New Eastern Outlook: “Siria e Afghanistan. Due differenti realtà”

Due guerre terribili, due possenti distruzioni, ma due esiti assolutamente opposti.

In Siria potrebbe essere ora l’autunno, ma quasi tutto il paese sta sbucando di nuovo, letteralmente sollevandosi dalle ceneri. A duemila miglia ad est da lì, l’Afghanistan è schiacciato contro le sue antiche rocce, sanguinante e spezzato. Lì, non importa quale sia la stagione; la vita è semplicemente terribile e la speranza sembra essere in esilio permanente.

Damasco, l’antica e splendida capitale della Siria, ora Repubblica araba siriana, è tornata a vivere. Le persone escono fino a tarda notte, ci sono eventi; c’è musica e vibrante vita sociale. Non tutti, ma molti stanno di nuovo sorridendo. I checkpoint stanno diminuendo e ora non è nemmeno necessario passare attraverso i metal detector per entrare nei musei, nei caffè e in alcuni degli hotel internazionali.

Il popolo di Damasco è ottimista, alcuni di loro sono estatici. Hanno combattuto duramente, hanno perso centinaia di migliaia di uomini, donne e bambini, ma hanno vinto! Alla fine hanno vinto, contro ogni previsione, sostenuti dai loro veri amici e compagni. Sono orgogliosi di ciò che hanno raggiunto, e giustamente!

Umiliato in così tante occasioni, per così tanto tempo, il popolo arabo improvvisamente si alzò e dimostrò al mondo e a se stesso che potevano sconfiggere gli invasori, non importa quanto potenti fossero; non importa quanto astute e disgustose siano le loro tattiche. Come ho scritto in diverse occasioni precedenti, Aleppo è lo ‘Stalingrado del Medio Oriente’. È un simbolo potente. Lì, il fascismo e l’imperialismo furono fermati. Non sorprende che, a causa della sua resistenza, coraggio e attitudine, il centro del panarabismo – la Siria – sia diventato, ancora una volta, il paese più importante per le persone amanti della libertà della regione.

La Siria ha molti amici, tra cui Cina, Iran, Cuba e Venezuela. Ma il più determinato di loro, il più affidabile, rimane la Russia.

I russi erano accanto al loro alleato storico, anche quando le cose sembravano cattive, quasi senza speranza; anche quando i terroristi addestrati e impiantati in Siria dall’Occidente, dall’Arabia Saudita, dal Qatar e dalla Turchia, stavano appiattendo intere città antiche e milioni di rifugiati che fluivano dal paese, attraverso le sette porte di Damasco e da tutte le principali città, così come città e villaggi.

I russi lavoravano sodo, spesso “dietro le quinte”; sul fronte diplomatico, ma anche in prima linea, fornendo supporto aereo essenziale, smantellando interi quartieri, aiutando con forniture alimentari, logistica, strategia. I russi sono morti in Siria, non conosciamo i numeri precisi, ma sicuramente ci sono stati feriti; alcuni dicono addirittura in misura ‘sostanziale’. Tuttavia, la Russia non ha mai sventolato la bandiera, non si è mai battuta il petto in gesti di autocompiacimento. Quello che doveva essere fatto, era fatto, come un dovere internazionalista; silenziosamente, con orgoglio e con grande coraggio e determinazione.

Il popolo siriano conosce tutto questo; capiscono, e sono grati. Per entrambe le nazioni, le parole non sono necessarie; almeno non ora. La loro profonda alleanza fraterna è sigillata. Hanno combattuto insieme contro l’oscurità, il terrore e il neo-colonialismo, e hanno vinto.

Quando i convogli militari russi attraversano strade siriane, questo non è sicuro. Ma si fermano nei ristoranti locali per rinfrescarsi, parlano con la gente del posto. Quando i russi attraversano le città siriane, non sentono paura. Non sono visti o trattati come una “forza militare straniera”. Ora fanno parte della Siria. Fanno parte della famiglia. I siriani li fanno sentire a casa.

*

A Kabul, ho sempre affrontato i muri. I muri sono tutti intorno a me; muri di cemento, così come il filo spinato.

Alcune pareti sono alte come edifici di 4-5 piani, con torri di guardia su ogni angolo, dotate di vetri antiproiettile.

La gente del posto, i passanti, assomigliano a chi dorme. Sono rassegnati. Sono abituati alle pistole puntate sulla testa, sul petto, sui piedi, persino sui loro bambini.

Quasi tutti qui sono indignati dall’occupazione, ma nessuno sa cosa fare; come resistere. La forza di invasione della NATO è sia brutale che travolgente; i suoi comandanti e soldati sono freddi, calcolatori e spietati, ossessionati dal proteggere se stessi e solo se stessi.

Convogli militari britannici e statunitensi pesantemente corazzati sono pronti a sparare a “tutto ciò che si muove” anche in modo vagamente ostile.

