Nella capitale Ucraina attacchi di precisione russi distruggono la fabbrica di missili Artyom

L'escalation per i due attacchi ucraini alle piattaforme petrolifere russe nel mar Nero e per l'invio da parte degli USA di lanciamissili multipli HIMARS a lunga gittata

Colpiti obiettivi a Kiev, i missili di precisioni lanciati dal Mar Caspio.

“Stamattina Kiev è stata lanciato un attacco missilistico da aerei Tu-95 e Tu-160 con missili Kh101, che possono volare a una distanza fino a 5.500.000 km. I bombardieri sono decollati da Astrakhan. I missili sono stati lanciati sul Mar Caspio”, ha affermato Yury Ignat, portavoce del comando dell’aeronautica militare ucraina.

Secondo quanto comunicato dal Ministero della Difesa della Federazione russa, l’attacco è stato effettuato domenica con quattro missili ad alta precisione, che hanno tutti raggiunto l’impianto di produzione di razzi Artyom, situato nel distretto di Shevchenkovskiy a Kiev, senza danneggiare le infrastrutture civili della città, riferisce il ministero.

Secondo quanto riferito, le autorità di Kiev hanno cercato di intercettare i missili russi ad alta precisione utilizzando armi antiaeree di stanza in giro per la città, inclusi i sistemi missilistici antiaerei S-300 e Buk M1, che secondo quanto riferito hanno lanciato 10 razzi durante l’attacco.

Il ministero ha anche comunicato che a causa dell’apparente mancanza di comunicazione tra i sistemi di difesa antiaerei situati in città, due razzi S-300 sono stati abbattuti da Buks ucraini, uno dei quali è caduto su un edificio residenziale.

L’edificio residenziale è un edificio di 9 piani nel quartiere Shevchenkovsky della capitale. La parte ucraina afferma che è stato distrutto da un razzo russo la mattina del 26 giugno. L’unica vittima è una donna di 38 anni, cittadina della Federazione Russa.

L’escalation era stata preavvisata dopo l’attacco ucraino alle piattaforme petrolifere russe nel mar Nero e ad una raffineria in territorio russo. Inoltre, cominciano ad affluire in Ucraina gli HIMARS USA. Il Cremlino aveva preannunciato che se questo sarebbe accaduto, gli obiettivi da colpire si sarebbero ampliati. Quindi è plausibile che ci saranno più attacchi missilistici nel prossimo futuro.

Ovviamente, ciò che passa dai media sono minuziosi reportage degli effetti del bombardamento russo su Kiev, quasi esclusivamente dal lato delle perdite umane (comunque), molto limitate rispetto all’entità dell’attacco. Per contro, si registra l’assoluta assenza di informazioni circa gli effetti dei bombardamenti ucraini su obiettivi civili nella città di Donetsk delle ultime settimane, questi non registrati dai media occidentali.

Conseguenze dell’attacco missilistico a Kremenchuk

Il vice capo dell’ufficio del presidente dell’Ucraina Kyrylo Tymoshenko ha annunciato le prime informazioni sui morti e sui feriti a seguito di un attacco missilistico (https://t.me/rybar/34465) a Kremenchuk, nella regione di Poltava.

▪️Secondo le prime informazioni, due persone sono morte, 20 persone sono rimaste ferite (9 di loro sono in gravi condizioni). Forse il numero delle vittime aumenterà.

▪️ Si vedono un numero enorme di militari, da un lato, si spiega con il fatto che sul posto è arrivata la squadra di turno della Guardia Nazionale. D’altra parte, i soldati ucraini che corrono avanti e indietro con mitragliatrici e zaini.

Ma c’è una sfumatura piuttosto importante.

A giudicare dalla natura della distruzione e dalla direzione dell’incendio, la fonte dell’incendio (vedi qui) si trovava dietro l’edificio: il centro commerciale “Amstor” è stato semplicemente coinvolto accidentalmente dalla potente esplosione.

Infatti, a soli 90 metri dal supermercato si trova l’officina dello stabilimento di macchine stradali di Kremenchug. Dal 2014 lo stabilimento si occupa della riparazione di apparecchiature (https://poltavainfo.com/2014-ottobre-20-poltava-news-03.html) per conto dell’esercito ucraino (ATO). La ferrovia conduce direttamente dentro questa officina, il che rende questa struttura adatta a svolgere compiti strategici per il ripristino di attrezzature militari.

Un articolo del 20 ottobre 2014 riportava:

Tre mezzi corazzati per il trasporto di personale riparati sono stati consegnati all’esercito dalla 92a brigata meccanizzata dai lavoratori dello stabilimento di Kremenchug di macchine stradali “Kredmash”.

Il missile con un enorme grado di probabilità ha colpito l’officina Kredmash. E le esplosioni hanno coinvolto una larga area.
(https://t.me/rus_demiurge/28456)

Kremenchuk, “Standard dei 200 metri” e il Tribunale dell’Aia

Un’altra fonte Telegram osserva che il Tribunale dell’Aja considera convenzionalmente legittima la distruzione –  non intenzionale – di obiettivi civili dentro 200 metri dagli obiettivi militari.  Con il supporto di questa tesi vengono presentate due foto satellitari. La prima foto mostra che lo “spazio legittimo” si trova entro i 200 metri: 100 metri dall’impianto militare di Artem o a 187 metri dall’officina 27, che produce missili aria-aria. Il supermercato era a 90 metri circa.


Foto n° 2: la stessa fonte osserva che il fatto che i residenti vivano a 200 metri da una struttura militare è responsabilità di Kiev, che dispone di strutture militari nelle aree residenziali, per giunta in tempo di guerra.

Qui si vede bene il quadro di insieme

La stessa fonte precisa che l’incendio nel centro commerciale Atrium è scoppiato dopo che un razzo ha colpito la fabbrica di macchine stradali a Kremenchug.
Da notare che appena dietro il centro commerciale c’era un parcheggio di equipaggiamento militare.

L’altra faccia nascosta della luna: il Donbass

A seguito dei bombardamenti da parte delle forze armate ucraine ieri nella Repubblica popolare di Kremennaya Lugansk, una donna è stata uccisa e tre civili sono rimasti feriti. Inoltre, secondo l’ufficio di rappresentanza della LPR presso il Centro congiunto per il controllo e il coordinamento del cessate il fuoco, 10 edifici residenziali e 23 garage sono stati danneggiati a seguito dei bombardamenti a Stakhanov.

Ho offerto qui qualche approfondimento utile: questo non è appoggiare o giustificare la guerra. Ma la verità dei fatti deve essere rispettata, guerra o non guerra. Sempre.

VPNews

******

AGGIORNAMENTO:

Mentre Kiev si è affrettata ad accusare Mosca di aver attaccato deliberatamente il centro commerciale stesso, l’esercito russo ha affermato di aver preso di mira una scorta di armi fornite dall’Occidente nei locali dello stabilimento di Kredmash. Le esplosioni secondarie delle armi distrutte hanno innescato un incendio che si è diffuso al centro commerciale, ha detto l’esercito russo.

 

Exit mobile version