SOTT FOCUS: Trump reclama la vittoria sull’ISIS sconfitto dagli Stati Uniti, ma i terroristi stanno ancora emergendo dalle basi statunitensi in Siria

[ad_1]

Advertisements

Lo scorso giovedì, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha pubblicato quello che sembrava essere un tweet autocelebrativo sui risultati delle forze armate statunitensi nella guerra contro l’ISIS:

Questi numeri possono essere o non essere accurati, ma il messaggio implicito è che sono il risultato degli sforzi della coalizione guidata dagli Stati Uniti piuttosto che delle forze combinate di Russia, Iran, Hezbollah e Siria / Iracheno.

I numeri del Pentagono forniti da Trump confermano le operazioni contro l’ISIS sia in Siria che in Iraq, sovrascrivendo così i numeri prodotti dall’intervento militare russo solo in Siria , che hanno cambiato l’ andamento della guerra in entrambi i paesi: 60.318 jihadisti uccisi, inclusi 813 comandanti; la distruzione di 718 fabbriche di armi clandestine; e la liberazione di 1.024 città e insediamenti.

Nel perseguire i suoi obiettivi di eliminare i mercenari jihadisti sostenuti dall’Occidente in Siria, le forze russe si sono adoperate con estrema cura per salvaguardare la vita dei civili e minimizzare i danni alle infrastrutture. Ciò era in netto contrasto con la politica statunitense sia in Siria che in Iraq, che comportava pochi o eventuali attacchi alle forze dell’ISIS sul campo, concentrandosi invece su “liberare” città strategiche come Mosul e Raqqa mediante massicci e indiscriminati bombardamenti (confrontare i dati minuziosi sulla liberazione di Aleppo confrontati con l’appiattimento di Mosul) . Naturalmente questa differenza nella strategia militare era prevedibile dato che la Russia ha un interesse preciso nel mantenere la Siria come uno stato nazionale vitale e indipendente sotto Assad, mentre gli Stati Uniti, fin dall’inizio del conflitto, erano interessati solo al rovina della Siria e al rovesciamento di Assad.

Sebbene ci siano poche prove concrete sulle reali intenzioni degli Stati Uniti in Siria, ci sono state molte forti indicazioni sul fatto che sostenere l’ISIS fosse (ed è tuttora) una politica statunitense. Questa politica parte  dal fornire un passaggio sicuro ai gruppi terroristici, trasportando via aerea i loro membri più anziani , e così è proseguita fino al fornire copertura aerea contro l’esercito siriano e consegnare armi agli stessi. Esiste in proposito  persino un’ammissione dall’ex segretario di stato John Kerry che gli Stati Uniti hanno permesso all’ISIS di crescere come un modo per esercitare pressioni su Assad.

Per lo meno è chiaro che gli Stati Uniti preferivano vedere gruppi criminali di fanatici che governavano la Siria di un governo laico democraticamente eletto come quello di Assad, anche se la misura in cui cercava attivamente di “rendere questa realtà” può essere contestata.

A rigor di termini, Trump ha ragione sul fatto che ISIS è crollato sul suo orologio. Ma quanto, se del caso, di tali progressi – per quanto riguarda la Siria comunque – è dovuto all’azione degli Stati Uniti nel paese? Il fronte terroristico in Siria si è disintegrato nel corso del 2017 una volta che l’assedio di Aleppo è stato terminato dalle forze siriane nel dicembre 2016, consentendo loro di iniziare metodicamente la liberazione del paese da ovest a est.

Quel Trump era il presidente eletto, quindi il presidente, durante questo periodo è casuale, non causale. Potrebbe desiderare di vedere la piaga dell’ISIS sparire dalla faccia della Terra, e conquistare agli Stati Uniti parte della gloria nel consegnare la sua ritirata ignominiosa, ma da quando è diventato presidente Trump ha avuto ampie opportunità di apprendere ciò che le forze statunitensi stanno realmente facendo.

Il giorno prima del tweet di Trump, il capo di stato maggiore della Russia, Valeri Gerasimov, ha rivelato in un’intervista alla Komsomolskaya Pravdache le forze americane avevano trasformato la loro base illegittima ad Al-Tanf, nel sud-est della Siria e convenientemente situate entro i 55 km di “disaccordo” zona cuscinetto, in un campo di addestramento per i resti dell’ISIS – un gruppo che ha descritto come un esercito regolare de facto , date le loro armi, addestramento e tattica.

“Secondo il satellite e altri dati di sorveglianza, squadre di terroristi sono stanziate lì, si stanno effettivamente allenando lì” , ha detto Gerasimov, quando gli viene chiesto cosa sta succedendo alla base.

