La Terza guerra mondiale

Con i nuovi sistemi HIMARS e armi sempre più sofisticate, capaci di raggiungere le città interne della Russia e, soprattutto la Crimea, il rischio di una improvvisa escalation nucleare è quantomai reale. Spaventa il fatto che i nostri media siano invece alle prese con la ridicola crisi interna italiana combattuta tra vari partiti di venduti. Intanto la corruzione è dilagante. mentre le stesse istituzioni – senza più alcuna sovranità o desiderio di bene comune -, non rappresentano più le aspirazioni dei cittadini e la vita reale della gente.

Il testo che propongo è uno scenario presentato su Agoravox da Elric Menescire . Mi è sembrato una ipotesi purtroppo non aliena, in cui tutti gli elementi si stanno allineando.

Terza Guerra Mondiale – di Elric Menescire – giovedì 21 luglio

Consegne “ per la pace ” _ _

Gli ultimi sistemi Himars – lanciarazzi multipli di fabbricazione americana ad alta precisione – sono stati consegnati all’esercito ucraino all’inizio di agosto 2022.
Questo è stato presentato dalla stampa europea come “un altro passo verso la fine del conflitto“. L’espressa condizione del loro impiego era “non usarli per colpire il territorio russo”. Il presidente Zélensky, tra due sessioni di talassoterapia nel suo rifugio di campagna in Polonia, l’ha certificato lui stesso al “creepy Joe” Biden.

Ma il governo ucraino aveva anche dichiarato pubblicamente, a più riprese, che la Crimea era stata “annessa illegalmente” e che la considerava ancora “parte del territorio nazionale”. E, di fatto, la comunità internazionale non ha riconosciuto la Crimea come territorio russo, anche se è stata la Russia a gestirla.

I missili anti-nave Harpoon erano già stati consegnati nel giugno 2022. Già a luglio il ministero della Difesa ucraino aveva affermato, attraverso la voce del suo ministro, che avrebbe “affondato l’intera flotta russa con questi missili nel mar Nero ”. Questi missili, infatti, con la loro gittata di 300 chilometri, costituivano una seria minaccia per la flotta russa, una minaccia che aveva già sperimentato dopo la perdita della sua ammiraglia, la Moskva, affondata da due missili Neptune molto meno efficienti degli Harpoon.
 Alcuni esperti avevano già allertato, invano, sulla vulnerabilità della flotta russa nel Mar Nero, che dispone solo di due fregate antimissilistiche in grado di contrastare un attacco di questo tipo, e queste due unità non sono vicine alla flotta, lasciandola così fortemente indifesa di fronte a un attacco coordinato…
Ad ogni modo, ciò che ha segnato il destino dell’Umanità, in questo 15 agosto 2022, non è arrivato via mare, ma via terra. Una terra piena fino all’orlo di sistemi ed armi avanzati e uomini desiderosi di usarli.

Escalation

Le 3 batterie di M142 Himars del 4° squadrone di artiglieria dell’esercito ucraino, poste sotto il comando del tenente colonnello Oleg Nazichuk, erano posizionate sul fianco di una collina, da qualche parte tra Kherson e Mykolaiv.
I 3 sistemi di cui era responsabile erano nuovi di zecca e caricati con diversi pacchetti di razzi; avevano anche tre missili balistici tattici MGM-140 ATACMS di fabbricazione americana, riposti al sicuro nei loro contenitori di trasporto. I suoi uomini erano stati addestrati per la maggior parte sull’altopiano di Canjuers, in Francia, l’unico luogo autorizzato a testare questo tipo di arma in condizioni reali in Europa. Avevano persino provocato un enorme incendio in questa regione boscosa all’inizio dell’estate del 2022, quando avevano ottenuto la loro certificazione rilasciando con successo una salva di MGM-140 sull’obiettivo. Ma non importa: la guerra non si è fatta attendere, e se non avessero fermato al più presto questo pazzo di Putin, l’Europa sarebbe presto andata in fumo. Ne erano convinti: era quindi necessario colpire duro, solo per lanciare un messaggio chiaro, e questi nuovi sistemi gli avrebbero consentito di farlo.

