiche, critica poi l’attuale mancanza di zelo missionario della Chiesa per aiutare queste persone quando afferma:

Quello che si esaurisce con le lotte all’interno della Chiesa cattolica, piuttosto che preoccuparsi della salvezza eterna dei molti [fuori], mostra una scioccante mancanza di vitalità spirituale dei cattolici ai nostri giorni.

Lasciando i lettori con alcune parole incoraggianti, il porporato aggiunge: “Il Signore era ed è ancora sulla barca, anche se sembra che dorma”.

OnePeterFive –

Maike Hickson, 3 gennaio 2018