Elon Musk esasperato dal crescente autoritarismo progressista, invita a votare i repubblicani

Il miliardario Elon Musk dopo aver acquistato Twitter sta trovando molta ostilità da parte di aziende e persino da parte della UE, il presidente americano Biden e ora persino l’Onu.

Tutti sono preoccupati per le fake news e per i diritti umani che potrebbero essere  – rispettivamente – veicolate e lesi con Twitter. Tuttavia, non si tratta di preoccupazione per la libertà, ma di non accettazione di opinioni diverse.

Quando qualcuno esprime un giudizio diverso che si discosta dalla loro ideologia, i progressisti insorgono. Lo abbiamo visto in Italia con una serie di personaggi che rifiutano di farsi curare da medici non vaccinati. È come un virus che si diffonde e che fa diventare tutti maestrini e censori che hanno messo al primo posto della propria attività una lotta senza quartiere verso chi la pensa in modo diverso.

Si tratta dell’autoritarismo più bieco e pericoloso, perché ha sacerdoti che si ritengono portatori della verità assoluta sull’uomo e vogliono liberarlo. Perciò oltre alle istituzioni questi “benefattori dell’umanità”, vogliono controllare soprattutto la mente delle persone.

Dalle reazioni isteriche verso Musk, che finora ha detto solo che vuol liberare l’uccellino, si capisce molto bene il livello di degrado in cui siamo.

Da The Reclam the net:

L’alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Volker Türk, ha inviato una lettera aperta al  nuovo proprietario di  , Elon Musk, chiedendogli di garantire che Twitter rispetti i diritti umani e controlli l’incitamento all’odio e la disinformazione.

Puoi visionare una copia della lettera  qui .

Nella lettera, Türk ha affermato che stava scrivendo con “preoccupazione e apprensione per la nostra piazza pubblica digitale e il ruolo di Twitter in essa”.

Türk ha anche affermato che è necessario monitorare l’incitamento all’odio e la disinformazione, osservando che la libertà di parola non dovrebbe essere un “pass gratuito”.

Come tutte le aziende, Twitter deve comprendere i danni associati alla sua piattaforma e adottare misure per affrontarli”, ha scritto Türk.

“Il rispetto dei nostri diritti umani condivisi dovrebbe porre le barriere per l’uso e l’evoluzione della piattaforma. In breve, ti esorto a garantire che i diritti umani siano al centro della gestione di Twitter sotto la tua guida”.

Ha anche affermato che Twitter dovrebbe rispettare i diritti delle persone “nella massima misura possibile secondo le leggi applicabili” e pubblicare rapporti sulla trasparenza su pressione del governo che deve preoccuparsi per i diritti delle persone.

Il funzionario delle Nazioni Unite ha anche messo in guardia contro la cosiddetta disinformazione e incitamento all’odio.

“Twitter ha la responsabilità di evitare di amplificare i contenuti che si traducono in danni ai diritti delle persone”, ha affermato Türk. “Non c’è posto per l’odio che incita a discriminazione, ostilità o violenza su Twitter.

“L’incitamento all’odio si è diffuso a macchia d’olio sui social media… con conseguenze orribili e pericolose per la vita”.

Al contrario, la diffusione virale della disinformazione dannosa, come quella che abbiamo visto durante la pandemia di COVID-19 in relazione ai vaccini, provoca danni nel mondo reale. Twitter ha la responsabilità di evitare di amplificare i contenuti che si traducono in danni ai diritti delle persone”, ha affermato l’alto commissario.

Alla luce della deriva autoritaria che stanno prendendo proprio le istituzioni occidentali nel mondo, Musk lancia un appello

Probabilmente resosi conto della deriva autoritaria che sta prendendo piede nel mondo , alla vigilia delle MIDTERM, Elon Musk ha invitato a votare per i repubblicani, che attualmente sono in maggioranza ‘trumpisti’.

“Agli elettori indipendenti: La condivisione del potere frena i peggiori eccessi di entrambi i partiti, pertanto consiglio di votare per un Congresso repubblicano, dato che la Presidenza è democratica. I democratici o i repubblicani duri e puri non votano mai per l’altro partito, quindi alla fine sono gli elettori indipendenti quelli che decidono effettivamente chi comanda!”

L’uomo più ricco del mondo probabilmente non si farà nuovi amici tra i media mainstream dopo aver esortato gli “elettori dalla mente indipendente” di votare per la formazione di un Congresso repubblicano che garantisca un controllo sulle politiche estreme da qualunque esse provengano.

VPNews

Exit mobile version