Il generale ha anche detto che gli Stati Uniti stanno utilizzando un campo profughi nel nord-est della Siria, al di fuori della città di Al-Shaddadah nella provincia di Al-Hasakah, come campo di addestramento per i resti del gruppo terrorista dello Stato Islamico (IS, precedentemente ISIS), tra cui quelli evacuati da Raqqa e altri militanti.

“Questo è essenzialmente ISIS”, ha detto Gerasimov. “Cambiano i loro colori, prendono nomi diversi – la” Nuova armata siriana “e altri: hanno il compito di destabilizzare la situazione”.

Gerasimov afferma che attualmente ci sono 750 militanti ad Al-Shaddadah e 350 ad Al-Tanf. Ci rimane da chiedersi se questi siano gli stessi 1.000 combattenti dell’ISIS che le stime del Pentagono sono state lasciate in Siria, come da tweet di Trump.

Il Nuovo Esercito Siriano, noto come l’Esercito dei Comandanti Rivoluzionari, è, secondo gli “ispettori dei fatti” di Wikipedia , un “gruppo ribelle siriano” composto da disertori dell’esercito e altri “ribelli” che “cercavano di espellere l’ISIS” dalla Siria orientale. Sostengono di aver ricevuto addestramento e armi da gruppi ‘ribelli’ sostenuti dall’Arabia Saudita e dalla CIA. Ma se il loro obiettivo è quello di “combattere l’ISIS”, perché allora Gerasimov riferisce di aver lanciato offensive contro le forze siriane dalla riva orientale dell’Eufrate dopo che i militanti dell’ISIS sono stati precedentemente diretti là? 

All’inizio di ottobre, il portavoce del Ministro della Difesa russo Igor Konashenkov ha descrittola base americana di Al-Tanf come un “buco nero” protetto da uno “scudo umano” di profughi da cui l’ISIS ha effettuato sabotaggi e attacchi terroristici. Ha sottolineato:

“I rappresentanti del Pentagono hanno ripetutamente affermato che istruttori provenienti dagli Stati Uniti, dal Regno Unito e dalla Norvegia che soggiornano sotto la copertura dell’aviazione tattica e sistemi di lancio multiplo stanno addestrando nuovi militanti dell’esercito siriano, ma in realtà, al-Tanf si è trasformato in un “buco nero” lungo 100 chilometri sul confine di stato tra la Siria e la Giordania, invece del nuovo esercito siriano, gruppi mobili dell’ISIL, come un jack-in-the-box, effettuano sabotaggi e attacchi terroristici contro truppe e civili siriani partendo da lì “.

Konashenkov ha aggiunto che la base illegale americana di Al-Tanf era pubblicamente giustificata “dalla necessità di condurre operazioni contro l’ISIL”; tuttavia, nessuna informazione pubblica è stata ricevuta da operazioni statunitensi contro ISIS durante i sei mesi della sua esistenza . Infatti, il Pentagono e Trump possono fare tutte le affermazioni che vogliono sul ‘combattere l’ISIS’ in Siria, ma in netto contrasto con i russi, che pubblicano video, immagini satellitari, mappe di guerra e mandano i giornalisti in prima linea, gli americani hanno quasi nessuna prova documentaria da mostrare per corroborare le loro affermazioni.

Proprio ieri, i residenti locali hanno detto media siriani che elicotteri statunitensi hanno evacuato comandanti ISIS da diversi distretti della provincia di Deir ez-Zor. All’inizio di questa settimana, il governo siriano ha inviato un comunicato alle Nazioni Unite che accusano la coalizione guidata dagli Stati Uniti di trattare e coordinarsi con l’ISIS. 

Significativamente, nello stesso giorno della pubblicazione dell’intervista di Gerasimov, i militanti hanno sparato a “diversi missili” da Bdama all’Aeroporto Internazionale di Latakia e al sito di schieramento delle forze aerospaziali russe presso la base aerea di Hmeymim. Nessun danno è stato causato in quanto due dei missili sono stati abbattuti e almeno uno è atterrato fuori dal sito. Mentre la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha ipotizzato che la provocazione fosse “volto a sconvolgere le tendenze positive nello sviluppo della situazione in Siria e, in particolare, a creare ostacoli per la convocazione e la tenuta del Congresso nazionale di dialogo siriano a Sochi, il 29 e il 29 gennaio 0, “è anche possibile che questo preannunci un tentativo riportare l’ISIS in auge – sotto questo nome o in uno diverso – Forse è stata  solo una coincidenza, ma è avvenuta anche una esplosione in un supermercato di San Pietroburgo che ha ferito  tredici persone – un evento che Putin ha descritto come un attacco terroristico:  lo stesso giorno, qualcuno ha voluto inviare  un messaggio alla Russia?

