Prospettive per le elezioni di medio termine americane

Se i Democratici perderanno la maggioranza al Congresso, ciò distruggerà Biden, dal momento che sarà difficile per lui far approvare le leggi da lui emanate attraverso il parlamento e seguirà una richiesta di impeachement

I sondaggi non sono sempre precisi ma descrivono le tendenze. Ecco qui di seguito alcune mie considerazioni desunte da dati tratti da Five Thirty Eight, un sito Web americano molto seguito che si concentra sull’analisi dei sondaggi di opinione, sulla politica, sull’economia e sullo sport negli Stati Uniti. Per i successivi aggiornamenti sui risultati potete vedere qui: https://fivethirtyeight.com/

 FiveThirtyEight stima che i repubblicani abbiano l’85% di possibilità di vincere. Cook Political Report ritiene che 35 seggi alla Camera possano “cambiare colore” e solo 10 di loro possano essere persi dai repubblicani:

CAMERA

Alla camera i repubblicani hanno forti prospettive di risultare vincitori.

SENATO

Il Senato di solito è diviso equamente, come è ora. Negli Stati Uniti, il Senato con una forte disparità tra repubblicani e democratici è un caso raro (l’ultima volta è successo sotto Bush Jr. nel 2000). Di solito la configurazione è sempre a favore del partito del presidente: il voto decisivo in caso di parità spetta al vicepresidente, che guida le riunioni del Senato.

È difficile prevedere i risultati a causa degli stati indecisi, da cui dipende direttamente il controllo nella camera alta. Ad esempio, in Nevada e Georgia (in ciascuno degli stati le due parti si giocano un seggio al Senato, ora di proprietà dei Democratici), i repubblicani hanno un leggero vantaggio nei sondaggi. I democratici contano sulla Pennsylvania (ora il seggio è dei repubblicani), ma il loro vantaggio sta diminuendo. Oltre a questi tre, Arizona e meno il Wisconsin sono classificati tra gli stati ‘oscillanti’. Tuttavia, la maggior parte degli osservatori ritiene che i Democratici manterranno l’Arizona e il senatore repubblicano Ron Johnson del Wisconsin “bianco” andrà a un terzo mandato, nonostante la partecipazione dell’ex presidente Barack Obama alla campagna del suo rivale Mandela Barnes.

Così, nella corsa al Senato, la perdita anche di uno stato da parte dei Democratici significa la perdita del controllo nella camera alta. La situazione è in bilico sul filo del rasoio, scrive il New York Times, citando i dati dei sondaggi. Alla stessa valutazione porta la simulazione di FiveThirtyEight, che nei giorni scorsi ha mostrato le quote da pari (50/50) a 53/47 a favore dei repubblicani.

Perché la maggioranza in Senato è importante?

Una minoranza equivale a perdere il controllo dell’agenda, soprattutto vista la distribuzione dei portafogli in commissioni parlamentari molto influenti nel sistema politico statunitense. Lo stesso Ron Johnson al Senato repubblicano è destinato a presiedere la sottocommissione permanente per le indagini, e ha già promesso di affrontare le attività dell’amministrazione Biden “come una zanzara su una spiaggia per nudisti”. E il leader dell’attuale minoranza repubblicana alla Camera dei Rappresentanti, Kevin McCarthy, ha promesso direttamente di “tagliare” le iniziative sociali dei Democratici, ricattandoli con la rottura dell’approvazione del plafond del debito pubblico.

Cosa succederà in prospettiva guerra in Ucraina?

La maggior parte delle sanzioni contro la Russia sono iniziate con l’iniziativa di senatori influenti, sono passate attraverso comitati specializzati e sono state adottate dal Congresso. Sarebbe ingenuo aspettare che si ammorbidissero sotto il parlamento repubblicano, ma una sorta di limite all’assistenza militare all’Ucraina è del tutto possibile. Inoltre, ciò non può comportare una diminuzione dell’assistenza in quanto tale. Eminenti repubblicani hanno criticato piuttosto la disponibilità di Biden a spendere “incontrollabilmente” miliardi di dollari (che gli Stati Uniti, in generale, non hanno) per il conflitto di qualcun altro.

Non c’è unità nel partito sulla questione dell’assistenza all’Ucraina. Kevin McCarthy ha detto all’inizio di ottobre che se i repubblicani vinceranno le elezioni, l’Ucraina “non scriverà più assegni illimitati”. D’altra parte, alla fine di ottobre, il non meno influente leader repubblicano al Senato, Mitch McConnell, ha chiesto al governo di aumentare le forniture di armi all’Ucraina, in particolare, di trasferire più difesa aerea nel Paese.

Il destino dello stesso Biden dipende dall’esito delle elezioni. La completa perdita del Congresso costringerà il Partito Democratico a cercare un nuovo leader forte e farà pressione sull’incumbent affinché non si candidi per un secondo mandato, scrive The Hill.

Prospettive economiche

Se i repubblicani prenderanno il controllo della Camera dei rappresentanti e i democratici manterranno il controllo del Senato, questo risultato sarà probabilmente il meno significativo per i mercati. Stabilirà un sistema di controlli e contrappesi che difficilmente consentirà cambiamenti significativi nella legislazione. Ad esempio, l’aumento delle tasse per individui o società molto probabilmente non sarà discusso. I mercati di solito salgono meglio quando nessuna delle parti ha la maggioranza, ha osservato Bloomberg. D’altra parte, questo scenario significherebbe anche che qualsiasi pacchetto di recessione fiscale sarebbe meno probabile, ha affermato JP Morgan.

