Ucraina/Russia: ogni sistema è buono pur di riscaldare ulteriormente la pentola, anche la tragedia dell’ MH17

Ucraina/Russia: ogni sistema è buono pur di riscaldare ulteriormente la pentola, anche la tragedia dell' MH17 9

Gli eventi riportati in seguito sono coerenti con una preoccupante tendenza degli Stati Uniti a continuare a intensificare la campagna di pressione contro la Russia. Lo sforzo della pubblicazione Bellingcat di riscaldare la pentola MH17 è un altro indicatore di belligeranza.

L’autore del blog dove è tratta il post è di John Helmer ( un giornalista di origine australiana e corrispondente straniero, residente a Mosca dal 1989): egli ha fornito una copertura ampia ed esauriente del motivo per cui le affermazioni occidentali sull’abbattimento dell’MH17 non tornano, anche al punto che le storie ufficiali nei paesi che hanno avuto vittime sul volo sono in contrasto. Ma anche prima di arrivare a questo… perché un aereo passeggeri è stato fatto transitare in un’area militarizzata? E perché la Russia o gli ucraini allineati alla Russia dovrebbero voler abbattere un aereo passeggeri? Anche se avessero abbattuto l’aereo, sarebbe stato sicuramente un incidente, dal momento che è difficile pensare che qualcuno sarebbe così stupido da pensare che sparare a un aereo passeggeri, invece di essere un bersaglio militare, sarebbe in qualche modo utile .

Si prega di notare che questo articolo è di una scrittrice collaboratrice del sito Dances with Bears, Liane Theuerkauf.

IL CASO DI IGOR TARAKANOV CHE HA ABBATTUTO MH17 PRIMA DI FARSI SPARARE SU UN PIEDE

Di Liane Theuerkauf, Monaco di Baviera. Pubblicato originariamente su Dances with Bears

*Igor Tarakanov è un soldato russo.

È apparso in pubblico per la prima volta due settimane fa, il 17 novembre, per dire di aver scortato una batteria di missili BUK dell’esercito russo dalla Russia all’Ucraina all’inizio del mese di luglio 2014; sono passati giorni prima che il volo Malaysia Airlines MH17 venisse abbattuto e distrutto il 17 luglio 2014.

L’affermazione di Tarakanov contraddice tutto ciò che è noto da sette anni e reso pubblico dal National Intelligence Council, dal Dipartimento di Stato e dalla Casa Bianca degli Stati Uniti; il servizio di intelligence e sicurezza militare olandese (MIVD); il Ministero della Difesa russo; il Joint Investigation Team (JIT) guidato dalla polizia olandese; pubblici ministeri olandesi al processo per omicidio aperto a Schiphol nel marzo 2020; il presidente del tribunale Hendrik Steenhuis ei suoi giudici inquirenti segreti; gli avvocati olandesi che difendono l’ufficiale dell’esercito russo sul banco degli imputati; e l’agenzia incaricata di tutte le prove nel fascicolo dell’accusa, il Servizio di sicurezza ucraino SBU.

Tarakanov è un nome insolito che i russi non vogliono avere. Significa scarafaggio. Per quanto riguarda gli insetti, questi sono molto antichi – circa 350 milioni di anni – molto resistenti, molto numerosi. Ma non ci sono prove dell’esistenza del soldato Igor Tarakanov, fatta eccezione per una pubblicazione in inglese del gruppo Bellingcat due settimane fa, e in russo contemporaneamente da una pubblicazione correlata, The Insider .

Nella loro storia, Tarakanov appare come uno dei trentaquattro soldati russi, ritirati dal servizio attivo e reclutati per lavorare come mercenari internazionali. Trentatré di loro sono stati arrestati a Minsk, in Bielorussia, il 29 luglio 2020, in un complotto che è stato soprannominato dalla stampa “Wagnergate”. È un riferimento alla compagnia militare privata russa chiamata Wagner. Tarakanov è stato segnalato come il 34esimo uomo che non è stato arrestato.

Un rapido ripasso della memoria: l’anno scorso, il 29 luglio 2020, la polizia speciale bielorussa del KGB e dell’OMON ha arrestato i 33 russi mentre si trovavano in una località di campagna fuori Minsk. Poco dopo sia i pubblici ministeri russi che quelli ucraini hanno presentato richieste di estradizione. Kiev ha affermato che i russi catturati a Minsk erano dipendenti Wagner che avevano combattuto nel conflitto in Ucraina orientale e che avevano commesso crimini di guerra combattendo a fianco dei separatisti contro le forze di Kiev.

