Se la vittoria di Biden sarà confermata gli USA proseguiranno la guerra in SIRIA

Il 2 novembre, il Syrian Observer , che si occupa della guerra del “cambio di regime” (cioè la conquista) della Siria, riprendendo un articolo di ASHARQ AL-AWSAT (quotidiano panarabo con sede a Londra) ha pubblicato un articolo intitolato “Fonti vicine a Biden: nessuna ricostruzione siriana senza riforme politiche” .

Citazione:

[su_quote]“I membri del quartier generale della campagna di Biden si sono incontrati con i siriani per discutere questioni relative al conflitto e gli approcci della futura amministrazione con la questione siriana [se Biden sarà eletto].

Il consigliere di Biden ha informato il gruppo siriano che la nuova amministrazione  “renderà chiaro al presidente russo Vladimir Putin che non ci sarà assistenza americana o europea per ricostruire la Siria senza riforme politiche, e questa riforma deve essere significativa [es. il governo esistente deve andarsene].

Inoltre, le preoccupazioni sui diritti umani fondamentali devono essere affrontate e il presidente ritenuto responsabile . Biden ha sottolineato la necessità di rilasciare i prigionieri mantenendo le sanzioni statunitensi contro il regime siriano e coloro che collaborano con esso, compresa la Russia “.[/su_quote]

In ogni caso, Biden rafforzerà, non indebolirà, l’invasione della Siria. Continuerà ciò che Obama ha iniziato e ciò che Trump ha continuato (anche se con minore intensità). Questo piano è iniziato prima del 2011.

Il 17 aprile 2011, il Washington Post ha pubblicato un articolo “Gli Stati Uniti sostengono segretamente i gruppi di opposizione siriani come mostrato da WikiLeaks Dispatches” .

Citazione:

[su_quote]“Il Dipartimento di Stato ha finanziato segretamente gruppi di opposizione politica siriana e progetti correlati, incluso un canale TV satellitare che trasmette programmi antigovernativi nel paese. Il canale via cavo, Barada TV (Londra) ha iniziato a trasmettere nell’aprile 2009, ma ha intensificato la copertura delle proteste di massa in Siria come parte di una campagna a lungo termine per rovesciare Bashar al-Assad.[/su_quote]

Il 14 ottobre 2012, il New York Times ha pubblicato un articolo “Le armi per i ribelli in Siria vanno ai jihadisti” .

Citazione:

[su_quote]”La maggior parte delle armi che Arabia Saudita e Qatar hanno diretto per rifornire i gruppi ribelli che combattono contro il governo di Bashar al-Assad finiscono nelle mani degli islamisti radicali”.[/su_quote]

Il 25 febbraio 2013, il Times ha pubblicato un articolo “L’Arabia Saudita sta aumentando gli aiuti ai ribelli fornendo loro armi dalla Croazia” .

Citazione:

[su_quote]”L’Arabia Saudita ha finanziato l’acquisto di una grande partita di armi dalla Croazia e l’ha spedita segretamente a militanti antigovernativi in ​​Siria” … “Non è chiaro quale ruolo abbia svolto Washington in queste forniture, se avesse qualcosa a che fare con loro”.[/su_quote]

Il 24 agosto 2013, New York Times ha pubblicato un articolo Da nessuna parte nel territorio della Siria controllato dai ribelli ci sono milizie con un’ideologia secolare degna di menzione”.

Entro la fine del 2013, la BBC fornisce la seguente valutazione:

[su_quote]”Si ritiene che ora ci siano circa 1.000 gruppi armati di opposizione che operano in Siria con un totale di un massimo di 100.000 combattenti”.[/su_quote]

C’erano pochissimi siriani tra di loro, a seguito del quale, quando nel dicembre 2013 gli Stati Uniti iniziarono a perseguire per il reclutamento di jihadisti in tutto il mondo per il ramo siriano di al-Qaeda, in seguito ribattezzato al-Nusra, tutte le organizzazioni jihadiste coinvolte hanno firmato una dichiarazione congiunta “Siamo tutti Al-Nusra”, e il presidente Barack Obama ha quindi immediatamente autorizzato un’operazione della CIA su larga scala per armare Al-Nusra e addestrarla a guidare i “ribelli siriani”.

11 settembre 2013 – Washington Post, CIA inizia a fornire armi ai ribelli siriani :

[su_quote]“La CIA ha ripreso la fornitura di armi ai ribelli siriani, comprese armi letali, secondo le informazioni fornite da funzionari statunitensi e siriani. Le spedizioni sono iniziate ad arrivare nel paese due settimane fa, insieme a spedizioni separate (veicoli e altre attrezzature) dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, un flusso di materiali che segna un enorme aumento del ruolo degli Stati Uniti nella guerra civile siriana “.[/su_quote]

2 luglio 2017, articolo della giornalista indipendente Dilyana Gaitandzhieva: “350 voli diplomatici trasportano armi per terroristi” .

Citazione:

[su_quote]“Gli Stati Uniti inviano armi per un valore di 1 miliardo di dollari. I clienti tipici per questo tipo di servizio (trasporto di armi sui voli diplomatici) operato da Silk Way Airlines includono compagnie americane che forniscono armi all’esercito degli Stati Uniti e al comando delle operazioni speciali degli Stati Uniti. L’elemento comune in questi casi è che tutti portano armi standard non prodotte negli Stati Uniti “. L’obiettivo era rendere difficile per il governo americano rintracciare le armi usate dai jihadisti (“ribelli”).[/su_quote]

I costi della ricostruzione della Siria da questa invasione organizzata all’estero di alcune centinaia di migliaia di jihadisti, sponsorizzati dai sauditi e armati dagli Stati Uniti, per rovesciare il presidente siriano e rimuovere dal potere il partito laicista Baath sono (da un rapporto della Banca Mondiale):

L’importo dei finanziamenti necessari per la ricostruzione, secondo le stime delle Nazioni Unite, va da 250 miliardi a 1 trilione di dollari USA, che è molto più di quanto gli alleati della Siria possano fornire.

In altre parole, non ci sarà ricostruzione della Siria se gli sponsor dell’invasione jihadista – gli Stati Uniti, così come i loro alleati sauditi, turchi, del Qatar e altri – non raggiungeranno il loro obiettivo, ad es. un cambio di regime che porterà al potere un gruppo di leader scelti dalla famiglia saudita. Questo è il motivo per cui i sauditi sono alla ricerca di governanti attraenti e promettenti per la Siria almeno dal 2015.

L’America ei suoi alleati hanno causato danni alla Siria per un importo compreso tra 250 miliardi e 1 trilione e dollari e dice non vogliamo investire un centesimo nella restaurazione di questo paese finché l’attuale governo non sarà sconfitto e Bashar Assad non sarà catturato, processato e giustiziato.

L’ONU è impotente e rimane in silenzio su questo punto, aprendo bocca solo per condannare l’attuale governo siriano.

Autore: Eric Zuesse – storico, politologo, autore di numerosi libri di storia moderna

Exit mobile version