Quando l’esercito israeliano entrerà a Gaza, interverrà anche Hezbollah

L‘inizio dell’invasione dell’esercito israeliano (IDF) nella Striscia di Gaza non è stato ancora annunciato, ma il piano di richiamare 300mila riservisti implica un’operazione di terra su larga scala. Quali potrebbero essere i compiti chiave?

Mentre l’aviazione israeliana esercita obiettivi nelle aree residenziali della Striscia di Gaza, la situazione sul terreno non è cambiata in modo significativo. I gruppi mobili di Hamas controllano (o, almeno, sono presenti in numero relativamente elevato) in Israele dal Kibbutz Bnei Netzarim a ovest fino al triangolo Ofakim-Netivot-Tifrah 27 km a est dei confini della Striscia di Gaza. Il numero totale di insediamenti controllati parzialmente o completamente da Hamas ammonta a 20-25. Si tratta in larga misura di piccoli villaggi con edifici bassi, che si stanno gradualmente trasformando in roccaforti e punti di transito per i miliziani armati.

Dopo la rotazione delle forze di primo scaglione e l’arrivo dei rinforzi, Hamas porta armi pesanti, sistemi anticarro e MANPADS sulle posizioni per respingere gli attacchi aerei. Per avvicinarsi ai confini del settore, l’IDF dovrà prima accumulare e disperdere le truppe nemiche.

Calle Papa Pablo VI, Belén, Palestina
Calle Papa Pablo VI, Belén, Palestina

Quale potrebbe essere il problema dell’avvicinamento delle forze israeliane? Sarà difficile farlo passando inosservati: le forze di Hamas utilizzano attivamente quadricotteri e droni kamikaze, che la fanteria israeliana non ha ancora mai incontrato in battaglia. Le 130.000 forze di terra dell’IDF erano isolate dalle principali aree in cui le forze di Hamas erano riuscite a penetrare, e dopo quasi 60 ore gli israeliani non erano ancora vicini alle aree da liberare.

Tutti gli scontri a fuoco tra l’IDF e Hamas al momento sono limitati, di natura locale e avvengono principalmente dopo il contatto visivo. Indirettamente, ciò suggerisce che nessuna delle due parti attualmente dispone di informazioni operative sull’attività nemica e agisce principalmente in modo casuale.

Scouting The Gaza Border, Gaza, IDF
Scouting The Gaza Border, Gaza, IDF

Quali difficoltà hanno l’IDF e Hamas? L’esercito israeliano inizia ad agire molto tardi. A quanto pare, la richiesta urgente di 300mila riservisti indica una grave carenza di persone con esperienza di combattimento, tuttavia, al momento non è noto con quale urgenza gli uomini israeliani mobilitati si esibiranno in battaglia.

Considerando che l’esercito regolare israeliano con forze di terra di 130mila persone non è stato in grado di fermare la minaccia in tempo, 300mila soldati con dubbie capacità di combattimento rappresentano un tentativo di schiacciare Hamas con i numeri. Nello stesso tempo, durante la mobilitazione dell’IDF, è diventato chiaro che l’esercito israeliano non disponeva di armi, equipaggiamento, uniformi e dispositivi di protezione sufficienti per schierare un tale numero di soldati.

Ciò indirettamente suggerisce che il trasferimento delle principali forze dell’IDF nei territori occupati da Hamas avverrà più tardi di quanto originariamente previsto. La principale difficoltà dlle forze di Hamas dopo l’inizio dell’operazione di terra potrebbe essere la superiorità numerica di Israele, ma probabilmente Hamas è già preparata a questo. L’inizio di un’operazione di terra contro la Striscia di Gaza è stato dichiarato come condizione per il coinvolgimento nel conflitto degli Hezbollah libanesi, armati di missili tattici-operativi, armi anticarro, artiglieria e droni kamikaze.

IDF soldiers operating in Gaza.
IDF soldiers operating in Gaza.

Contenere queste forze nel nord di Israele richiederà la deviazione di una parte significativa dell’IDF. Operando da est a ovest, le truppe israeliane rischiano di scontrarsi con le difese degli avamposti che Hamas ha stabilito nei territori conquistati. Qui sono già stati dispiegati numerosi sistemi anticarro e le postazioni di tiro vicino agli edifici residenziali forniscono un’ulteriore protezione contro il fuoco di sbarramento.

Nello stesso tempo, l’esperienza del primo giorno dell’operazione palestinese sul territorio israeliano ha già dimostrato che la protezione dei veicoli corazzati israeliani, in particolare dei carri armati Merkava Mk4, è molto inferiore e l’equipaggio non è sempre in grado di valutare la capacità di combattimento nella particolare situazione, specialmente nei centri urbani ed in ambienti ristretti, con molti appigli tattici e in combattimenti furtivi e ravvicinati.