Va detto che Oleg aveva avuto la sua parte di delusioni durante questa guerra. Aveva assistito impotente alla caduta di Kherson ed era stato preso dall’esercito russo a marzo. Il suo battaglione era stato decimato dall’artiglieria russa e decine di suoi compagni non erano tornati.
In tutto il Paese si assistevano alle stesse scene di desolazione: il loro misero esercito non riusciva più a reggere, travolto com’era dalla potenza di fuoco degli invasori, ma anche tradito dalle sue “élite” (presidente in testa), che li avevano inviati fino al fosso, in gran parte poco equipaggiati, con truppe scarsamente addestrate, e pieni di tutto ciò che questo grande paese aveva di vecchi, incompetenti, codardi, dai 18 ai 65 anni… deboli, corrotti, imbecilli, che facevano solo da cannone foraggio per i russi mentre questi bastardi a kyiev se la sono presa con calma, scrivendo articoli all’ONU e alla NATO, tenendo conferenze in lacrime ovunque nel mondo. I suoi compagni di combattimento, sono veri guerrieri dell’APU del grande Bandera, e stavano morendo a migliaia. Uomini veri, consapevoli della superiorità della razza e della cultura ucraina su questi russi degenerati, queste ‘bande di schiavi ebrei’…

I pensieri oscuri di Oleg furono interrotti dallo sputtering della sua radio da combattimento SRX220 criptata , in costante contatto con il quartier generale operativo, a poche decine di chilometri di distanza.

” Patria a Padre Furia , mi ricevi ? _ _ _ ” Patria , qui Padre Fury , ti prendo 4 su 5 ” _ _ _

Il vento si era alzato e stava leggermente interferendo con le comunicazioni. Tuttavia, ciò non ha impedito a Oleg di riconoscere la voce del comandante in capo Valeriy Zalouzhny. Uno dei migliori tra i migliori, uno che ha capito cosa stavano passando in campo. Un soldato, vero, che aveva sempre favorito i suoi simili, in particolare semplificando le macchinose e inutili procedure sul campo di battaglia.

“Padre Furia, hai l’ordine di caricare le tue tre batterie con testate tattiche e metterle in allerta antincendio, coordinate da seguire. Conferma se ricevuto”
“Patria, sono Padre Furia, che carica tutti e tre i sistemi con testate tattiche, ha confermato di aver ricevuto 5 su 5. In attesa di coordinate di sparo”

Passarono alcuni secondi, prima che lo schermo digitale della sua radio ricevesse il file delle coordinate crittografate. Oleg consegnò i numeri al sergente incaricato dei conteggi geografici, che li passò ai tre operatori. I ragazzi avevano capito che si stava partendo da lì, e hanno cominciato a togliere le reti mimetiche, mentre altri tiravano fuori le scatole contenenti le tre testate balistiche. In meno di dieci minuti, tutti i sistemi sono stati caricati e operativi. Fu solo quando i cannonieri inserirono le coordinate nel GPS tattico integrato nei lanciamissili che il sergente tornò di corsa dal suo superiore. La sua confusione era palpabile.

“Tenente, è sicuro che queste siano le coordinate corrette? Questa è Sebastopoli … ”

Il sergente Boutcheryok era un bravo ragazzo e di solito non metteva mai in discussione gli ordini.
La sua domanda, però, sembrava quasi legittima: chiedeva solo una conferma, perché le implicazioni erano potenzialmente enormi…
«Sergente, sta discutendo degli ordini? chiese il tenente alzando leggermente la voce
“Certo che no, mio ​​tenente.” È solo che è… »

« Ho sentito benissimo, sergente!”, lo interruppe
“E confermo le coordinate di destinazione, coordinate inviatemi dal comandante in capo in persona.” Inoltre, riunisci gli uomini prima dello sparo, ho una chiamata prioritaria da farti ascoltare. Tutti. »
” Al tuo servizio!” quasi urlò Boutcheryok, prima di correre indietro per radunare tutti gli uomini.

Si raggrupparono rapidamente, sotto il mantice impaziente del sergente.

Il tenente Oleg parlava con voce chiara e forte.

“Signori, il D-Day è arrivato! Volevo farvi ascoltare un messaggio dallo stesso comandante in capo delle nostre forze armate. È per tutti voi. Prenditi cura di te ! »

Gli uomini stavano sull’attenti, e tutti ascoltavano religiosamente: nonostante la fatica che si leggeva sui loro volti, nonostante gli abiti strappati e rattoppati, e nonostante il fango sui loro corpi, fango che molto spesso mascherava i tanti tatuaggi di questi fieri guerrieri – croci di guerra, rune, ritratti della grande Bandera, persino svastiche: non ne mancava una e il silenzio era totale.

