Svolta geopolitica dell’Armenia: Ruslan Pukhov sulle relazioni armeno-russe

Le relazioni armeno-russe attraversano una fase difficile. Recentemente, Erevan e Mosca si sono accusate a vicenda di azioni che sembrano essere violazioni degli accordi sia bilaterali che multilaterali, come la CSTO. Va notato che tali accuse e tensioni nelle relazioni sono aumentate sullo sfondo del confronto globale tra Russia e Occidente, soprattutto alla luce della crisi ucraina.

Il direttore del Centro per l’analisi delle strategie e delle tecnologie, membro del Consiglio pubblico del Ministero della difesa russo, Ruslan Pukhov vede nelle azioni di Yerevan i segni di una svolta geopolitica dalla Russia verso l’Occidente. In un’intervista con VERELQ, ha spiegato perché la pensa così.

Il testo dell’intervista può essere letto sulla pagina del portale russo VERELQ

Ruslan Pukhov: Le esercitazioni con gli Stati Uniti sono il segno di una svolta nella politica armena da parte della Russia

15/09/2023 – Verelq

Intervista al Direttore del Centro per l’analisi delle strategie e delle tecnologie Ruslan Pukhov

Domanda – Dopo la guerra del 2020, in Armenia è iniziata la riforma dell’esercito secondo i modelli russi. Il personale militare di alto rango dello Stato Maggiore delle Forze Armate russe ha visitato Erevan molte volte. Ma col tempo la situazione è cambiata. Ora la parte russa di fatto non partecipa alla riforma dell’esercito armeno. Inoltre, l’Armenia sta conducendo esercitazioni con gli Stati Uniti sul suo territorio. Questo può essere considerato un segno dell’allontanamento geopolitico dell’Armenia dalla Russia o sta ancora negoziando con la Russia?

Ruslan Pukhov – Molto probabilmente sì, questo è un segno di una svolta nella politica armena, e una svolta piuttosto logica. Anche se ignoriamo la pura geopolitica e guardiamo quasi esclusivamente agli aspetti militari di questa svolta. Da un lato, dopo l’istituzione del Distretto Militare Settentrionale, l’esercito russo non si è più preoccupato dell’Armenia, e ovviamente Mosca non è ora in grado di fornire all’Armenia una seria assistenza militare e neppure forniture di armi. Ma la cosa più importante è che le forze armate russe non hanno brillato affatto durante gli eventi ucraini, e per la parte armena è diventato chiaro che concentrarsi sul sistema militare russo e sui modelli russi di sviluppo militare aveva poche prospettive. Nel complesso, come è ovvio, le stesse Forze Armate russe hanno bisogno di riforme radicali. Un’altra cosa è che, a quanto pare, anche i sistemi militari occidentali, in generale, non corrispondono del tutto alla tendenza che abbiamo visto sul campo di battaglia in Ucraina. Cioè, tutti dovranno imparare e adattarsi.

Domanda – In generale, quale modello di esercito dovrebbe costruire l’Armenia, come ricostruire l’esercito dopo la guerra, tenendo conto delle lezioni apprese dalla guerra e delle crescenti sfide alla sicurezza del Paese nella regione?

Ruslan Pukhov  – È abbastanza ovvio che per l’Armenia, tenendo conto della sua posizione e dell’evidente superiorità demografica e di risorse dei suoi avversari (Azerbaigian e Turchia), è adatto solo un sistema di difesa con mobilitazione di massa “totale” sul modello israeliano o singaporiano (beh, puoi anche ricordare la Finlandia, per esempio). In linea di principio, i fattori principali favoriscono la creazione di un tale sistema in Armenia: una popolazione etnicamente omogenea con un’identità nazionale altamente sviluppata, dimensioni ridotte e compattezza del territorio. Dovrebbe cioè trattarsi di un sistema di difesa totale, che includa, a quanto pare, anche le donne, come in Israele, con una rapida mobilitazione di massa al primo segnale.

Domanda – L’Iran ha più volte messo in guardia l’Azerbaigian dalla guerra, avvertendo che non tollererà i cambiamenti dei confini nella regione. Può davvero l’Iran intervenire nella situazione e proiettare la sua potenza militare nella regione?

Ruslan Pukhov  – Molto probabilmente ciò è improbabile, dal momento che l’Iran non ha alcun interesse reale ad effettuare un intervento militare diretto nella regione con obiettivi piuttosto vaghi e con il rischio di uno scontro militare con la Turchia. Inoltre, per l’Armenia, la comunicazione con l’Iran è estremamente non redditizia alla luce della necessità di Yerevan di lottare per il favore dell’Occidente, quindi, nel complesso, è improbabile che l’Armenia sia interessata al coinvolgimento militare dell’Iran.

Domanda – Vediamo l’interesse dell’Azerbaigian per le forze di pace russe che lasciano il Nagorno-Karabakh nel 2025. Sarà possibile prolungare la presenza del RCC nell’Artsakh per altri 5 anni o dobbiamo prepararci a conseguenze imprevedibili?

Ruslan Pukhov  – Molto probabilmente, l’Azerbaigian, vedendo la debolezza della Russia, ha puntato a risolvere la questione del Karabakh prima del 2025, quindi ci sono grandi dubbi che il contingente RMK in Karabakh rimarrà fino a quel momento.

Domanda – E un’altra domanda. L’Armenia iniziò ad acquistare armi dall’India. Cosa c’è di attraente nei prodotti del complesso militare-industriale indiano?

Ruslan Pukhov  – Non è attraente niente e in alcun modo. L’India è stata finora un attore di terza fascia nel mercato globale della difesa e le sue armi hanno una reputazione piuttosto dubbia in termini di qualità. Per il complesso militare-industriale indiano, la vendita di armi all’Armenia è diventata una sorta di svolta. L’Armenia si è rivolta all’India come unico fornitore “neutrale” a disposizione di Yerevan, poiché la Russia non è in grado di fornire sistemi moderni, e l’Occidente limita severamente le forze armate forniture all’Armenia a causa della sua adesione alla CSTO e del coinvolgimento nel conflitto del Karabakh. Israele è già saldamente collegato all’Azerbaigian. Restano l’India e la Cina, ma soprattutto la Cina sembra essere cauta nei suoi legami militari con l’Armenia. Non è ancora noto come si comporteranno le armi indiane nel combattimento reale.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.