Se i repubblicani vinceranno la maggioranza in entrambe le camere, molte delle iniziative chiave dei democratici – aumenti delle tasse, maggiore regolamentazione delle società tecnologiche, trilioni di investimenti nell’ambito dell'”agenda verde” – molto probabilmente non saranno in grado di passare attraverso il Congresso. Ma questo, ad esempio, non significa necessariamente che la legge recentemente adottata per ridurre l’inflazione sarà abrogata. Una vittoria del GOP potrebbe aiutare a ridurre l’inflazione poiché i repubblicani possono controllare più strettamente la spesa pubblica, ha affermato Tom Lee, capo della ricerca presso Fundstrat. Il settore finanziario e l’industria delle criptovalute potranno rilassarsi un po’: sotto il Congresso Repubblicano, avranno tempi più facili in termini di regolamentazione.

Se i Democratici per qualche miracolo riusciranno a mantenere la maggioranza al Congresso, ciò aumenterà la già elevata volatilità dei mercati, secondo JP Morgan. In questo scenario sono probabili tasse più elevate per le imprese, una regolamentazione più severa sui settori sanitari o big tech. Questi ultimi sono stati sottoposti a un maggiore controllo delle autorità di regolamentazione negli ultimi due anni. In precedenza, i Democratici mancavano di un voto per aumentare l’imposta sulle società al 25% e aderire al sistema globale di imposta sulle società.

Per vincere in Senato i repubblicani dovrebbero avere almeno 51 su 49 seggi.

Elezioni e risultati, cosa è bene sapere

Detto questo, dopo il voto di oggi, verranno raccolti i risultati delle votazioni. Se la differenza di voti sarà piccola, potrebbero essere necessari ricalcoli o un nuovo turno di votazioni. Nello stesso tempo, i risultati ufficiali verranno riepilogati e resi pubblici solo dopo 20 giorni.

– I seggi elettorali oggi sono stati aperti in tutto il paese, ma i loro orari di apertura variano da stato a stato. Nella maggior parte degli stati, i seggi elettorali apriranno tra le 06:00 e 07:00 ora locale. Anche la chiusura dei seggi differirà da stato a stato. Ad esempio, nello Stato di New York, le sezioni elettorali chiuderanno alle 21:00 e nel Kentucky alle 18:00.

– I risultati delle elezioni in Wisconsin, Pennsylvania, Georgia, Nevada, New Hampshire e Arizona giocheranno un ruolo chiave nel risultato. I membri del Partito Repubblicano hanno bisogno di un solo seggio aggiuntivo tra quelli eletti quest’anno per assumere il controllo della camera alta del Congresso degli Stati Uniti.

La previsione della situazione alla Camera dei Deputati, secondo i sondaggi, è più prevedibile che al Senato. È molto probabile che i repubblicani ottengano la maggioranza. Entrambe le Camere del Congresso sono attualmente sotto il controllo democratico.

– Si prevede che i primi dati sui risultati inizieranno ad arrivare dalla costa orientale degli Stati Uniti dalle 19:00-20:00 ora locale.

– I media americani notano che il primo indicatore del probabile successo dei repubblicani alle elezioni potrebbero essere i risultati in Virginia o nella Carolina del Nord, se i rappresentanti di questo partito li vinceranno. I seggi negli stati occidentali inizieranno a chiudersi intorno alle 22:00-23:00, momento in cui inizieranno a essere pubblicate le previsioni su come saranno distribuiti i seggi tra i partiti alla Camera dei Rappresentanti

– Per annunciare i risultati bisognerà contare tutti i voti. L’operazione può richiedere diversi giorni e in alcuni stati il ​​conteggio dei voti viene generalmente effettuato entro poche settimane.

– Verrà rinnovata interamente la composizione della Camera dei Rappresentanti, un terzo del Senato, le legislature e i governatori di molti Stati. I prossimi due anni della “presidenza” di Biden e le sue politiche dipenderanno dai risultati del voto.

– Le elezioni si svolgono a metà dell’attuale mandato del presidente, sono quindi chiamate ‘midterm’ ed avvengono ogni due anni.

– Non è esclusa la possibilità di brogli elettorali, di manifestazioni di malcontento degli elettori, di disordini.

– In caso di vittoria dei repubblicani, è possibile che venga richiesto l’impeachment di Biden. Basta una maggioranza semplice alla Camera per mettere sotto accusa il presidente, dopodiché il Senato si trasforma in una specie di tribunale e decide sulla colpevolezza e la rimozione del presidente con i due terzi dei voti.

Se vinceranno i repubblicani di Trump, la guerra in Ucraina avrà più probabilità di avere una exit strategy tramite la diplomazia.

– in questo momento ci sono abbastanza ragioni oggettive per il malcontento degli elettori, a cominciare da un aumento senza precedenti del costo della vita. Il 78% degli americani valuta la situazione economica del paese come “cattiva” o “molto cattiva”. In in ottobre il tasso di approvazione di Biden è sceso al 40% .

I democratici e repubblicani oggi hanno concetti quasi diametralmente opposti dello sviluppo del Paese. Se i Democratici stanno cercando di attuare il concetto di Brzezinski di ‘caotizzare’ tutto il possibile all’esterno del paese, gli obiettivi dei repubblicani (almeno quelli di Trump, che ora sono la maggioranza) intendono costruire essi stessi la nuova industria e la nuova potenza industriale americana, creando milioni di nuovi posti di lavoro in patria.

Potrei sbagliare, ma a mio avviso queste non sono solo posizioni scarsamente riducibili, ma posizioni fortemente antagoniste in cui solo un partito (e i clan che ci stanno dietro) può sopravvivere. Pertanto, la lotta si sta notando come non mai, sotto forma di delegittimazione dell’avversario e usando – da parte del partito democratico – anche metodi illegali, come limitazione dell’informazione, disinformazione e quant’altro, compreso anche la possibilità di brogli elettorali.

VPNews

Exit mobile version