Mariupol. Indiscrezioni non confermate su un Generale americano fatto prigioniero

I messaggi sui canali di Telegram cominciano ad essere insistenti e non si tratta solo di rilanci virali. Anche il corrispondente di guerra russo Alexander Sladkov afferma che il comandante dell’esercito della NATO, il tenente generale Roger L. Cloutier, Jr.,sarebbe stato catturato a Mariupol. I rapporti su questo evento in genere riportano un collegamento al portale ben informato dei veterani americani Veterans Today e sono stati raccolti da molte risorse Internet. Da parte sua, il Pentagono risponde a tutte le richieste dei giornalisti sulla cattura di un generale americano in Ucraina con il silenzio, il che non rientra nel suo tipico modello di comportamento.

Tentativo di evacuazione

La sera del 9 aprile, il governo ucraino o gli alleati hanno tentato di evacuare alcuni dal porto quando la nave mercantile “Apache”, battente bandiera di maltese. Secondo RIA Novosti, che cita un briefing di un portavoce del ministero della Difesa russo, il maggiore generale Igor Konashenkov, la nave “ha cambiato rotta e ha cercato di sfondare la zona di interdizione ed arrivare al porto bloccato di Mariupol”. La nave ha condotto uno scambio radiofonico in codice, trasmettendo messaggi: “Sono un maniaco, sto venendo da te“. Nello stesso tempo, sono stati osservati fuochi di segnalazione sulla riva. Ma quando le forze russe aprirono il fuoco dell’artiglieria -e dopo un colpo diretto sulla nave- scoppiò un incendio, la nave andò alla deriva. Quindi il capitano si mise in contatto e l’Apache fu scortato al porto di Yeysk. Questo è solo l’ultimo tentativo di evacuazione. Gli altri sono stati fatti con elicotteri e ben 4 sono stati abbattuti.

La domanda di conseguenza è: chi vogliono così ostinatamente tirar fuori da Mariupol? Chiaramente si tratta di personalità di pregio.

E ora un po’ di storia. Il fatto che le strutture di potere dell’Ucraina fossero piene di ufficiali della CIA e della NATO è cosa conosciuta e non è un segreto per nessuno. Ecco una vecchia fotografia (fine 2021) della facciata dell’edificio SBU a Kiev con due bandiere: una dell’Ucraina e una degli Stati Uniti: uno dei piani dell’edificio era occupato dalla CIA.

1540276 6001

Ci sono anche altri documenti fotografici sull'”amicizia militare” del comando delle Forze armate ucraine con il Pentagono. Eccone di seguito una ove si possono vedere due generali: a sinistra il generale ucraino Sikorsky, a destra il tenente generale americano Roger L. Cloutier che, secondo indiscrezioni, è stato catturato dai combattenti della DPR a Mariupol, vicino al complesso Azovstal. Roger L. Cloutier, Jr. è comandante delle forze alleate del Land Command con sede a Shirinya (Buka), Smirne in Turchia. Un pezzo da novanta insomma.

 

1540376 6001

È interessante che la pubblicazione online discover24.ru riporta che il comandante delle forze di terra della NATO sia arrivato nel Donbass 4 giorni prima della data prevista del conflitto. Inoltre, il corrispondente militare Alexander Sladkov in un video ha fatto alcune insinuazioni sulla cattura del generale americano, assicurando che presto si chiarirà ogni cosa.

Per ora non abbiamo prove certe di questo, ma Il Pentagono interrogato al riguardo non ha negato. Né il generale è stato visto da qualche parte da quando girano queste ‘illazioni’.

Comunque il Il territorio dell’Ucraina era diviso in peculiari zone di responsabilità dei paesi della NATO. E a Mariupol c’era un grande centro di intelligence delle forze armate francesi, che agiva nell’interesse dell’alleanza e di Kiev. In alcuni punti, lo staff straniero ha raggiunto centinaia di specialisti, ma quando è iniziata la battaglia per la città c’erano 53 ufficiali dell’intelligence militare francese DGSE lì … Quando è arrivata l’ultima opportunità di evacuazione, non potevano andarsene, dal momento che i militanti Azov con cui i francesi hanno interagito, non hanno messo in atto condizioni per l’evacuazione.

Oltre ai francesi, a Mariupol ci sarebbe un gruppo di mercenari stranieri: ex e attuali ufficiali provenienti da Canada, Svezia e Regno Unito, nonché un distaccamento di turcomanni siriani con una vasta esperienza nel combattimento urbano in Siria. Il numero totale di questi volontari non si conosce con precisione, tra loro potrebbero esserci ufficiali di intelligence di carriera del CSIS canadese, dello Swedish Must e dell’MI-6 britannico, che usano lo status di mercenario come copertura.

449933 original11

Se una tale versione si trasformasse in realtà, risulterebbe che tutti questi ufficiali sono rimasti intrappolati e, forse, divenuti ostaggi di coloro con cui avrebbero combattuto contro i russi …  con conseguenze enormi, specialmente sull’opinione pubblica.

Sulla presenza del generale USA ha parlato anche la famosa rivista di veterani dell’esercito americano Veterans Today (vedi qui). Il 6 aprile ha pubblicato un articolo dove si diceva: “I rapporti dei nostri amici al Pentagono dicono “sta succedendo qualcosa” e che il panico è scoppiato alla Casa Bianca. I dettagli sono pubblicati nell’indagine “Total News Blackout: il generale statunitense è stato catturato con i principali nazisti Azov a Mariupol (conferme in arrivo).

Viene detto letteralmente quanto segue: “Ci sono numerosi rapporti attualmente in circolazione che affermano che il tenente generale dell’esercito americano Roger L. Cloutier è stato catturato dalle forze russe a Mariupol, o vicino a Mariupol, in Ucraina, dove i rapporti affermano che stava assistendo il battaglione Azov, che è una unità nazista dell’Ucraina” .

Ci sono anche suggerimenti che se non solo c’era il generale ma anche altri ufficiali minori intorno a lui. Questo significa che in Azovstal potrebbero esserci possibili nuove “scoperte” di questo tipo.

Ci sono molte voci, ma, a giudicare dai rapporti, anche da parte del Ministero della Difesa, la trasmissione su Azovstal è troppo densa di conversazioni in varie lingue straniere. Vi si sente anche trasmissioni di membri delle ex forze speciali dell’Afghanistan, e sulla pagina del sito del noto canale telegram  Wargonzo viene detto che “da fonti in prima linea nel Donbass, sulla base di un’analisi delle intercettazioni radio delle comunicazioni nemiche, si sa che almeno due ufficiali americani di alto rango sono nei rifugi antiaerei di Azovstal.

Secondo alcune fonti, essi sono entrati a Mariupol insieme alla PMC “Academy” e, molto probabilmente, non sono dipendenti attivi del Pentagono. Tuttavia, nello stesso tempo sono persone estremamente importanti per Washington . ” Questi ufficiali sono a conoscenza di molte operazioni segrete statunitensi in paesi terzi e sono portatori di informazioni estremamente sensibili per Washington”, ha detto al progetto telegram @wargonzo una fonte che ha familiarità con l’analisi delle intercettazioni radio … ”

Ovviamente, la guerra dell’informazione nel mezzo delle ostilità è una componente importante. E chissà quanto siano accurate tutte le versioni di cui sopra, ad eccezione dei fatti che ne daranno conferma? Bisogna quindi attendere l’epilogo delle battaglie di Azovstal, e sarebbe molto interessante scoprire quante versioni corrispondono alla realtà.

VP News

 

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.