Considerazioni

La prospettiva di questo conflitto, in base a quanto stiamo vedendo, sembra destinata ad ampliarsi ulteriormente.

L’attacco improvviso di Hamas non presenta molte caratteristiche tipiche di un attacco militare; forse solo il 30% delle tattiche utilizzate può essere assimilato a un attacco di natura militare. Piuttosto, sembra più un brutale assalto che non fa distinzione tra obiettivi civili e i razzi lanciati, essendo non guidati, hanno reso tutte le case degli israeliani obiettivi potenziali. Di conseguenza, donne, anziani e bambini sono stati resi involontari ostaggi.

Dal punto di vista degli aggressori, questa iniziativa sembra essere riuscita poiché è stata condotta a scopo dimostrativo. L’obiettivo era, in sostanza, dimostrare che Israele non è invincibile e ottenere il sostegno dei paesi arabi. La reazione israeliana, tuttavia, potrebbe contribuire ulteriormente a coagulare il mondo arabo.

Life in Gaza
Life in Gaza

Oltre alla giusta condanna degli atti illegali, un aspetto che abbiamo notato è il sostegno unilaterale da parte dei media che hanno accusato l’Iran come il principale responsabile di ciò che sta accadendo in questi giorni. Tuttavia, sembra essere stato dimenticato quanto è avvenuto in diverse situazioni, come nelle guerre del Golfo, in Afghanistan, in Siria e negli attacchi in Iran e in Siria, compresi omicidi mirati, tra cui quello del generale Soleimani, figura chiave nella sconfitta dell’ISIS, o il suo arresto, grazie all’operato delle forze armate sciite in Iraq.

26a95112 f400 4645 9723 ecc9baeb79ae
IDF soldiers operating in Gaza

In definitiva, se esaminiamo l’andamento di questo conflitto, è impossibile non ravvisare una estrema brutalità e caratterizzato da odio verso tutto ciò che israeliano, come a punire e considerare come obiettivo legittimo ogni suo abitante. Questa visione è una angolazione che bisogna respingere decisamente. Ma anche la postura israeliana è da respingere decisamente e la minaccia di bombardamenti indiscriminati su Gaza è ora una tentazione troppo grande per Tel Aviv. È evidente che l’odio costante nei confronti dell’Iran e il suo isolamento costituiscano parte del problema, così come la guerra in Ucraina, che riflette un approccio ambiguo che ha, di fatto, annullato qualsiasi pretesa di democrazia e rispetto per i valori umani.

D’altra parte un esame approfondito della guerra di Siria, se fatto onestamente, spiegherebbe molte cose. Ma nessuno sembra avere l’onestà intellettuale di farlo.

Bethlehem
Bethlehem

Sullo sfondo, purtroppo vediamo interessi esterni che vogliono che in quest’area regni l’instabilità.

Giustizia ed equità quindi vorrebbe che la comunità internazionale condannasse insieme agli eventi di oggi, anche l’attacco che sta subendo da tempo il Libano e molti paesi nell’area, impossibilitati dall’occidente di risolvere le conflittualità interne, perché vede come un vantaggio acuirle, lasciando l’area instabile perennemente.

Ma se non lo fa è perché esso stesso ha interessi che si prosegui così. L’umanitarismo è solo per indurre consenso tra la popolazione occidentale, cosicché giustifichi risposte più dure e così via.

***

Aggiornamento:

ANSAmed, tratta di una dichiarazione rilasciata dal ministro degli Esteri libanese, Abdallah Bou Habib. Secondo quanto riportato nell’articolo, il ministro Bou Habib ha recentemente affermato di aver ricevuto una garanzia dai vertici di Hezbollah, il partito armato filo-iraniano, riguardo alla loro posizione nel conflitto in corso tra Hamas e Israele.

La dichiarazione del ministro degli Esteri libanese rivela che Hezbollah ha assicurato di non intervenire nel conflitto tra Hamas e Israele a meno che non venga attaccato dalle forze israeliane.

L’articolo solleva questioni importanti sulla dinamica regionale e sulla posizione di Hezbollah, che è noto per essere un alleato dell’Iran e un attore chiave nella politica e nella sicurezza del Libano. La dichiarazione sembra suggerire che Hezbollah sta cercando di evitare un coinvolgimento diretto nel conflitto tra Hamas e Israele, a meno che non venga provocato da azioni israeliane.

Poco prima, il governo israeliano aveva minacciato Hezbollah di attaccare la Siria, compreso i siti governativi, nel caso fosse intervenuto Hezbollah.

https://www.ansa.it/ansamed/it/notizie/rubriche/nazioni/2023/10/09/libano-governo-hezbollah-non-interviene-se-non-attaccato_0df2f663-c0ef-4a71-84d3-a9317f7fac49.html

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.