SIRIA – Per favore non parlate più di rivoluzione siriana romanzata e di guerrieri per la libertà e la democrazia ….

Giacchè è sempre costante la diffusione di bugie riciclate sulla ‘rivoluzione siriana’, ripubblico qui di seguito le rivelazioni ministro degli Esteri del Qatar Hamad Bin Jassim in un’intervista del 2017 alla BBC. La realizzazione della ‘rivoluzione’ per procura  è ormai riconosciuta anche su wikipedia e solo la disonestà intellettuale o l’ignoranza , può far sostenere ancora la narrativa della ‘rivoluzione di popolo siriana’.

@vietatoparlare


Siria/ Rivoluzione: … “Un ufficiale siriano riceverebbe tra i 15.000 e i 30.000 dollari per tradimento del suo Paese. …. 137 miliardi di dollari sono stati sprecati nel tentativo di rovesciare il governo di Assad, mentre alcuni di quei fondi sono stati rubati da comandanti sul campo che sono diventati milionari nell’arco di una notte.

autore: Alexander Orlov, politologo ed esperto orientalista, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook” 18.11.2017

Pochi giorni fa, l’ex primo ministro e ministro degli Esteri del Qatar Hamad Bin Jassim in un’intervista alla BBC ha annunciato che il suo Paese fornisce da anni ogni tipo di assistenza ai gruppi armati di opposizione in Siria attraverso la Turchia. Nello stesso tempo, Doha non è stata la sola a fornire il proprio sostegno alle forze anti-Assad, poiché è stata affiancata da Stati Uniti, Arabia Saudita, Giordania, Emirati Arabi Uniti e la stessa Turchia. Tutto questo è iniziato nel 2007 dopo che Israele ha subito un’umiliante sconfitta nel sud del Libano, non essendo riuscito a superare la resistenza di Hezbollah nel 2006. Secondo l’ex primo ministro del Qatar, il Qatar era responsabile del cosiddetto “Dossier siriano” per conto di gli Stati Uniti e l’Arabia Saudita, lo stesso ha anche aggiunto che aveva accesso a documenti sia americani che sauditi sulla messa in scena di una cosiddetta “guerra civile siriana”.

Hamad Bin Jassim ha annunciato che armi ed equipaggiamento sono stati distribuiti a tutti i tipi di gruppi di opposizione attraverso la Turchia. Queste operazioni erano una routine comune del personale militare americano, turco e saudita in questo paese. Nello stesso tempo, la base dell’Aeronautica Militare di Incirlik ospiterebbe un quartier generale operativo congiunto, dove ufficiali di intelligence di Stati Uniti, Turchia, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Marocco, Giordania, Israele, Francia e Gran Bretagna coordinerebbero il corso delle operazioni per procura in Siria. Washington è arrivata al punto di inviare 6 satelliti speciali di ricognizione come ausilio a quegli ufficiali per osservare l’intero territorio della Siria 24 ore al giorno senza sosta. Questo centro di comando operativo era responsabile delle operazioni militari nel nord della Siria.

L’ex primo ministro del Qatar ha annunciato che un totale di 137 miliardi di dollari è stato sprecato nei tentativi di rovesciare il governo di Assad dall’inizio della guerra, mentre alcuni di questi fondi sono stati rubati da vari comandanti sul campo che sono diventati milionari durante una notte. Inoltre, notevoli risorse sono state utilizzate nei tentativi di corrompere i vertici militari siriani, nel tentativo di persuaderli a tradire il loro paese o a disertare le loro posizioni. In media, un ufficiale siriano riceverebbe dai 15 ai 30mila dollari per aver tradito il suo Paese.

L’ex funzionario del Qatar ha annunciato che l’ex primo ministro siriano Riyad Farid Hijab è stato convinto a fuggire dalla Siria da suo cugino residente da tempo in Giordania. Per questo tradimento, Riyadh gli avrebbe pagato l’ingente somma di 50 milioni di dollari. Inoltre, l’ex comandante della guardia repubblicana Manaf Tlass avrebbe cambiato casacca dopo essere stato convinto dalla sorella di andarsene  con la possibilità di cercare il sostegno degli Emirati Arabi Riuniti (UAR) . La sorella, Madihi Tlass ha goduto della cittadinanza francese da quando è diventata vedova dell’uomo d’affari siro-saudita Akram Aja. Questo fatto ha permesso ai servizi segreti francesi di avvicinarsi a lei per eseguire l’operazione sopra menzionata.

Secondo Hamad Bin Jassim, il primo ministro libanese Saad Hariri ha svolto un ruolo importante nel fomentare il conflitto siriano con un ampio sostegno fornito da un certo numero di funzionari libanesi filo-sauditi. Inoltre, l’ex primo ministro del Qatar ha menzionato il ruolo svolto dai curdi iracheni nella formazione della cosiddetta “guerra civile” siriana, in particolare Massoud Barzani. A conclusione dell’intervista, ha annunciato che il suo governo ha svolto un ruolo importante nella distruzione di Egitto, Libia, Siria e Yemen, agendo per conto di Washington.

È difficile dire cosa abbia spinto una figura del genere a fare le sopramenzionate rivelazioni. La maggior parte dei fatti che cita erano noti agli analisti che hanno seguito da vicino gli eventi siriani. Ma questa volta, non si tratta di rapporti provenienti da “certe fonti attendibili”, si tratta di una vera confessione fatta proprio dall’uomo che stava dietro il cosiddetto movimento delle rivoluzioni colorate nel mondo arabo. Forse stava seguendo gli ordini dell’emiro in carica, che è entrato in conflitto contro l’Arabia Saudita, gli Emirati Arabi Uniti e la Giordania, rompendo tutte le relazioni diplomatiche con le monarchie del Golfo Persico.

(…)

Alexander Orlov, politologo ed esperto orientalista, in esclusiva per la rivista online “New Eastern Outlook”
https://journal-neo.org/2017/11/18/revelations-of-a-high-profile-qatari-officials-reveal -una-più-ampia-cospirazione-anti-siria/

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.