Negli USA ‘NewsGuard’ metterà un bollino rosso ai media alternativi

Un articolo a firma Whitney Webb pubblicato su Activistpost rivela che poco dopo “l’epurazione dei social media di siti e pagine di media indipendenti avvenuta lo scorso ottobre, un supporter neoconservatore – Jamie Fly –  ha dichiarato che la cancellazione di massa di pagine anti-establishment e anti-guerre su Facebook e Twitter era “solo l’inizio” di uno sforzo concertato del governo degli Stati Uniti e delle potenti corporazioni per mettere a tacere il dissenso online negli Stati Uniti e altrove“.

Dopo questo inquietante avvertimento, ‘sembra che i neoconservatori e altri sostenitori del complesso militare-industriale e dell’oligarchia statunitense  ora siano pronti a scatenare la loro ultima offensiva digitale contro i media indipendenti che cercano di denunciare illeciti sia nel settore privato che in quello pubblico”.

Il nuovo inasprimento del controllo statale sull’informazione,  avverrà tramite  il progettoNewsGuard‘. Con l’implementazione di questo progetto, ‘diventerà presto quasi impossibile evitare questo sistema di classificazione dei siti di notizie approvate dai neocon su qualsiasi dispositivo tecnologico venduto negli Stati Uniti. Peggio ancora, se questi sforzi per fermare le voci dissenzienti negli Stati Uniti avranno successo, NewsGuard promette che la  prossima mossa sarà quella di portare il proprio sistema a livello globale’.

I maggiori media mainstream (Washington Post,  Hill , Boston Globe, Politico, Bloomberg, Wired e molti altri ) hanno raffigurato NewsGuard che si basa sulle regole del  “giornalismo della vecchia scuola” per combattere “notizie false” ed il suo compito è separare le notizie online come si separa il grano dalla zizzania. In sostanza, NewsGuard separa i siti che ritiene ‘meritevoli’ e i siti che considera inaffidabili utilizzando una classificazione con codice colore – verde, giallo o rosso – e tramite etichette esplicative più dettagliate mette un voto sulla credibilità di un sito o segnala la sua mancanza corrispondenza.

(…)

Mentre NewsGuard rilascia una nuova valutazione di un sito [tramite un sistema di codifica a colori (vedi foto)], tale valutazione si diffonde automaticamente a tutti i computer che hanno installato il plug-in del browser delle notizie. Questo plug-in è attualmente disponibile gratuitamente per i browser Internet più comunemente usati. NewsGuard vende direttamente il plug-in del browser a biblioteche, scuole e utenti di Internet in generale.

(…)

Un recente studio Gallup, che è stato supportato e finanziato da NewsGuard e dalla Knight Foundation (a sua volta un importante investitore in NewsGuard), ha dichiarato che una valutazione verde aumenta la probabilità degli utenti di condividere e leggere contenuti mentre una valutazione rossa ne riduce la probabilità. In particolare, ha rilevato che il 63 percento sarebbe meno propenso a condividere notizie da siti Web con rating rosso e il 56 percento sarebbe più propenso a condividere notizie da siti Web con rating verde. (…)

Sebbene  NewsGuard dichiari il progetto  è  disinteressato a combattere la “disinformazione” in realtà il sospetto è quello che farà è censurare fonti di notizie non in quando diffondano effettivamente disinformazione ma che colpisca non perchè lo sia effettivamente ma perchè  controproducente per l’establishement governativo. In questo senso è indicativo che il punteggio più elevato ai siti siti giudicati ‘attendibili’ sia stato assegnato al Washington Post e alla CNN. Ciò nonostante si tratti di media che in molti casi è acclarato  abbiano diffuso storie o fatto dichiarazioni che in seguito si sono rivelate completamente false. Per contro, Russia Today è risultata inattendibile, ma non per le notizie che distribuisce ma perché proprietà del governo russo

(…)

NewsGuard si descrive come un’organizzazione dedicata a “ripristinare la fiducia e la responsabilità” , che usa “il giornalismo per combattere notizie false, disinformazione e disinformazione”(…), ma basta dare una rapida occhiata ai suoi cofondatori, ai principali finanziatori e al comitato consultivo per scoprire esattamente  l’opposto.