Ci sono state speculazioni selvagge nei media sul motivo per cui i 33 uomini erano in Bielorussia. Le voci andavano da un presunto complotto per rovesciare il presidente bielorusso Alexander Lukashenko poco prima delle elezioni presidenziali previste per il 9 agosto 2020, a un presunto complotto della SBU (Služba Bezpeky Ukrayiny (SBU), servizio segreto ucraino) per catturare gli uomini, estorcere confessioni per processarli per crimini di guerra a Kiev e possibilmente inviare le loro dichiarazioni al processo MH17 nei Paesi Bassi.

A tempo debito, è stato confermato che c’era stata effettivamente un’operazione sotto copertura ucraina e che i 33 russi erano caduti nella trappola. Si è scoperto, ed è stato riportato dai media russi e occidentali, che gli agenti ucraini avevano finto di essere una compagnia militare privata russa, utilizzando un sito Web falso, e-mail false, identità false e carta intestata di società russe, al fine di fornire agli uomini falsi contratti per lavorare come guardie per le operazioni petrolifere di Rosneft in Venezuela.

Le reclute selezionate furono attirate dalla Russia alla Bielorussia e per loro fu prenotato un volo da Minsk a Istanbul. Dalla Turchia è stato poi detto loro che sarebbero stati trasportati in aereo all’Avana e poi a Caracas. Il piano ucraino era quello di forzare il loro volo turco mentre attraversava lo spazio aereo ucraino per farli atterrare a Kiev e arrestarli all’aeroporto. Questo piano sarebbe stato simile alla cattura nel maggio 2021, dieci mesi dopo, dell’oppositore bielorusso Roman Protasevich quando era su un volo Ryanair tra Atene e Vilnius, in Lituania e sorvolava la Bielorussia. In Germania un’operazione come questa si chiama Himmelfahrtskommando (“squadra suicida”).

Il 31 luglio 2020, l’agenzia di stampa bielorussa BELTA ha pubblicato un elenco dei 33 mercenari detenuti con i loro nomi, patronimici e date di nascita. Già nel primo messaggio, i detenuti erano chiamati dipendenti della compagnia militare privata straniera Wagner.

Da questo elenco, Novaya Gazeta  di Mosca è stata in grado di pubblicare maggiori dettagli su ciascuno degli uomini. Circa un terzo dei detenuti erano veterani del gruppo Wagner. “Prima di considerare le versioni riportate dell’aspetto di questi uomini brutali in Bielorussia, diamo un’occhiata ai questionari da loro compilati…”

Source: https://www.ukrinform.net/

“I media occidentali, i servizi segreti e molti funzionari governativi hanno prontamente adottato la versione pubblicata dall’agenzia statale ucraina Ukrinform. Fu così che il soprannome della vicenda divenne Wagnergate.

Secondo fonti del governo ucraino riportate dalla CNN, Wagnergateera “un’elaborata operazione di intelligence dell’Ucraina, con la conoscenza e il presunto sostegno degli Stati Uniti. Secondo i funzionari dell’intelligence ucraina, l’operazione guidata dall’Ucraina ha ottenuto denaro dagli Stati Uniti, assistenza tecnica e consigli dalla CIA su come attirare i mercenari russi.
Un alto funzionario degli Stati Uniti ha detto alla CNN che tali affermazioni sono “false”. Ha indicato che l’intelligence statunitense era a conoscenza dell’operazione, ma ha negato qualsiasi coinvolgimento. Il funzionario, che ha chiesto l’anonimato poiché non era autorizzato a parlare pubblicamente, ha suggerito che gli sforzi per coinvolgere le agenzie statunitensi potrebbero essere un tentativo di condividere, o addirittura passare, la colpa di quella che è stata un’operazione ucraina ad alto rischio andata male. La CNN ha trascorso settimane in Ucraina, verificando e riesaminando i resoconti dell’operazione e parlando con gli uomini che erano all’interno”.