Le persone afghane vengono uccise, quasi tutte “chirurgicamente” o “da remoto”. Le vite occidentali sono “troppo preziose” per impegnarsi in un onesto combattimento da uomo a uomo. La macellazione è fatta da droni, da “bombe intelligenti” o sparando da quei mostruosi veicoli che attraversano le città afghane e le campagne.

Durante questa scandalosa occupazione, importa quanti civili afghani vengano uccisi, purché le vite degli Stati Uniti o dell’Europa vengano risparmiate. La maggior parte dei soldati occidentali schierati in Afghanistan sono professionisti. Non stanno difendendo il loro paese. Sono pagati per fare “il loro lavoro”, in modo efficiente, a qualsiasi prezzo. E, naturalmente, “Safety First”. Sicurezza per se stessi

Dopo che l’Occidente ha occupato l’Afghanistan nel 2001, tra 100.000 e 170.000 civili afghani sono stati uccisi. Milioni furono costretti a lasciare il loro paese come rifugiati. L’Afghanistan ora è al secondo posto dal basso (dopo lo Yemen) in Asia, nella lista HDI (Human Development Index, compilato dall’UNDP). La sua aspettativa di vita è la più bassa in Asia (WHO).

*

Lavoro sia in Siria che in Afghanistan e ritengo sia mio dovere indicare le differenze tra due paesi e queste due guerre.

Sia la Siria che l’Afghanistan sono stati attaccati dall’Occidente. Uno ha resistito e vinto, l’altro è stato occupato principalmente da forze nordamericane ed europee, e conseguentemente distrutto.

Dopo aver lavorato in circa 160 paesi su questo pianeta, e dopo aver coperto e assistito a innumerevoli guerre e conflitti (la maggior parte dei quali è stata accesa o provocata dall’Occidente e dai suoi alleati), posso vedere chiaramente lo schema: quasi tutti i paesi che sono caduti nella ‘ sfera d’influenza occidentale ‘ora è rovinata, saccheggiata e distrutta; stanno vivendo grandi disparità tra il piccolo numero di “élites” (individui che collaborano con l’Occidente) e la grande maggioranza di coloro che vivono nella povertà. La maggior parte dei paesi con stretti legami con la Russia o la Cina (o entrambi), prosperano e si sviluppano, godono dell’autogoverno e del rispetto per le loro culture, i sistemi politici e le strutture economiche.

È solo a causa dei mass media aziendali e del sistema di educazione parziale, così come l’orientamento quasi totalmente filo-occidentale dei “social media”, che questi contrasti scioccanti tra due blocchi (sì, abbiamo due grandi blocchi di paesi, di nuovo ) non sono costantemente evidenziati e discussi.

*

Durante la mia recente visita in Siria, ho parlato con molte persone che vivevano a Damasco, Homs e Ein Tarma.

Quello che ho visto potrebbe essere spesso descritto come “gioia attraverso le lacrime”. Il prezzo della vittoria è stato ripido. Ma la gioia c’è, tuttavia. L’unità del popolo siriano e il suo governo sono evidenti e notevoli.

La rabbia verso i “ribelli” e verso l’Occidente è onnipresente. Descriverò presto la situazione nei miei prossimi rapporti . Ma questa volta, volevo solo confrontare la situazione in due città, due paesi e due guerre.

A Damasco, ho voglia di scrivere poesie, di nuovo. A Kabul, sono solo ispirato a scrivere un necrologio lungo e deprimente.

Amo entrambe le città antiche, ma naturalmente le amo in modo diverso.

Parlando francamente, nei 18 anni di occupazione occidentale, Kabul è stata convertita in un inferno militarizzato, frammentato e colonizzato sulla terra. Tutti lo sanno: i poveri lo sanno, e anche il governo ne è consapevole.

A Kabul, interi quartieri hanno già “rinunciato”. Sono abitati da individui costretti a vivere in baracche o sotto i ponti. Molte di queste persone sono lapidate, agganciate ai narcotici locali, la cui produzione è sostenuta dagli eserciti dell’occupazione occidentale. Ho visto e fotografato una base militare americana circondata apertamente da piantagioni di papaveri. Ho ascoltato testimonianze di gente del posto, sull’esercito britannico impegnato in negoziati e sulla cooperazione con le narco-mafie locali.

Ora le ambasciate occidentali, le ONG e le “organizzazioni internazionali” che operano in Afghanistan sono riuscite a corrompere intellettualmente e moralmente e a indottrinare un gruppo consistente di persone locali, che ricevono una borsa di studio, si fanno “addestrare” in Europa e stanno portano avanti la linea ufficiale degli occupanti.

Lavorano giorno e notte per legittimare l’incubo in cui è stato sballottato il loro paese.

Ma le persone anziane che ricordano ancora sia l’era sovietica che l’Afghanistan socialista, sono prevalentemente “filo-russi”, in lutto per la frustrazione in quei giorni di liberazione, progresso e costruzione determinata della nazione. Fabbriche di pane, canali idrici, condutture, torri elettriche ad alta tensione e scuole “sovietiche” sono tuttora utilizzate in tutto il paese. Mentre, l’uguaglianza di genere, il secolarismo e la lotta antifeudalista di quei giorni sono ora, durante l’occupazione occidentale, di fatto illegali.