I responsabili di NewsGuard

NewsGuard è l’ultima impresa derivata dalla partnership tra Steven Brill e Louis Gordon Crovitz, che attualmente ricoprono il ruolo di co-CEO del gruppo. Brill è un giornalista di lunga data – pubblica articoli sia sul  TIME che su The New Yorker , tra gli altri – che ha recentemente fondato la Yale Journalism Initiative, che mira a incoraggiare gli studenti di Yale che “aspirano a contribuire alla democrazia negli Stati Uniti e in tutto il mondo” e diventare giornalisti presso le principali organizzazioni dei media statunitensi e internazionali. (…)

(..) Crovitz – il suo socio fondatore di Journalism Online , poi Press +, e ora NewsGuard – è l’ultima persona che ci si aspetterebbe di trovare nella promozione di qualsiasi sforzo legittimo per “ripristinare la fiducia e la responsabilità” nel giornalismo. Nei primi anni ’80. Crovitz ha ricoperto un certo numero di incarichi presso Dow Jones e al Wall Street Journal , diventando infine vicepresidente esecutivo del primo ed editore di quest’ultimo prima che entrambi fossero venduti a News Corp di Rupert Murdoch nel 2007. È anche membro del consiglio di amministrazione di Business Insider , che ha ricevuto oltre $ 30 milioni dal proprietario del Washington Post Jeff Bezos negli ultimi anni.

Oltre ad essere un membro del Council on Foreign Relations, Crovitz fa notare con orgoglio nella sua biografia, disponibile sul sito Web di NewsGuard , che è stato un “editor o collaboratore di libri pubblicati dall’American Enterprise Institute e Heritage Foundation. (…) In proposito,  vale la pena sottolineare che l’American Enterprise Institute (AEI) è uno dei think tank neoconservatori più influenti del paese e che i suoi “studiosi”, direttori e borsisti hanno incluse figure neoconservatrici come Paul Wolfowitz, Richard Perle, John Bolton e Frederick Kagan.

Durante l’amministrazione di George W. Bush, l’AEI è stato determinante nel promuovere l’invasione e la successiva occupazione dell’Iraq e da allora ha sostenuto le soluzioni militariste per gli obiettivi di politica estera degli Stati Uniti e l’espansione dell’impero militare degli Stati Uniti e della “Guerra al Terrore”. “Durante gli anni di Bush, l’AEI era anche strettamente associato all’ormai defunta e controverso organizzazione neoconservatrice conosciuta come il Progetto per un nuovo secolo americano (PNAC), che presumibilmente chiamò, quattro anni prima dell’11 settembre, per un” nuovo Pearl Harbor ” come necessario per raccogliere sostegno dietro avventurismo militare americano.

Le associazioni supporter del progetto

La Heritage Foundation, come l’AEI, sosteneva anche la guerra in Iraq e ha spinto per l’espansione della Guerra al Terrore e della difesa missilistica degli Stati Uniti e dell’impero militare. I suoi donatori aziendali nel corso degli anni hanno incluso Procter & Gamble, Chase Manhattan Bank, Dow Chemical e Exxon Mobil, tra gli altri.

Le associazioni di Crovitz con l’AEI e la Heritage Foundation, così come i suoi legami con Wall Street e le alte sfere dei corporate media, sono sufficienti a far dubitare a qualsiasi persona pensante il suo impegno ad essere un leale cane da guardia del “giornalismo legittimo”. innumerevoli connessioni con i neoconservatori e il potente interesse monistico, Crovitz è stato ripetutamente accusato di aver inserito disinformazione nelle sue colonne del Wall Street Journal , con gruppi come la Electronic Frontier Foundation (…) [ed in altre occasioni..] (…)

Mentre le connessioni di Brill e Crovitz da sole dovrebbero essere una causa sufficiente di allarme, un rapido esame del comitato consultivo di NewsGuard chiarisce che NewsGuard è stato creato per servire gli interessi dell’oligarchia americana.

