Lo speaker della camera USA McCarthy è stato rimosso

Il presidente Kevin McCarthy è stato rimosso dalla sua carica di Speaker della Camera, segnando un evento senza precedenti nella storia degli Stati Uniti in cui un presidente è stato estromesso attraverso un voto altamente divisivo della Camera dei Rappresentanti. McCarthy aveva ricoperto uno dei ruoli di maggior prestigio nel governo degli Stati Uniti come Presidente della Camera, ma ha dovuto affrontare una mozione di sfiducia che alla fine ha ottenuto l’approvazione della Camera. Questo ha rappresentato un momento storico, poiché è stata la prima volta che un Presidente della Camera è stato rimosso dalla sua posizione.

La votazione ha lasciato vacante il ruolo di Speaker con un risultato di 216-210 a sfavore di McCarthy. Questo voto sembra essere stato influenzato dalle crescenti tensioni all’interno del Partito Repubblicano, in particolare tra le fazioni che sono rimaste fedeli all’ex presidente Donald Trump. Infatti è da notare che l’iniziativa della mozione è stata presa da Matt Gaetz, un sostenitore di Trump fin dalla prima ora: appoggiò Trump nel 2016 e non lo ha più abbandonato.

Il Fatto Quotidiano dice “Un tentativo andato in porto per il trumpiano, che ha deciso di arrivare alla resa dei conti con l’establishment repubblicano per dettare la linea nel Grand Old Party [Il “Grand Old Party” (GOP) è un soprannome del Partito Repubblicano degli Stati Uniti . ndr VPNews]. Una vittoria che conferma la presa dell’ex presidente sul partito. Sono bastati 8 deputati Gop per far venire meno a McCarthy la sua risicata maggioranza, dato che i dem non gli hanno offerto nessun aiuto: il voto è finito con 216 sì e 210 no. ”

McCarthy aveva promesso di attuare diverse politiche per soddisfare l’ala del partito identificata con il movimento MAGA*, inclusa la pubblicazione di tutte le registrazioni delle proteste avvenute il 11 gennaio al Congresso.

C’è speculazione sul fatto che la destituzione di McCarthy potrebbe avere conseguenze per il finanziamento dell’Ucraina.

McCarthy è noto per le sue abilità nella politica e nelle negoziazioni, sia con i democratici che con i repubblicani. Nel corso della sua carriera politica, ha spesso enfatizzato la sua capacità di risolvere i problemi e di negoziare con i democratici. Tuttavia, è proprio questa sua predisposizione al compromesso che potrebbe aver contribuito alla sua rimozione dalla carica, nonostante le sue affermazioni contrarie, sostenendo che si tratta di manovre di alleati dei democratici.

La possibile ragione della rimozione di McCarthy potrebbe essere dovuta a un accordo con Biden per temporaneamente sospendere i finanziamenti all’Ucraina al fine di placare i sostenitori di Trump, con l’intenzione di ripristinarli in seguito.

Le prospettive per il futuro degli aiuti all’Ucraina appaiono incerte, al meglio, dopo che Biden ha approvato un disegno di legge per finanziare le operazioni governative americane fino a metà novembre. Questo atto ha ignorato la richiesta di miliardi di fondi aggiuntivi per Kiev avanzata da Biden alla fine di agosto. Tanto il presidente quanto i leader democratici del Congresso avevano indicato dopo il voto che si attendevano che Kevin McCarthy, ex presidente della Camera, mantenesse il suo impegno pubblico per sostenere gli aiuti all’Ucraina, nonostante la resistenza repubblicana in corso.

Biden ha insinuato che aveva un accordo con McCarthy per spostare gli aiuti all’Ucraina una volta che il governo avesse ricevuto il finanziamento necessario. Tuttavia, McCarthy ha negato questa affermazione, e la Casa Bianca ha evitato di fornire ulteriori dettagli sulle osservazioni del presidente. Nel frattempo, nel corso del weekend, McCarthy ha manifestato il suo sostegno all’idea di collegare i nuovi finanziamenti per l’Ucraina a miglioramenti nella sicurezza al confine tra gli Stati Uniti e il Messico. Il portavoce Kirby ha dichiarato martedì che la Casa Bianca sostiene entrambe le questioni in base ai loro meriti, ma le considera come temi separati.

La dichiarazione di McCarthy è controversa in quanto alcuni commentatori lo accusano di aver sostenuto che il risparmio fiscale fosse stato utilizzato dalle grandi aziende per ostacolare la presidenza di Trump. Inoltre, ci sono accuse secondo cui gli accordi con Israele sarebbero stati una truffa orchestrata dalla lobby israeliana, coinvolgendo la corruzione dei leader arabi con miliardi di dollari dei contribuenti statunitensi e la fornitura di armamenti ad alta tecnologia per facilitare la normalizzazione delle relazioni con Israele.

**

NOTA: l’acronimo MAGA ovvero “Make America Great Again”, è uno slogan utilizzato nella politica statunitense, reso popolare da Donald Trump nella sua campagna elettorale presidenziale del 2016.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.