La Spagna studia leggi draconiane con totale contrazione dei diritti, in caso di altri stati di emergenza

L’importante quotidiano spagnolo El País riporta uno scenario estremamente allarmante in cui il governo spagnolo sta valutando una legge di mobilitazione nazionale e “sicurezza” che obbligherebbe i cittadini a rinunciare “temporaneamente” ai propri diritti in caso di future crisi o emergenze sanitarie , come nel caso della pandemia di coronavirus.

La legge è per il momento solo una semplice proposta, ma è preoccupante notare che alzerebbe le questioni della salute pubblica al livello della “sicurezza nazionale”, come ha spiegato El País (vedi qui: https://elpais.com/espana/2021-07-03/todos-los-mayores-de-edad-podran-ser-movilizados-en-caso-de-crisis.html)  : “Qualsiasi persona maggiorenne sarà tenuta ad adempiere agli ‘obblighi personali’ richiesti dalle autorità competenti, secondo le direttive del Consiglio di Sicurezza Nazionale, quando in Spagna viene dichiarato lo stato di crisi. In questo caso, tutti i cittadini , senza eccezione, dovrebbero attenersi agli ordini e alle istruzioni impartite dalle autorità. “

La notizia è stata ripresa anche da Zero Hedge, come segnalato da Maurizio Blondet:

https://www.zerohedge.com/political/proposed-spanish-national-security-law-would-allow-seizure-citizens-property-during

L’importante quotidiano spagnolo  El País riporta uno scenario estremamente allarmante in cui il governo centrale spagnolo sta rimuginando una mobilitazione nazionale e una “legge sulla sicurezza” che obbligherebbe i cittadini a rinunciare “temporaneamente” ai propri diritti in caso di future crisi di salute pubblica o emergenze come successo con la pandemia di coronavirus. […]

“Qualsiasi persona maggiorenne deve essere obbligato ad adempiere agli “obblighi personali” richiesti dalle autorità competenti, seguendo le linee guida del Consiglio di Sicurezza Nazionale, quando in Spagna viene dichiarato lo stato di crisi. In questo caso, tutti i cittadini senza eccezione devono rispettare gli ordini e le istruzioni impartite dalle autorità».

Nel caso in cui in Spagna venga dichiarato lo stato di crisi (“situazione di interesse per la Sicurezza Nazionale” è il nome dato dalla legge), le autorità possono anche procedere alla requisizione temporanea di tutti i tipi di proprietà , all’intervento o all’occupazione provvisoria di quelle necessarie o la sospensione di ogni tipo di attività.

È lo stesso articolo che regola il servizio militare obbligatorio (sospeso in Spagna dal 2001), sebbene non faccia riferimento alla sua 2a sezione, che stabilisce gli “obblighi militari degli spagnoli” , ma alla 4a, secondo la quale, “da legge, i doveri dei cittadini possono essere regolati in caso di grave rischio, catastrofe o pubblica calamità” , disposizione costituzionale il cui sviluppo è rimasto finora inedito.

i privati ​​cittadini siano visti come “militarizzati” secondo la legislazione proposta ….

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.