Consiglieri di NewsGuard

Il capo dei consiglieri di NewsGuard è Tom Ridge, il primo segretario della Homeland Security di George W. Bush e Ret. Il generale Michael Hayden, ex direttore della CIA, ex direttore della NSA e preside del Chertoff Group , una società di consulenza sulla sicurezza che “consiglia clienti e governi aziendali, compresi i governi stranieri” su questioni di sicurezza che è stata co-fondata dall’ex segretario alla sicurezza nazionale Michael Chertoff, che attualmente è anche presidente del consiglio dei principali produttori di armi BAE.

Un altro consigliere di rilievo di NewsGuard è Richard Stengel, ex redattore della rivista Time , ” illustre fellow ” presso il Consiglio Atlantico e Sottosegretario di Stato per la diplomazia pubblica sotto il presidente Barack Obama. In una tavola rotonda ospitata lo scorso maggio dal Council on Foreign Relations, Stengel ha descritto la sua precedente posizione presso il Dipartimento di Stato come “capo propagandista” e ha anche dichiarato di non essere contrario alla propaganda. Ogni paese lo fa e deve farlo alla propria popolazione e non penso necessariamente che sia così terribile. 

Altri consiglieri di NewsGuard includono Don Baer, ex direttore delle comunicazioni della Casa Bianca e consulente di Bill Clinton e attuale presidente di PBS e l’influente società di pubbliche relazioni Burson Cohn & Wolfe, nonché Elise Jordan, ex direttore delle comunicazioni per il Consiglio di sicurezza nazionale e ex discorsi. scrittrice per Condoleezza Rice, così come la vedova del giornalista ucciso Michael Hastings – che stava scrivendo un’esposizione sull’ex regista della CIA John Brennan al momento della sua morte sospetta.

I finanziatori di NewsGuard

Uno sguardo agli investitori di NewsGuard illustra ulteriormente le molteplici connessioni tra questa organizzazione e l’élite politica e aziendale americana.

Mentre Brill e Crovitz sono i principali investitori della compagnia, uno dei più importanti investitori di NewsGuard è Publicis Groupe. Publicis è la terza più grande compagnia di comunicazioni globali al mondo, con oltre 80.000 dipendenti in oltre 100 paesi e un fatturato annuo di oltre 9,6 miliardi di euro (10,98 miliardi di dollari) nel 2017. Non è estranea alle polemiche, come una delle sue filiali, Qorvis , recentemente è stato preso di mira per aver sfruttato i veterani statunitensi per volere del governo saudita e ha anche aiutato il governo saudita a ” imbiancare”Il suo record di diritti umani e la sua guerra genocida in Yemen dopo aver ricevuto $ 6 milioni dal Regno del Golfo nel 2017.

Inoltre, date le sue dimensioni e la sua influenza, non sorprende che Publicis Groupe contenga molte potenti società e governi tra i suoi clienti. Alcuni dei suoi principali clienti nel 2018 comprendevano i colossi farmaceutici Eli Lilly, Merck, Pfizer e Bayer / Monsanto, nonché Starbucks, Procter & Gamble, McDonald’s, Kraft Heinz, Burger King e i governi di Australia e Arabia Saudita. Dato il suo ruolo influente nel finanziamento di NewsGuard, è ragionevole sottolineare il potenziale conflitto di interessi posto dal fatto che i siti che riportano accuratamente i potenti clienti di Publicis – ma generano cattiva pubblicità – potrebbero essere presi di mira per tali segnalazioni nella classifica di NewsGuard.

Oltre al Publicis Groupe, un altro importante investitore di NewsGuard è Blue Haven Initiative, il fondo di investimento “impact impact” della ricca famiglia Pritzker – una delle 10 famiglie più ricche degli Stati Uniti, meglio conosciute come i proprietari della catena Hyatt Hotel e per essere il secondo maggior finanziatore della campagna presidenziale di Hillary Clinton del 2016.
Tra gli altri investitori principali ricordiamo John McCarter , un ex dirigente del governo americano Booz Allen Hamilton, Thomas Glocer , ex CEO di Reuters e membro dei consigli di amministrazione del colosso farmaceutico Merck & Co., il colosso finanziario Morgan Stanley, e il Council on Foreign Relations, nonché membro del comitato consultivo internazionale del Consiglio Atlantico.

