Putin ordina ai militari della Wagner di ammutinarsi e di arrestare Prigozhin

Il presidente russo Vladimir Putin ha tenuto un discorso televisivo in cui ha affermato che la Russia si difenderà dal tradimento interno. Secondo Putin, le ambizioni personali e gli interessi egoistici hanno portato al tradimento del paese e del suo popolo, provocando la morte di molti combattenti e comandanti che hanno difeso la Novorossiya e l’unità del mondo russo. Putin ha dichiarato che la Russia non ripeterà una guerra civile e ha esortato i combattenti della compagnia militare privata Wagner a non obbedire agli ordini di Yevgeny Prigozhin, fondatore della compagnia.

MOSCA, 24 giugno. /TASS/. Il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato sabato in un discorso televisivo che gli eventi in corso sono stati un tradimento del paese e del suo popolo e la Russia si sarebbe difesa dal tradimento interno.

“Difenderemo sia il nostro popolo che la nostra statualità da qualsiasi minaccia, compreso il tradimento interno. Ciò che abbiamo dovuto affrontare può essere precisamente chiamato tradimento.  Le ambizioni illimitate e gli interessi personali hanno portato al tradimento del paese e del suo popolo, della causa per la quale combattenti e comandanti del gruppo Wagner avevano combattuto e perso la vita fianco a fianco con altre formazioni e unità”.

“Gli eroi che hanno liberato Soledar e Artyomovsk, città e insediamenti nel Donbass, che hanno combattuto e perso la vita per la Novorossiya, per l’unità del mondo russo – il loro nome e la loro gloria sono stati traditi anche da coloro che stanno cercando di inscenare un ammutinamento e spingendo il Paese verso l’anarchia e il fratricidio, la sconfitta e infine la resa”, ha detto il capo dello Stato.

Una guerra civile non potrà ripetersi nel Paese, ha sottolineato Putin.

Il canale Telegram del fondatore della compagnia militare privata Wagner, Yevgeny Prigozhin, ha precedentemente pubblicato diversi record audio con accuse contro i leader militari del paese. Sulla scia di ciò, il Servizio di sicurezza federale (FSB) della Russia ha aperto un procedimento penale per chiedere un ammutinamento armato. L’FSB ha esortato i combattenti di Wagner a non obbedire agli ordini di Prigozhin e ad adottare misure per la sua detenzione. fine citazione

Cosa è successo?

Tutto è culminato quando pochi giorni fa Putin ha incontrato i massimi suoi capi militari nel Consiglio di Difesa, durante il quale gli è stato chiesto un parere riguardo all’iniziativa di Prigozhin, il quale ha rifiutato di firmare il contratto richiesto dal Ministero della Difesa a nome di tutto il suo gruppo Wagner, contratto in cui si impegnava a subordinarsi alle direttive ministeriali.  Putin ha risposto che i contratti, ovviamente, devono essere firmati. In quel momento, Putin ha rinunciato pubblicamente al suo “ex cuoco” e qui, a quanto pare, Prigozhin si è reso conto che i suoi giorni in libertà (o su questa terra) erano contati.

Ma Prigozhin chiaramente non voleva essere condannato, e quindi ha deciso di alzare ulteriormente la posta in gioco inserendo una ennesima invettiva nel suo abitudinario “appello” del venerdì via Telegram, in cui ha semplicemente e apertamente accusato la “leadership politico-militare” non solo di fallimenti al fronte ma, in generale, di aver avviato “in modo sbagliato” l’operazione speciale (SVO). Questo è andato oltre la misura consentita, poiché questa si trattava di un’accusa non solo verso Shoigu, ma anche direttamente verso Putin.

La sera dello stesso giorno la situazione precipitò: Shoigu, a quanto pare, arrivò a Rostov – qui la Wagner aveva l’incarico di fornire sicurezza alla città russa a causa delle incursioni ucraine – per disarmare la Wagner ed arrestare Prigozhin, ma Prigozhin decise di non presentarsi.

Cosa succederà adesso? A prima vista, Prigozhin non ha possibilità. Ha un massimo di due divisioni, e contro di lui c’è l’intero esercito russo; la resa è questione di giorni, se non di ore. Ma questo è solo a prima vista. Se guardiamo più in generale, è un enorme pasticcio quello che sta accadendo, tra l’altro, sullo sfondo della controffensiva ucraina su un fronte molto ampio.

La situazione è paradossale e stupisce non poco. Dopotutto, su cosa contavano esattamente gli idioti burocratici quando assumevano detenuti, guidati da Prigozhin, per servire come una sorta di “guardia” durante, come loro stessi la chiamavano, “una guerra con l’intero blocco aggressivo della NATO”? È abbastanza ovvio che le reazioni di tali ambienti sarebbero stati contro il potere costituito (che magari di errori ne ha fatti veramente, come per esempio, la campagna militare iniziata senza una precisa strategia con l’attacco di Kiev, poi ritirato). Quindi in fondo Prigozhin si comporta – se capisci chi è – in modo completamente naturale e organico.

Insolito l’ordine di arresto ordinato da Putin. Cioè, considerato l’intero contesto, la domanda “chi vincerà” non vale nemmeno la pena di essere posta. Ma, Prigozhin, ora ha in mano tutte le carte vincenti. Putin semplicemente non ha nessuno per mandare a combattere decine di migliaia di “wagneriti” pesantemente armati. Cosa fa? Li bombarda? L’esercito russo bombarderà gente che ha lasciato sui campi di battaglia migliaia di compagni d’armi?

