SIRIA – Ex base USA viene reimpiegata dalle forze russe come centro di aiuto umanitario

Nel video le forze armate russe prendono possesso della base USA abbandonata di Sirin, Negli edifici dell’ex base americana di Sirin, verrà aperto un centro di aiuto umanitario per residenti locali. L’aeroporto sarà sorvegliato dalla polizia militare russa.

La base si trova nella parte orientale della città di Manbij e circa 30 chilometri a sud di Kobanê: era la struttura più grande della coalizione internazionale in Siria del nord e dell’est.

L’aerodromo di campo nell’area del villaggio nel nord della provincia di Aleppo è passato sotto il controllo delle forze governative della Repubblica Araba Siriana.

Attualmente, i genieri stanno verificando l’assenza di ordigni esplosivi.

L’area interessa un territorio  enorme, la base aerea di Sirin era una delle più grandi strutture militari dell’esercito americano in Siria.

Gli americani sono andati via con un  centinaio di camion. Sono state ascoltate esplosioni: gli americani hanno distrutto quasi tutto ciò che non potevano portare con sé.

“Siamo andati alla base, abbiamo perlustrato il perimetro interno ed esterno. Poste check point e organizzato pattuglie in coppia. Ora i genieri stanno controllando ogni edificio, ci sono rimaste sostanze esplosive e potrebbero esserci delle sorprese per noi qui ”, ha detto a Zvezda Damir, ispettore senior della polizia militare delle Forze armate RF.

Ma finora, le sorprese che sono state trovate sono piacevoli. La palestra è rimasta quasi intatta, gli aerei da trasporto possono ancora atterrare sulla pista non asfaltata. Questo è importante, poiché le forniture umanitarie verranno consegnate qui.

È qui che i negozi di alimentari, i vestiti, gli articoli per l’igiene personale saranno immagazzinati e ordinati, in modo che successivamente possano essere distribuiti ai residenti locali.

“Oggi stiamo iniziando a schierare un ramo del centro di riconciliazione nel villaggio di Metras, che aiuterà la popolazione facilitando così il ritorno  alla vita pacifica. Forniremo aiuti umanitari, forniremo assistenza medica ai residenti e li restituiremo a una vita pacifica “, ha affermato Sergei Zhmurin, capo del Centro per la riconciliazione delle parti in guerra.

I residenti nel nord della Siria iniziano davvero a tornare alla normalità. In questo contesto è utile il costante pattugliamento del territorio da parte dell’esercito russo. Ormai da più di tre settimane, la polizia militare parte ogni giorno per pattugliare le aree di confine.

“Alcuni giorni fa, queste case sono state abbandonate. Ora i prefabbricati saranno riutilizzati . Le pattuglie di polizia militare sulle strade della Siria sono una garanzia che questi luoghi sono di nuovo sicuri e che i terroristi non torneranno qui “, riferisce il corrispondente di Zvezda, Pavel Remnev.

fonte: Zvezda

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.