Attraverso questi investitori, NewsGuard è riuscita a raccogliere 6 milioni di dollari per iniziare gli sforzi ‘di classifica’ [delle notizie] nel marzo 2018. (…)

L’installazione di NewsGuard diventerà quasi inevitabile

Anche se solo una rapida occhiata al suo comitato consultivo sarebbe sufficiente per molti americani a rifiutarsi di installare l’estensione del browser di NewsGuard sui loro dispositivi, il pericolo di NewsGuard è il fatto che sta lavorando diligentemente per rendere involontaria l’adozione della sua app .(…)

Per illustrare la sua strategia slip-it-under-the-radar, NewsGuard è andato direttamente ai governi degli stati  e si provvede che presto il sistema sarà implementato involontariamente, grazie a grandi partner .

Infatti, NewsGuard “ora lavora con i sistemi bibliotecari che rappresentano biblioteche pubbliche in tutto il paese, e sta anche collaborando con scuole medie, scuole superiori, università e organizzazioni educative per supportare i loro sforzi di alfabetizzazione”, suggerendo che questi servizi di NewsGuard indirizzano le biblioteche e le scuole diventeranno presto una componente obbligatoria della biblioteca e del sistema educativo americano, nonostante i lampanti conflitti di interesse di NewsGuard con massicce corporazioni multinazionali e potenti intermediari del governo.

In particolare, NewsGuard ha un potente partner che gli ha permesso di iniziare a trovare la sua strada nei computer della biblioteca pubblica e della scuola in tutto il paese. Come parte della sua nuova iniziativa “Defending Democracy”, Microsoft ha annunciato lo scorso agosto che collaborerà con NewsGuard per commercializzare attivamente l’app di classificazione della società e altri servizi per biblioteche e scuole in tutto il paese. Il comunicato stampa di Microsoft relativo alla partnership afferma che Newsguard “darà potere agli elettori fornendo loro informazioni di alta qualità sull’integrità e la trasparenza dei siti di notizie online”.


Da allora, Microsoft ha ora aggiunto l’app NewsGuard come funzionalità integrata di Microsoft Edge, il suo browser per dispositivi mobili iOS e Android, ed è improbabile che si fermi qui. In effetti, come ha osservato un recente rapporto a favore della partnership di Microsoft con Newsguard, “potremmo sperare che questa nuova partnership consenta a Microsoft di aggiungere NewsGuard a Edge anche su Windows 10 [sistema operativo per computer]”.

NewsGuard, da parte sua, sembra fiducioso che la sua app verrà presto aggiunta per impostazione predefinita a tutti i dispositivi mobili.

Sul suo sito web, l’organizzazione nota che “NewsGuard sarà disponibile sui dispositivi mobili quando le piattaforme digitali come siti di social media e motori di ricerca o sistemi operativi mobili aggiungeranno direttamente le nostre valutazioni e etichette nutrizionali.” Questo dimostra che Newsguard non si aspetta il suo i sistemi di rating possono essere offerti come un’applicazione scaricabile per dispositivi mobili, ma qualcosa che i siti di social media come Facebook, motori di ricerca come Google e sistemi operativi per dispositivi mobili dominati da Apple e Google si integreranno “direttamente” in quasi tutti gli smartphone e tablet venduti negli Stati Uniti.