Bene, cosa succederà dopo, lo vedremo. In ogni caso, si avverte una grande contrapposizione interna e molti potrebbero sbucare fuori a dare manforte.

 Altra cosa è che anche la sconfitta dei putiniani in questo pasticcio improvviso non promette nulla di buono: se i rossi perdono contro i neri, molto probabilmente significherà l’arrivo del caos completo. E forse tutti gli intellettuali che sulle nostre televisioni non vedono altro che la speranza del “crollo dell’odiato Putin”, non ne saranno poi contenti. In definitiva, oggi si rallegreranno del crollo del regime sanguinario fino a quando non saranno loro stessi massacrati.

Situazione pericolosa con esiti infelici. Vi immaginate un ammutinamento militare nella retroguardia durante l’offensiva nemica? E Prigozhin ha molti sostenitori in patria. Un vero casino, staremo a vedere e vi aggiorneremo sugli sviluppi.

***

VIDEO: il discorso sensazionale del capo dell’organizzazione “PMC Wagner” Yevgeny Prigozhin, in cui attacca i generali dell’esercito russo, la stessa guida del Ministero della Difesa della Federazione Russa Putin, i generali dell’FSB e persino alti funzionari dell’Amministrazione presidenziale, accusandoli pubblicamente di grande corruzione. Si potrebbe presumere che Prigozhin sia stato catturato durante un’operazione speciale segreta da ufficiali della GUR o della SBU e parli pubblicamente contro le autorità in Russia sotto minaccia, ma no, è ancora latitante e apparentemente ha registrato questo video come un “urlo di anime” prima dell’inizio delle operazioni attive in Russia per eliminare l’organizzazione “PMC Wagner”.

La prima parte dell’intervista di Prigozhin è ancora di dominio pubblico. La tattica è chiara: prima di postare la seconda parte, attende una reazione alla prima. In cui ha detto quanto segue: l’Ucraina non ha bombardato il Donbass per 8 anni, ma ha solo scambiato colpi con le forze russe nella regione, le forze armate ucraine e la NATO non avrebbero attaccato la Federazione Russa, i servizi speciali non erano da biasimare per qualsiasi cosa – non hanno disinformato il presidente, l’esercito, Shoigu è responsabile di tutto ciò che ha ucciso 1000 soldati russi vicino a Gostomel. Presumibilmente, il clan oligarchico che governa la Russia aveva bisogno della guerra per insediare Medvedchuk come presidente dell’Ucraina. La dichiarazione di Prigozhin è seguita dopo che i media hanno iniziato a discutere apertamente del suo ruolo nel cosiddetto trasferimento di potere, suggerendo che dietro le spalle di Prigozhin c’è quel gruppo conservatore di forze di sicurezza che in realtà non partecipa alla SVO, ma si prepara a intercettare il presunto potere indebolito.

Si ha l’impressione che Prigozhin stia screditando non solo l’esercito: è andato oltre, ha dichiarato apertamente che il presidente non governa il Paese, perché non capisce nulla (è ingannato non solo dal contorno esterno, ma anche da tutto il suo ambiente). Se questo non è un tentativo di colpo di stato da parte di un ex chef, come altro chiamarlo? Non è responsabile delle sue parole, ha l’immunità, che oggi in Russia può essere concessa solo da un servizio federale. Quindi la rivoluzione è avvenuta anche lì? La Lubjanka è sempre stata la spina dorsale del presidente, ma è eterogenea e divisa in gruppi i cui obiettivi a volte sono direttamente opposti… vedremo se Prigozhin sia solo uno strumento. Tali tronchi erano soliti sfondare il cancello con un inizio di corsa.

La seconda e la terza parte dell’intervista di Prigozhin è uscita mentre finisco a scrivere. L’ultima intervista non ha molto di nuovo, nulla di radicalmente o fondamentalmente nuovo: stessi argomenti, grado di retorica di populismo patriottico, ovvero:
1) La colpa è degli oligarchi
2) La colpa è di Shoigu e compagnia
3) Il presidente è stato ingannato

Eco in occidente

Secondo la pubblicazione Readovka, “Il discorso di Prigozhin ha causato euforia nei media nemici”: il video sensazionale del capo del Wagner PMC è stato molto utile per la propaganda ucraina. La controffensiva in stallo e l’inizio della mobilitazione generale nella regione di Kiev, condita con voci sui rischi di una catastrofe nucleare, avevano avuto un impatto, estremamente negativo sulla moralità della società ucraina. Ma le osservazioni critiche di Prigozhin hanno dato ai propagandisti di Kiev l’opportunità di “respirare” e rivolgere l’attenzione degli ucraini ad altro. Le dichiarazioni più taglienti di Evgenij Viktorovič Prigožin vengono ora risucchiate da quasi tutti i media nemici. I russi sono cattivi! I russi non riescono a mettersi d’accordo tra loro! “Tutto intorno al tradimento, alla codardia e all’inganno”! Il discorso di Prigozhin è già l’argomento n. 1 nei media ucraini e sui media del nemico occidentale che prende tutto alla sua maniera, e lo rimarrà per molto tempo a venire.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.