La situazione economica in Siria è notevolmente peggiorata dopo la chiusura delle banche libanesi

La valuta siriana chiamata lira siriana, ha perso valore durante la guerra e la situazione è peggiorata molto negli ultimi mesi, fortemente influenzata dalla chiusura delle banche in Libano che i siriani ricchi e imprenditoriali stavano usando a causa delle sanzioni statunitensi vietare il flusso tra le banche siriane e il resto del mondo.

Prima del tentativo degli Stati Uniti e degli alleati di portare “libertà e democrazia” in Siria usando proxy mercenari terroristici tra cui al Qaeda e ISIS, la lira si manteneva stabilmente compresa tra 45 e 50 lire rispetto al dollaro USA. La vita era bella e le persone vivevano bene.

Proprio ieri è andato a 1165 a 1. Questo è devastante per la gente lì perché anche se i prezzi sono saliti alle stelle a causa del denaro che ha meno valore, i salari sono rimasti poco cambiati.

Quindi, per fare un confronto, se una libbra (kg 0,45) di patate prima della guerra ti costava solo diciamo 50 centesimi nel 2011, ora costerebbe oltre $ 11 (se sto facendo i conti nel modo giusto) mentre molte persone in Siria ricevono solo $ 50 a $ 100 al mese di stipendio. Il governo sovvenziona alcuni prodotti alimentari, in particolare il pane, in modo che sia ancora generalmente accessibile per le persone. La Siria è generosa e coltiva i propri prodotti, il grano e anche il bestiame, il che aiuta anche – non devono importarli.

Il carburante, tuttavia, è un altro problema: carburante per riscaldamento, cottura, trasporto e produzione. A causa del furto di Donald Trump nei campi petroliferi più ricchi della Siria, devono importarlo. Questo ovviamente lo rende molto più costoso e peggiora la situazione generale …

Perché gli Stati Uniti non stanno solo rubando il petrolio siriano: le sanzioni statunitensi sono il mezzo con cui l’America sta tentando di strangolare la Siria per sottomettere il popolo siriano ai propri dettami e arrivare al rovesciamento del loro leader. Inoltre gli Stati Uniti minacciano qualsiasi paese di sanzioni per prodotti esportati in Siria o di sanzioni maggiori se osano esportare petrolio in Siria. Finora solo l’Iran è stato disposto a rischiare l’ira degli imperatori statunitensi che pianificano l’assassinio di interi paesi se osano portare petrolio in Siria.

Le guerre sono catastrofiche per l’economia dei paesi, che a loro volta contribuiscono in modo determinante alla destabilizzazione. Sanzioni e altre pressioni – insieme a violenza, caos, distruzione  – portano a economie del mercato nero, contrabbando, aumento della corruzione e alla disperazione.

Come un caro amico siriano ha appena condiviso con me, la sofferenza economica è spesso peggiore della guerra fatta con i proiettili perché non puoi combatterla.

Il popolo siriano non ha sofferto abbastanza? Non sono stati uccisi, mutilati, bombardati e affamati abbastanza da soddisfare i vampiri dei mercanti di guerra statunitensi? Signori e signore americani, il popolo siriano non è nostro nemico né il governo ha mai minacciato il nostro paese – mai – in effetti il ​​presidente Assad voleva relazioni reciprocamente vantaggiose e rispettose con i paesi occidentali.

Cosa posso dire che ti farà svegliare dalla tua perplessità? La palude fuori controllo di DC è il nemico di tutti noi.

Mark Talliano

Comments

  • Giuseppe Grande 18 Gennaio 2020 at 14:21

    Nel 2010 o 2011 il Presidente Napolitano ha insignito Assad di un’alta onorificenza: come mai prima era buono ed ora é invece sanzionato dall’UE, GB, USA?
    Ma che paese siamo?
    Perché non rivendichiamo il diritto fondamentale: la nostra NEUTRALITA’?
    Senza fare parte di cordate-bande delinquenziali internazionali che sono sempre stata la ns rovina?