Un articolo del Boston Globe su NewsGuard dello scorso ottobre rende questo piano ancora più chiaro. The Globe ha scritto al momento:
Microsoft ha già accettato di rendere NewsGuard una funzionalità integrata nei prodotti futuri, e [il co-CEO di Newsguard] Brill ha dichiarato di essere in trattativa con altri titani online. L’obiettivo è far funzionare NewsGuard di default sui nostri computer e telefoni ogni volta che scansioniamo il Web per avere notizie. “

Questa eventualità è resa ancora più probabile dal fatto che, oltre a Microsoft, NewsGuard è anche strettamente connesso a Google, dal momento che Google è partner del Gruppo Publicis dal 2014 , quando le due massicce compagnie si sono unite a Condé Nast per creare un nuovo servizio di marketing chiamato La Maison che è “incentrato sulla produzione di contenuti coinvolgenti per gli operatori di marketing nello spazio di lusso.” Dato il potere di Google nella sfera digitale come motore di ricerca dominante, il creatore del sistema operativo mobile Android e il proprietario di YouTube, la sua partnership con Publicis significa che il sistema di rating di NewsGuard sarà presto promosso da un’altra delle più potenti compagnie della Silicon Valley.

Inoltre, è in corso uno sforzo per integrare NewsGuard nei siti di social media come Facebook e Twitter. In effetti, quando è stato lanciato NewsGuard, il co-CEO Brill ha dichiarato di aver pianificato di vendere le valutazioni della compagnia sui siti di notizie su Facebook e Twitter. Lo scorso marzo, Brill ha detto alla CNN che “Stiamo chiedendo a loro [Facebook, Twitter, Microsoft e Google] di pagare una piccola parte di ciò che pagano ai propri PR e ai loro lobbisti per parlare del problema”.

Per l’accettazione del sistema, le majority dei social proporranno un sondaggio ai loro utenti.

Poi successivamente, con la fiducia in Facebook e la censura su Facebook di media indipendenti già avviati, i risultati di questo sondaggio potrebbero essere utilizzati per giustificare lintegrazione di NEWSGUARD nella piattaforma di Facebook. (…)

Altra strategia: discriminare i siti fastidiosi che si reggono sulle entrate online

Un altro servizio NewsGuard mostra che questa organizzazione sta anche cercando di danneggiare finanziariamente i media indipendenti puntando alle entrate online. Attraverso un servizio chiamato “BrandGuard”, che descrive come uno “strumento di sicurezza del marchio volto ad aiutare gli inserzionisti a tenere i loro marchi fuori da notizie e siti di informazione inaffidabili dando loro la sicurezza necessaria per supportare migliaia di Green-rated [ie, NewsGuard- approvato] siti di notizie e informazioni, grandi e piccoli “.

(…)

È anche importante notare che la connessione di Google a Publicis e quindi a NewsGuard potrebbe significare problemi per le pagine di notizie indipendenti che si basano su Google AdSense per alcune o tutte le entrate basate sugli annunci. Google AdSense ha da tempo indirizzato siti come MintPress demonetizzando articoli per informazioni o fotografie ritenute controverse, tra cui demonetizzando un articolo per includere una foto che mostrava soldati statunitensi coinvolti nella tortura di detenuti iracheni nella famigerata prigione di Abu Ghraib.

Da allora, Google – un appaltatore militare americano – ha ripetutamente tentato di bloccare l’ accesso agli articoli di MintPress che prevedono rapporti critici sull’impero e sull’espansione militare degli Stati Uniti. Un articolo che è stato ripetutamente segnalato da Google indica quanti afroamericani hanno messo in dubbio che la Marcia delle donne abbia aiutato o danneggiato il progresso degli afro-americani negli Stati Uniti. Google ha ripetutamente affermato che l’articolo, scritto dall’autore afro-americano e dall’ex capo ufficio di Washington Post Jon Jeter, contiene “contenuti pericolosi”.

Considerata la pratica già consolidata di Google di effettuare il targeting dei rapporti fattuali ritenuti controversi tramite AdSense, Brandguard probabilmente offrirà al gigante della tecnologia solo la scusa di cui ha bisogno per tagliare siti come MintPress e altre pagine altrettanto critiche dell’impero, del tutto. (…)

  • nota:l’articolo completo in inglese è pubblicato su Activist Post
  • corsivo: citazione

JOIN THE DISCUSSION

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.