Gli afgani sono noti per essere persone orgogliose e determinate. Ma ora il loro orgoglio è stato infranto, mentre la determinazione è stata annegata nel mare del pessimismo e della depressione. L’occupazione occidentale non ha portato la pace, non ha portato prosperità, indipendenza e democrazia (se la democrazia è intesa come la “regola del popolo”).

In questi giorni, il più grande sogno di un giovane uomo o una donna a Kabul è quello di servire gli occupanti – di essere “educati” in una scuola in stile occidentale e di ottenere un lavoro presso un’ambasciata americana o presso una delle agenzie delle Nazioni Unite.

*

A Damasco, tutti parlano ora della ricostruzione della nazione.

‘Come e quando saranno ricostruiti i quartieri danneggiati? La costruzione pre-bellica della metropolitana riprenderà presto? La vita sarà migliore di prima? “

Le persone non possono aspettare. Ho assistito famiglie, comunità, restaurando i loro edifici, case e strade.

Sì, a Damasco ho visto il vero ottimismo rivoluzionario nell’azione, l’ottimismo che ho descritto nel mio recente libro ” Ottimismo rivoluzionario, nichilismo occidentale “. Perché lo stato siriano stesso è ora, ancora una volta, sempre più rivoluzionario. La cosiddetta “opposizione” non è stata per lo più nient’altro che una sovversione sponsorizzata dall’Occidente; un tentativo di riportare la Siria ai giorni bui del colonialismo.

Damasco e il governo siriano non hanno bisogno di pareti enormi, enormi aerei spia che levitano nel cielo; non hanno bisogno di veicoli blindati ad ogni angolo e degli onnipresenti SUV con letali mitragliatrici.

D’altra parte, gli occupanti di Kabul hanno bisogno di tutti quei simboli mortali di potere per mantenere il controllo. Tuttavia non possono spaventare le persone a sostenerle o amarle.

A Damasco sono semplicemente entrato nell’ufficio del mio collega romanziere, che era il ministro della pubblica istruzione siriano. A Kabul, spesso devo passare attraverso i metal detector anche quando voglio solo visitare un bagno.

A Damasco, c’è speranza e vita, ad ogni angolo. I caffè sono affollati, la gente parla, discute, ride insieme e fuma i narghilè. Anche i musei e le biblioteche sono pieni di gente. L’Opera House si sta esibendo; lo zoo è fiorente, nonostante la guerra, nonostante tutte le difficoltà.

A Kabul, la vita si è fermata. Tranne il traffico e per i mercati tradizionali. Anche il Museo Nazionale è ora una fortezza e, di conseguenza, quasi nessuno può essere trovato all’interno.

La gente di Damasco non ha molta familiarità con quello che succede a Kabul. Ma loro sanno molto di Baghdad, Tripoli e Gaza. E preferirebbero morire piuttosto che lasciarsi occupare dall’Occidente o dai suoi impianti.

Due guerre, due destini, due città totalmente distinte.

Le sette porte di Damasco sono spalancate. I rifugiati stanno tornando da tutte le direzioni, da ogni angolo del mondo. È tempo di riconciliazione, di ricostruzione della nazione, di rendere la Siria ancora più grande di quanto non fosse prima del conflitto.

Kabul, spesso scosso da esplosioni, è frammentato da orribili mura. I motori degli elicotteri stanno ruggendo sopra. Gli aerei con i loro occhi mortali che controllano tutto sul terreno. Droni, carri armati, enormi veicoli blindati. Mendicanti, senzatetto, baraccopoli. Grande bandiera afgana che vola sopra Kabul. Una “bandiera modificata”, non uguale a quella del passato socialista.

In Siria, infine, la nazione unita è riuscita a sconfiggere l’imperialismo, il fanatismo e il settarismo.

In Afghanistan, la nazione si è divisa, poi umiliata, poi spogliata della sua antica gloria.

Damasco appartiene alla sua gente. A Kabul, la gente è sminuita da muri di cemento e basi militari erette da invasori stranieri.

A Damasco, la gente combatteva, persino morendo per il loro paese e la loro città.

A Kabul, le persone hanno paura persino di parlare di lotta per la libertà.

Ha vinto Damasco. È di nuovo libera.

Kabul vincerà anche lei. Forse non oggi, non quest’anno, ma lo farà. Credo che lo farà.

Adoro entrambe le città. Ma una ora sta festeggiando, mentre l’altra sta ancora soffrendo, in un dolore inimmaginabile.

Andre Vltchek è filosofo, romanziere, regista e giornalista investigativo. È un creatore di  Vltchek’s World in Word and Images e uno scrittore che ha scritto diversi libri, tra cui l’  ottimismo rivoluzionario, il nichilismo occidentale . Scrive in particolare per la rivista online  “New Eastern Outlook”.

Source link