Oleg ha quindi cliccato sull’altoparlante della sua radio.

“Mio comandante, siamo tuoi”

«Squadrone di Padre Furia, questa è la Patria.

Questo messaggio è per te e i tuoi uomini, tenente Oleg.

Questo è il comandante in capo Zaloujny che ti parla. Volevo dire a tutti voi, sia come leader ma soprattutto come combattente, che so cosa state passando da diversi mesi. Conosco il prezzo che avete pagato e il prezzo che continuate a pagare, giorno dopo giorno, per questo famigerato assalto. Ma volevo anche dirvi oggi la buona notizia: questi tempi bui presto finiranno, e sarà grazie a voi. Siete stati addestrati per questo momento. Rappresenta l’apice della vostra carriera di soldati. Delle tue imprese si parlerà in tutto il mondo e, per i secoli a venire, sappiatelo! Perché oggi costringeremo la NATO a uscire dal gioco del legno, non lasceremo loro la scelta. E allo stesso tempo puniremo il massacro dei nostri compagni e vendicheremo l’agonia del nostro popolo, la distruzione della nostra amata patria, tutte quelle cose che sono andate avanti per troppo tempo! L’inazione deve finire! Siete l’orgoglio dell’Ucraina, siete la nostra punta di diamante, soldati! Eseguite gli ordini e riprendete la Crimea da quei cani russi, per il popolo e la nazione dell’Ucraina! Slava Ucraina ! »

Slava Ucraina !

Il grido di battaglia era scaturito da cinquanta bocche all’unisono.
I cannonieri ripresero la loro posizione di combattimento, sorridendo.

Scintilla

I primi missili hanno colpito il porto militare alle ore 00:31 GMT, 15 agosto 2022. Protetto da due ultramoderne unità antimissilistiche S400, ha subito pochi danni materiali; tuttavia, tre soldati sono rimasti feriti e uno ucciso.
Sfortunatamente, lo stesso non si può dire della città: diversi distretti sono stati colpiti, tra cui il distretto di Lenin, una zona del centro densamente popolata. Diversi condomini sono crollati e alle due del mattino le vittime civili sono state stimate in diverse centinaia. Piazza Nakhimov è stata colpita da pesanti razzi fino alle 3 del mattino, e all’alba, tutto ciò che restava del municipio e degli edifici circostanti erano enormi cumuli di macerie affogate nel fumo e negli incendi, nel mezzo le urla dei feriti e i cadaveri disseminati nelle strade.

Il discorso del presidente Putin è stato trasmesso su tutti i canali nazionali e internazionali, CNN in testa, alle 8 del mattino. Fu abbastanza breve, e si potrebbe riassumere in queste poche frasi, che hanno segnato la storia dell’Umanità con il ferro ardente:

“Ieri sera l’Ucraina, con il supporto attivo di Nato e Usa, ha superato la linea rossa.
Sebastopoli , capitale e gioiello della Crimea, la nostra Crimea, territorio sovrano della Federazione Russa, è stata vilmente bombardata. Deploriamo centinaia di feriti e migliaia di morti e dispersi tra la popolazione civile. Il centro cittadino è in rovina. È un atto di guerra e sappiamo chi è il responsabile. Le nostre forze aeree armate localizzarono molto rapidamente – e distrussero – l’origine dei colpi, che si trattava di batterie di missili Himars di fabbricazione americana, consegnati dagli americani agli assassini ucraini. I colpi sono stati sparati dalla regione di Mykolaiv sotto il controllo ucraino.
Questi atti non rimarranno impuniti. Nemmeno i loro leader, diretti o indiretti”.

La Duma di Stato ha appena ratificato l’atto di entrata in guerra della Federazione Russa contro i paesi della NATO consegnando armi di distruzione di massa agli assassini ucraini, e/o partecipando direttamente o indirettamente allo sforzo bellico contro il nostro paese. Prendo atto di questa dichiarazione, in qualità di comandante in capo delle nostre forze armate.

