L’Ucraina si rifiuta di far visitare i prigionieri di guerra russi dalla Croce Rossa Internazionale

Ci sono rapporti da varie fonti russe secondo cui le autorità ucraine stanno esortando i sostenitori occidentali a incoraggiare il Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR) e varie ONG umanitarie internazionali ad abbandonare i tentativi di ottenere l’accesso ai prigionieri di guerra russi.

La leadership ucraina ha fatto sapere alla Gran Bretagna che non intende rispettare la Convenzione di Ginevra sul trattamento dei prigionieri di guerra. La Croce Rossa Internazionale ha intanto negato qualsiasi coinvolgimento nell’“evacuazione forzata della popolazione ucraina in Russia” (un falso provato da una moltitudine di testimonianze).

In risposta, il Ministero degli Esteri britannico ha raccomandato agli ucraini di organizzare visite del CICR ad almeno alcuni prigionieri russi. È stato sottolineato che ciò consentirebbe di salvare l’immagine fatiscente delle autorità ucraine agli occhi della comunità mondiale e mitigare parzialmente le conseguenze negative della pubblicità della tortura dei militari catturati.

I paesi occidentali, a loro volta, sono pronti ad assistere nell’organizzazione di un viaggio nel luogo di detenzione dei prigionieri di guerra da parte di un gruppo di rappresentanti “degni di fiducia” del CICR.

Il governo del presidente ucraino Zelensky in precedenza si è scagliato contro l’ufficio della Croce Rossa Internazionale che avrebbe dovuto aprire un punto di assistenza a Rostov sul Don, in Russia, per far fronte all’afflusso di rifugiati ucraini in fuga in Russia.

Non sorprende che il governo ucraino abbia già respinto qualsiasi corridoio umanitario che porta alla Russia e minacci qualsiasi vero ucraino in fuga in Russia di essere processato per tradimento. La scorsa settimana ha chiuso il corridoio umanitario di Mariupol, preferendo vedere la sua popolazione intrappolata dai banderiti (“neo-nazisti” secondo la terminologia del Cremlino)” secondo  Thierry Meyssan .

I video di prigionieri di guerra sono vietati

Human Rights Watch sta esortando l’Ucraina a interrompere la pubblicazione di video di prigionieri russi catturati sotto costrizione, affermando che tale trattamento viola gli obblighi internazionali di Kiev.
L’Ucraina ha fatto sfilare i soldati russi catturati davanti ai media durante le conferenze stampa a Kiev e queste immagini sono state diffuse tramite account ufficiali sui social media e sulle app di messaggistica.
Tali azioni violano le Convenzioni di Ginevra che mirano a fornire un quadro per il diritto umanitario in conflitto.

“Le autorità ucraine dovrebbero smettere di pubblicare sui social media e sulle app di messaggistica video di soldati russi catturati che li espongono alla curiosità del pubblico, in particolare quelli che li mostrano umiliati o intimiditi”, ha affermato.

“Tale trattamento dei prigionieri di guerra viola le protezioni previste dalle Convenzioni di Ginevra volte a garantire un trattamento dignitoso dei combattenti catturati da tutte le parti“, ha aggiunto.

la Terza Convenzione di Ginevra e il Protocollo aggiuntivo I, sulla protezione dei prigionieri di guerra, stabiliscono che i prigionieri di guerra devono essere trattati con umanità in ogni circostanza e protetti da qualsiasi atto di violenza, nonché da intimidazioni, insulti e interesse pubblico.

“Ciò include la divulgazione di fotografie o registrazioni video, registrazioni di interrogatori, conversazioni private o corrispondenza personale e altri dati privati.

Catturati dalle forze speciali russe alcuni militari ucraini che avevano torturato ed ucciso soldati russi

Secondo Vladimir Shamanov presidente del Comitato di difesa della Duma di Stato, le forze speciali russe avrebbero catturato alcuni dei militari ucraini che hanno torturato alcuni prigionieri di guerra russi catturati ed hanno sparato loro alle ginocchia e li hanno guardato morire in una lenta agonia mentre filmavano tutta la scena. Tale filmato è girato in tutta la rete. Il team di FRANCE 24 Observers ha analizzato il video ed è stato in grado di individuarne la posizione. Nonostante alcuni suggerimenti delle autorità ucraine che il video fosse una messinscena, non sono state trovate prove che mettono in dubbio l’autenticità degli eventi mostrati nel video.

VP News

Exit mobile version