Source: https://edition.cnn.com/

“Questo servizio della CNN è apparso l’8 settembre 2021, pochi giorni prima che Bellingcat iniziasse a trasmettere. La CNN non ha fatto menzione di Tarakanov o dei missili BUK. Né l’intelligence statunitense o le fonti del governo ucraino che hanno informato la CNN hanno menzionato l’abbattimento o il processo dell’MH17. “Secondo le fonti ucraine della CNN, il fallimento è stato un duro colpo per l’intelligence ucraina, che si dice abbia lavorato per catturare i sospetti russi per quasi 18 mesi. “Se queste persone fossero finite qui in Ucraina, i dettagli dei loro atti criminali sarebbero diventati noti in tutto il mondo”, ha detto una delle fonti alla CNN. “L’Ucraina avrebbe potuto consegnarli alla giustizia e dimostrare che la nostra lotta con la Russia è seria e che non alzeremo le mani in segno di resa”, ha aggiunto la fonte. ”

Due settimane dopo la CNN, la storia di Wagnergate è riemersa sui media ucraini il 24 settembre 2021. Uno degli scrittori di Bellingcat, Christo Grozev (immagine principale), ha detto a una pubblicazione ucraina che tre dei candidati russi per la falsa operazione Venezuela “potrebbero essere coinvolto nello schianto dell’MH17. Due di loro si sono vantati di essere stati nel sito di lancio, ma, a dire il vero, questo non è supportato da dati oggettivi”. Notare il congiuntivo e il disclaimer della prova.

Uno di loro, secondo Grozev, ha affermato di aver “accompagnato il convoglio con i BUK e in un ruolo manageriale era impegnato in convogli di questi BUK [notare il plurale] dal confine tra Ucraina e Russia fino al punto di distribuzione nella regione di Lugansk. ”

Igor Tarakanov stava facendo la sua prima apparizione. Bellingcat stava ammettendo di non essere andato in Bielorussia con gli altri; non era stato arrestato; e a parte il suo dire così, non c’erano prove della sua richiesta di BUK. All’inizio Bellingcat non gli stava dando il suo nome. Ciò è emerso diverse settimane dopo, il 17 novembre. Secondo la nuova pubblicazione, “almeno due dei mercenari – testimoni nel processo MH17 in corso –  hanno affermato di aver utilizzato sofisticate armi antiaeree fornite dalla Russia in e intorno a una località vicino a Snizhne in determinati giorni che potrebbero renderle corrispondere. Uno dei mercenari aveva persino parlato di aver scortato un BUK-TELAR [trasportatore-erettore-lanciatore-e-radar] attraverso il confine russo-ucraino – un’arma antiaerea dello stesso tipo di quella che ha abbattuto l’MH17 – all’inizio di luglio 2014”.

L’individuo identificato non è ancora chiamato Tarakanov. Non c’è nessuna fotografia di lui insieme agli altri identificati da Bellingcat nel loro rapporto. La fonte di questi documenti includeva la documentazione creata dalla SBU per attirare i russi. La precedente affermazione secondo cui la batteria BUK-TELAR era stata dispiegata nell’area di Lugansk manca dal rapporto. Il numero di BUK è sceso da diversi a uno. Il nome Tarakanov appare nel rapporto come uno del gruppo, ma solo che non è apparso nel gruppo che ha viaggiato da Mosca a Minsk. Non ci sono prove che l’uomo scomparso parli di scortare i BUK-TELAR in Ucraina giorni prima del 16 luglio, che è la versione ufficiale della data presentata dai pubblici ministeri olandesi al processo MH17”.

Nella pubblicazione parallela in russo di The Insider è stato riferito che il 34esimo uomo doveva ancora apparire a Mosca e viaggiare con il gruppo a Minsk. “Il 15 luglio 2020 sono stati acquistati 34 biglietti da Minsk a Istanbul per un volo in partenza tra 10 giorni. Con l’aiuto di un agente di viaggio ucraino ingaggiato dagli scout, sono stati trovati 34 biglietti per un volo in partenza per la Turchia il 25 luglio… le principali persone di interesse per la GUR [agenzia di intelligence militare ucraina] sono state incluse nella lista di 34… Così , il 15 luglio sono stati acquistati 34 biglietti da Minsk a Istanbul per un volo in partenza tra 10 giorni.“

Source: https://theins.ru/

Insider ripete le stesse affermazioni del rapporto Bellingcat secondo cui uno dei 34 uomini del gruppo aveva scortato i missili BUK in Ucraina all’inizio di luglio; che Tarakanov era stato una delle 34 reclute originarie; e che si era ritirato. Nella versione Bellingcat, il 34esimo uomo si era insospettito; nella versione Insider si era ammalato.

