Le armi chimiche in Siria non ci sono più: la distruzione nel 2013

Come è noto, in relazione alla crisi in Siria, il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite del 27 settembre 2013 ha adottato la risoluzione n. 2118 sulla distruzione delle armi chimiche in Siria. Il primo ottobre dello stesso anno inizia una missione degli ispettori delle Nazioni Unite e l’OPCW in Siria, che comprendeva 60 specialisti.

Fino al 1 ° novembre gli ispettori dovevano controllare tutti gli i siti esistenti in Siria, neutralizzare le attrezzature per la produzione di tali armi e, se possibile, iniziarne la liquidazione. Gli ispettori hanno visitato e contrassegnato tutti i laboratori e gli impianti di stoccaggio delle armi chimici designati dal governo siriano, hanno anche ispezionato altri luoghi a loro discrezione senza alcuna restrizione dal governo siriano.

Il 30 novembre 2013 l’agenzia “Reuters” riferendosi alla dichiarazione dell’Organizzazione per il Divieto delle Armi Chimiche ha riferito sulla proposta americana di eliminare le armi chimiche siriane più pericolose prima della fine dell’anno. Altri rappresentanti dell’Organizzazione per il Divieto delle Armi Chimiche hanno affermato che l’operazione sarebbe stata effettuata a bordo di una nave speciale di proprietà del governo USA usando il metodo di idrolisi.

L’organizzazione ha confermato di aver ricevuto proposte da 35 società private Americane che si sono offerte di partecipare al processo di eliminazione di 800 tonnellate di armi chimiche prima della fine dell’anno. Il direttore generale dell’Organizzazione per il Divieto delle Armi Chimiche Ahmet Uzumtsu ha affermato nella sua dichiarazione: “Gli Stati Uniti hanno offerto le proprie tecnologie per l’eliminazione delle armi siriane più pericolose, il sostegno continuo operativo e finanziario (Fonte: (Agenzia AR).

Le unità speciali delle Nazioni Unite e dell’OPCW furono richieste anche dalla Norvegia e dalla Svezia su richiesta degli Stati Uniti. (Fonte: / Agenzia AR /). Proprio la Norvegia, in base alla decisione delle Nazioni Unite,  ha dovuto prendere dalla Siria l’onere di prelevare la metà dell’  arsenale contenente più di mille tonnellate di prodotti chimici e prodotti chimici destinati alla produzione di agenti di gas mostarda e nervose, sarin e VX.

L’eliminazione totale di tutte le armi chimiche (!) è stata prevista per la prima metà del 2014.

Tutto è accaduto come segue: l’Esercito Siriano ha imballato armi chimiche, e sotto il controllo di un satellite della US Army, con l’aiuto della nave danese, è stata portato al porto italiano di Gioia Tauro sud. Il 2 luglio 2014 il portale ceco / idnes. cz / ha scritto, che una  speciale nave americana «Capo Ray» è arrivata nel porto di Gioia Tauro per scaricare centinaia di tonnellate di armi chimiche siriane in vista della loro immediata liquidazione in mare in una località sconosciuta.

Il lavoro è durato circa 60 giorni. L’ OPCW ha informato che sulla base della risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite del 2013 , il 24 dicembre 2014 ha iniziato l’eliminazione delle attrezzature siriane per la produzione di armi chimiche nelle aree metropolitane (agenzia DPA, New York, 30 gennaio 2015, Tasr / HSP /), e e ad  eliminare gli altri 12 dispositivi, di cui 7 situati in hangars di aeromobili e 5 – in depositi sotterranei. Dovevano essere distrutti prima della fine di giugno 2016.

In quella data, l’OPCW ha dichiarato che “l’eliminazione di tutte le armi chimiche siriane è quasi finita.” Il 6 gennaio 2016, l’agenzia AR, citando l’OPCW, che “la società americana Veolia ha liquidato gli ultimi 75 contenitori pieni di fluoruro di idrogeno nei locali di questa ditta nel Texas”. Il direttore generale di OPCW Ahmet Uzumtsu in connessione con il completamento dell’eliminazione delle armi chimiche ha richiamato l’attenzione sul fatto che in Siria l’OPCW ha riconosciuto l’eliminazione di tutte le  scorte di armi chimiche di Damasco.

Interessante a questo proposito la dichiarazione di quell’uomo che aveva poteri illimitati, e tutti i mezzi per svolgere il suo compito di eliminazione delle armi chimiche siriane, e lo smaltimento dei quali ha tutti i tipi di aiuto da parte dell’avversario. Una tale affermazione può facilmente sollevare i sospetti che tali azioni, che hanno portato a nuove accuse sull’uso di armi chimiche dal governo siriano, sono “su misura”, che crea la base per tali dichiarazioni come “attacco chimico di Assad, sostenuto da Mosca,” ogni volta che lo sviluppo della situazione permette di riconoscere la legittimità del governo siriano, o (Dio non voglia!) “peggio” – l’istituzione della “pace”.

Related

Comments

  • Le armi chimiche in Siria non ci sono più: la distruzione nel 2013 – IoStoConAssad 21 settembre 2017 at 14:07

    […] via VietatoParlare […]