Inoltre, lo stesso giorno il New York Times ha pubblicato un articolo inedito scritto dal segretario di stato Rex Tillerson che riassume le attuali posizioni di politica estera degli Stati Uniti nei confronti di Corea del Nord, Siria, Ucraina, Russia, Cina e Iran. Quello che Tillerson ha scritto sulla Siria era in linea con il trionfante tweet di Trump:

La sconfitta del terrorismo rimane una delle massime priorità del presidente. La strategia aggressiva dell’amministrazione di contrastare lo Stato islamico conferisce maggiore autorità ai comandanti militari americani sul campo di battaglia, dando alle nostre forze più libertà e velocità per fare ciò che sanno fare meglio, in collaborazione con le forze combattenti indigene. Di conseguenza, la Global Coalition to Defeat ISISha accelerato le operazioni e ha riconquistato praticamente tutto il territorio dello Stato Islamico precedentemente detenuto in Iraq e in Siria. Mentre i nostri militari stavano aiutando a liberare l’Iraq e la Siria dalle forze dello Stato islamico, i nostri diplomatici stavano seguendo gli aiuti umanitari e l’assistenza, come bonificare le mine, ripristinare l’acqua e il potere e riportare i bambini a scuola.

Tillerson conta naturalmente sul fatto che il pubblico occidentale consuma quasi esclusivamente la narrativa che i media occidentali dicono loro – che gli Stati Uniti stavano combattendo contro l’ISIS invece di aiutarli. È una grande storia, una che chiunque vorrebbe possedere, ma non è il caso degli USA. Gli Stati Uniti non hanno liberato mine terrestri, fornito aiuti umanitari, ripristinato acqua e energia e riavviato i bambini a scuola: la Russia lo ha fatto .

Nonostante i precedenti rapporti che la Casa Bianca avesse finalmente accettato, sarebbe rimasto al potere fino a quando, almeno, le prossime elezioni in programma della Siria nel 2021, Tillerson ha continuato a recitare la litania dei mali russi prima di procedere alla risurrezione del mantra “Assad deve andare” :

Sulla Russia, non abbiamo illusioni sul regime con cui abbiamo a che fare. Gli Stati Uniti oggi hanno con la Russia un rapporto deteriorato dalle rivolte che nell’ultimo decennio hanno interessato  i suoi vicini  Georgia e l’Ucraina- La Russia ha minato la sovranità delle nazioni occidentali intromettendosi nelle nostre elezioni e in altre “. La nomina di Kurt Volker, ex ambasciatore della NATO, in qualità di rappresentante speciale per l’Ucraina, riflette il nostro impegno a ripristinare la sovranità e l’integrità territoriale del paese. In assenza di una soluzione pacifica della situazione dell’Ucraina, che deve iniziare con l’adesione della Russia alle accordi  di Minsk , non ci può essere distensione con la Russia.  Nello stesso tempo mentre restiamodi guardia contro l’aggressione russa, riconosciamo la necessità di lavorare con la Russia, dove i reciproci interessi si intersecano. In nessun luogo è più evidente che in Siria. Ora che il presidente Vladimir Putin si è impegnato nel processo politico di Ginevra sostenuto dalle Nazioni Unite per fornire un nuovo futuro per la Siria, ci aspettiamo che la Russia segua. Siamo fiduciosi che l’adempimento di questi colloqui produrrà una Siria libera da Bashar al-Assad e dalla sua famiglia.

A parte il fatto che non c’è stata aggressione russa in Georgia o Ucraina , né prove di ingerenza elettorale negli Stati Uniti o altrove, e che è Kiev a violare regolarmente gli accordi di Minsk, è interessante che Tillerson non abbia nascosto quella minaccia ad Assad :  quel “non è finita! ” Se si legge dell’intero Tillerson NYT op-ed , si possono vedere chiaramente  quante minacce velate o aperte esso contiene. Se questo è il tono che gli Stati Uniti seguiranno, il 2018 non sembra promettente per quanto riguarda la risoluzione del conflitto.

Tuttavia, possiamo forse prendere conforto nella consapevolezza che gli Stati Uniti hanno fallito, specialmente in Siria, e non c’è ragione per cui dovrebbero riuscire in futuro se tenteranno di nuovo una replica. Come dice il detto popolare:

nota: l’autore di questo articolo è Andrés Perezalonso, è stato collaboratore di Signs of the Times in entrambe le versioni inglese e spagnola dal 2007. Ha conseguito un dottorato in politica, un master in studi internazionali, una laurea in comunicazione e una formazione professionale in analisi dei media. Pensa che la comprensione degli eventi del mondo non sia dissimile dal lavoro investigativo, prestando attenzione a dettagli e connessioni spesso ignorate, e pensando fuori dagli schemi. È nato e cresciuto in Messico e attualmente risiede in Europa.

[ad_2]

SOTT.NET: Collegamento sorgente

Next Post

Breaking News

I PIU' LETTI -NELLA SETTIMANA

STAY CONNECTED