Un rapporto di Regnum rivela che il 15 luglio 2020 le prenotazioni dei posti e l’emissione dei biglietti da parte di Turkish Airlines – pagate in contanti – contavano solo 33 persone, non le 34 riportate da The Insider . I dati di questi biglietti elettronici della compagnia aerea turca suggeriscono che nessun 34esimo uomo era previsto o previsto a Minsk. Questi dati sono stati pubblicati il ​​2 agosto 2020

Source: https://regnum.ru/

La ricerca di Alexander Kotz, un giornalista della Komsomolskaya Pravda a Mosca, ha rivelato il 6 agosto 2020 i 33 nomi prenotati inizialmente per volare su Turkish Airlines a Istanbul, nonché documentazione di viaggio, agenti di prenotazione e fotografie di molti dei 33 uomini arrestati a Minsk.

Source: https://www.kp.ru/

Il collegamento tra Tarakanov come 34esimo uomo e il dispiegamento di missili BUK TELAR giorni prima della versione olandese deriva dai documenti del questionario raccolti dalla SBU dall’operazione di reclutamento fasulla. I documenti che rivelano la consegna di BUK-TELAR all’inizio di luglio non sono stati pubblicati. Sono scomparsi, come lo stesso Tarakanov.

Kotz ha riferito dell’operazione di arresto in Bielorussia più di un anno fa. Ha anche riferito del ruolo della Central Intelligence Agency (CIA), prima nell’elaborazione del piano, e poi nell’esporre ciò che è andato storto con l’operazione ucraina. “Le operazioni di intelligence e controspionaggio non sono pattinaggio artistico o ginnastica ritmica, dove si valuta la performance di elementi complessi. Qui il successo o il fallimento viene valutato dal risultato finale. È necessario, come nell’hockey, guardare il tabellone. E lì oggi vediamo che i cittadini russi sono a casa. Cos’è questo, se non il fallimento della CIA e dei suoi partner ucraini? ”

Secondo Kotz, riportando questo mese, fonti del controspionaggio russo gli hanno detto che due agenti della CIA a Kiev, Timothy Skovin e Brian O’Bern, erano le menti del complotto per pungere i russi.

Left, Timothy Skovin; right, Brian O’Bern. Source: https://www.kp.ru/

Secondo Kotz, il rinvio nel piano di volo dei 33 mercenari a Minsk ha seguito un ordine del presidente ucraino, Vladimir Zelensky, che aveva appena concordato con il Cremlino un cessate il fuoco temporaneo nei combattimenti in Donbass. Il ritardo ha portato agli arresti che, sostiene Kotz, sono stati un’operazione coordinata dai servizi russi e bielorussi. “Il controspionaggio russo ha lavorato per prevenire ciò, che ha rapidamente ed efficacemente districato questo groviglio, nominando quasi tutti coloro che sono stati coinvolti nel primo atto come uno scherzo di stato nella storia. ”

Kotz nega che ci sia mai stato un 34esimo uomo con il nome di Tarakanov.

fonte: Balla con gli Orsi

Note a margine

L’Ucraina” è stata un disastro terribile per secoli. Fu il luogo delle battaglie tra gli Imperi centrali e l’Impero russo nella prima guerra mondiale; di due decenni di caos e anarchia derivanti dal crollo dell’Austria-Ungheria e dell’Impero russo; dei programmi di collettivizzazione dell’URSS e della fame di massa dell’Holodomor seguita dalla Grande Purga; della successiva invasione del Patto Ribbentrop-Molotov seguita rapidamente dall’occupazione nazista, dell’Olocausto; della pulizia etnica di polacchi e tedeschi e successiva russificazione; del crollo dell’URSS; della creazione di uno stato cliente occidentale e dell’espansione illegale della NATO…

Tanta sofferenza. L’ingerenza dei governi occidentali dal crollo dell’URSS non ha fatto nulla per aiutare la situazione. Non c’è ancora nulla di deciso su “Ucraina” come è emersa nel 1991. C’è pochissima analisi significativa nei media, solo propaganda come quella di Bellingcat. Il governo russo ha tracciato “linee rosse” nella regione e si rischia una terribile guerra se si continua a ignorare i fatti ed a usare uno sterile antagonismo, quando la via d’uscita è stata sempre a portata di mano.

32 (dei 33) mercenari sono stati rilasciati il 14 agosto 2020  e restituiti in Russia. Essi non hanno dovuto affrontare accuse penali in Russia. Un 33esimo uomo che è stato arrestato contemporaneamente non è stato rilasciato perché aveva anche la cittadinanza bielorussa, oltre al passaporto russo. Mom ho tracce se poi è stato rilasciato o è rimasto in Bielorussia.

Vp News

Exit mobile version