Zelensky avverte di un attacco terroristico russo alla centrale nucleare di Zaporozhye, ma è la Russia che ha il controllo dell’impianto…

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha rilasciato questa mattina una dichiarazione pubblica avvertendo che la Russia sta pianificando un qualche tipo di “attacco terroristico” contro la centrale nucleare di Zaporozyhe che causerà “fughe di radiazioni”.

Ecco il messaggio di Zelensky da Twitter:

L’affermazione dell’Ucraina che la Russia attaccherebbe la centrale nucleare di Zaporozhye appare insensata, poiché la Russia ha il controllo dell’impianto e del territorio circostante e conosce i potenziali effetti devastanti che qualsiasi perdita di radiazioni potrebbe avere sul proprio territorio, formalmente il proprio paese. Sarebbe altamente improbabile e irrazionale che la Russia propagasse volutamente radiazioni sul suo stesso territorio, pertanto l’affermazione dell’Ucraina sembra del tutto priva di fondamento.

Va ricordato che circa un anno fa, il senatore statunitense Lindsay Graham ha stabilito che in caso di presenza di radiazioni dall’Ucraina, magari a causa di un’esplosione nucleare tattica russa, gli Stati Uniti avrebbero ritenuto tale radiazione come un attacco alla NATO in quanto trasportata dal vento. Questo farebbe sì che la NATO intervenisse a favore dell’Ucraina nel conflitto Russia-Ucraina.

pic e0cdc81eba41d717696c551db8439b591

Pertanto, se la centrale nucleare russa di Zaporozhye venisse attaccata e vi fosse una fuga di radiazioni, sarebbe l’Ucraina a trarne beneficio in quanto una tale fuga costringerebbe la NATO a inserirsi nel conflitto dalla parte dell’Ucraina.

L’avviso di Zelensky arriva prima del termine dell’esercitazione NATO “Air Defender 2023”: tentativo di far intervenire la NATO in Ucraina?

Mentre discutiamo di questo argomento, la NATO sta conducendo la sua più grande esercitazione aerea nella sua storia, chiamata “Air Defender 2023”. L’esercitazione prevede il coinvolgimento di almeno 225 aerei della NATO, di cui 190 da combattimento, in una simulazione di battaglia sui cieli tedeschi. Tuttavia, c’è una forte preoccupazione che l’esercito ucraino (guidato dalla NATO) possa causare un “incidente” in Ucraina e utilizzarlo come pretesto per entrare in conflitto con la Russia. Un attacco alla centrale nucleare di Zaporozhye, che rilascia radiazioni, potrebbe corrispondere alla descrizione di un “incidente”. Dal momento che l’esercitazione aerea si concluderà domani, qualsiasi “incidente” dovrebbe verificarsi entro le prossime 36 ore, prima che la NATO debba rientrare gli aerei impegnati nell’esercitazione. Questo significa che se un “incidente” di questo tipo deve essere utilizzato come provocazione per indurre la NATO a entrare in guerra, deve aver luogo il prima possibile.

Intanto, il presidente ucraino Zelensky sta dichiarando che una possibile attacco alla centrale nucleare russa potrebbe causare una fuga di radiazioni.

Lo scenario è apocalittico ed apparentemente tutti fatti indicano il peggio. Dio non voglia che il peggiore degli scenari avvenga. Fin dall’inizio, la Russia ha affermato che in caso di intervento della NATO nella situazione con l’Ucraina, sarebbe costretta ad usare le proprie armi nucleari. Potrebbe non esserci molto tempo per scoprirlo.

Intanto. il presidente Biden ha detto pubblicamente che Putin è realmente intenzionato ad usare le armi nucleari tattiche e che non sta bluffando (vedi qui).

 

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.