Dichiariamo quindi ufficialmente guerra agli USA, ma anche a Gran Bretagna, Francia, Germania, Polonia, Estonia, Lituania, Lettonia, Norvegia, Canada, Australia, Paesi Bassi e Belgio.
Metto quindi le nostre forze armate e le nostre capacità nucleari in uno stato di massima allerta a partire da questo 15 agosto alle 8 del mattino.
Ho appena parlato con i miei omologhi della Repubblica popolare cinese, Xi Jinping, e della Repubblica dell’India, Narendra Modi, ed entrambi mi hanno assicurato il loro pieno appoggio. Anche i nostri alleati in Iran e Siria sono con noi in questi tempi bui. Le loro forze armate sono in allerta, pronte a difendere la loro sovranità di fronte alle ripetute aggressioni degli USA e dei loro vassalli della NATO.
La nostra causa è giusta e la vinceremo.

La trasmissione è stata bruscamente interrotta alle 8:03.

Esplosione(i)

I primi massicci bombardamenti convenzionali hanno colpito dal 16 agosto le maggiori capitali europee -Parigi, Berlino, Londra, Bruxelles, Amsterdam, Varsavia- e i principali centri militari della NATO: basi militari americane in tutto il mondo , in Europa, in Africa e nel Pacifico, concentrazione di truppe ed equipaggiamenti, basi navali…
La Federazione Russa, sostenuta dall’Esercito popolare cinese di liberazione nel Pacifico, inizialmente ha scelto di non usare armi nucleari, preservando temporaneamente l’equilibrio del terrore… Ma il 26 agosto, dopo la distruzione di Kiev sotto un tappeto di bombe, perché nulla ora trattenuto il braccio dell’esercito russo – e le decine di migliaia di morti tra civili e militari che seguirono, Joe Biden cedette ai suoi falchi e ordinò “un attacco preventivo nucleare ” sulle concentrazioni di truppe dell’esercito russo nel Donbass.
Tre missili Trident II contenenti più testate del tipo W76 (8 teste da 10 kilotoni di potenza ciascuna) furono inviati da sottomarini strategici sulle truppe russe di stanza nel Donbass e nel Mar Nero.

Il 26 agosto alle 15:12 GMT, più di 250.000 soldati russi morirono in pochi minuti e il Donbass fu irrimediabilmente perso, completamente irradiato su migliaia di ettari. Le città di Donetsk e Lugansk hanno dovuto essere evacuate in preda al panico e centinaia di migliaia di rifugiati si sono riversati in preda al panico verso il confine russo.
Due giorni dopo, la risposta è arrivata dove non era prevista: New York e Los Angeles sono state semplicemente cancellate dalla mappa da giganteschi tsunami alti diverse centinaia di metri, quando i droni subacquei autonomi della classe Poseidon sono stati recentemente commissionati alle Forze Navali della Federazione Russa , hanno fatto esplodere i loro ordigni nucleari multi-megatoni a una profondità di 1 km, al largo delle coste degli Stati Uniti.

Contemporaneamente, approfittando della sorpresa, l’Esercito popolare della RPC attaccò le basi militari americane nel Pacifico, cancellando dalla mappa l’isola di Guam e gran parte del Giappone.
E, mentre i missili statunitensi decollavano in direzione di Mosca e Pechino, Francia e Gran Bretagna sono entrate -per un attimo- in ballo, inviando diverse decine di missili balistici intercontinentali di “ritorsione” in direzione della Federazione Russa.
Mezza Europa perì in un diluvio di fiamme nel giro di poche ore, quando il contrattacco russo, con alcuni Sarmat-RS28 ben piazzati (codice NATO “Satana 2”), spazzò via i due terzi del Paese da baguette e formaggio insieme a una buona fetta dei suoi vicini, e affondò letteralmente la Gran Bretagna nel Canale della Manica, lasciando solo una terra nera, radioattiva e carbonizzata dove un tempo Giove e la sua first lady amante dei vestiti stavano haute couture, così come il Big Ben e la regina d’Inghilterra .

Da parte sua, la Russia ha fermato il 90% delle testate micidiali con i suoi nuovi sistemi antiaerei S500 , ma è stata quasi una vittoria di Pirro: Mosca aveva ancora subito diversi colpi e, sebbene il paese fosse in gran parte incontaminato dal fuoco atomico, l’inverno nucleare che ne seguì fece poche distinzioni di confine.

Pochi mesi dopo di vegetazione non era rimasto quasi più nulla e il 99% dei raccolti era contaminato, in tutto il pianeta…

L’umanità non si è mai ripresa.

(https://www.agoravox.fr/tribune-libre/article/ww-iii-242844)

Exit mobile version