l’Occidente potrebbe lanciare un attacco contro l’Arabia Saudita

Vi avverto in anticipo che il testo seguente è molto voluminoso, ma non sarà possibile dire qualcosa più brevemente su questo argomento.

Per molti anni, l’Arabia Saudita è stata un fedele alleato degli Stati Uniti in Medio Oriente. L’accordo del 1974 tra America e Arabia Saudita ha permesso all’Arabia Saudita di porre fine al feudalesimo ed entrare nel 21° secolo con un paese moderno. L’essenza di questo accordo era che l’Arabia Saudita si impegnava a investire metà dei suoi proventi petroliferi in titoli statunitensi, vale a dire si impegnava a finanziare l’America.

In cambio, l’Arabia Saudita ha ricevuto non solo macchine utensili, attrezzature, assistenza specialistica e così via, ma anche protezione militare americana. Che nelle condizioni di quella polveriera che è il Golfo Persico, dove i paesi si odiano ferocemente, è stato molto utile. Questo accordo ha dato un contributo significativo al rafforzamento del dollaro come valuta mondiale, perché grazie ad esso i paesi dell’OPEC sono passati gradualmente ai pagamenti in dollari per il petrolio, entrando nella sfera di influenza degli Stati Uniti.

Tuttavia, questa alleanza potrebbe presto finire poiché l’Arabia Saudita mostra un chiaro desiderio di uscire dal controllo americano. In primo luogo, questo si esprime in un riavvicinamento sempre più stretto con la Cina. In secondo luogo, nella riluttanza a sostenere l’economia occidentale in questo momento di crisi. Infatti, nonostante la mostruosa fame di energia esplosa nel 2022, i paesi OPEC, dove l’Arabia Saudita ricopre uno dei ruoli principali, hanno concordato di aumentare la produzione di petrolio da l’estate del 2022 di soli 430.000 barili al giorno, mentre in realtà l’OPEC ha molte più opportunità per aumentare le esportazioni.

L’Arabia Saudita è il più grande partner commerciale della Cina nel Golfo, nel 2020 il volume delle esportazioni dalla Cina all’Arabia Saudita di prodotti industriali ha raggiunto i 28 miliardi di dollari l’anno (nel 2013 era la metà inferiore), nello stesso periodo di sette anni l’Arabia Saudita ha aumentato le spedizioni di petrolio in Cina. In totale, nel 2020, l’import-export tra i due paesi è stato di 67 miliardi di dollari nell’ambito del progetto cinese “One Belt – One Road di cui l’Arabia Saudita fa parte.

Possiamo dire che i due paesi si sono ritrovati. L’iniziatore di un riavvicinamento attivo con la Cina può essere chiamato il figlio dell’attuale re d’Arabia, Salman ibn Abdul-Aziz Al Saud (dalla sua terza moglie), il principe ereditario Mohammed ibn Salman Al Saud, che, a quanto pare, diventerà il prossimo re dell’Arabia Saudita. Si tratta di un giovane, 36 anni, con più di dieci anni di esperienza nel governo del padre, quasi dai primi giorni del suo ingresso negli alti circoli del potere – mentre lavorava come ministro della Difesa, ha dimostrato un chiaro desiderio di rendere l’Arabia meno dipendente sia dal petrolio che dal dominio degli Stati Uniti. Ciò si esprime non solo nel riavvicinamento con la Cina, ma anche nel programma su larga scala della modernizzazione araba “Image of Arabia 2030”. Si tratta di un piano di sviluppo statale per i prossimi anni, che prevede lo sviluppo attivo delle fonti di energia rinnovabile; trasformare il Paese in un hub di trasporto per il trasporto di merci tra l’Asia e l’Europa; incoraggiamento degli investimenti esteri; sviluppo del settore dell’informazione; medicinale; biotecnologia; investimento attivo in servizi finanziari.

I cinesi aiutano attivamente in questo, le loro aziende svolgono lavori per centinaia di milioni di dollari e talvolta i contratti sono stimati in diversi miliardi. La realizzazione della metropolitana saudita da parte dei cinesi, la costruzione di un cantiere navale, il miglioramento del sistema di alimentazione. E ci sono centinaia di tali esempi di cooperazione – un altro, ma il principale tra questi è la costruzione di un reattore nucleare. Il sentiero che porta alla bomba. Qui entriamo già in un ambito estremamente vago e contraddittorio. Nel 1920, i media occidentali riferirono che un impianto di produzione di uranio era in costruzione nell’oasi di Al-Ula con il sostegno dei cinesi, ma funzionari dell’Arabia Saudita negano tutto con veemenza.

Tuttavia, la logica della vita politica in Medio Oriente impone la necessità di possedere tecnologie nucleari. Israele ha sicuramente armi nucleari, il numero delle testate non è esattamente noto, quindi fonti diverse hanno stime diverse: da un paio di dozzine a un centinaio. Israele controlla i paesi arabi vicini per impedire loro di avere qualcosa del genere (fino a poco tempo, gli Stati Uniti proteggevano il Pakistan – di gran lunga l’unica potenza musulmana nucleare – dal controllo israeliano, ma negli ultimi anni il Pakistan ha guardato sempre più alla Cina, anche se finora non ha interrotto i rapporti con gli Stati Uniti e sta cercando di giocare su due fronti).

Se le potenze arabe andavano troppo avanti nello sviluppo dell’arma nucleare, seguiva la punizione. Ad esempio, nell’81, l’aviazione israeliana attaccò un reattore nucleare in Iraq. In Iran, a giudicare dalla cronaca, c’è una guerra segreta a lungo termine in cui i servizi speciali israeliani uccidono scienziati nucleari iraniani, ma l’Iran è ancora strenuamente desideroso di ottenere una bomba atomica.

Pertanto, si può notare l’interesse incondizionato dell’Arabia Saudita a impegnarsi per acquisire armi nucleari, che la metteranno alla pari con Israele, rendendola così l’attore più importante in Medio Oriente e aumentando la sua autorità nel mondo musulmano. E solo la Cina può aiutare ad ottenere la Bomba (e non solo riceverla, ma anche a proteggerla da Israele), perché Israele non permetterebbe agli USA di fare qualcosa di simile. Pertanto, si può notare l’interesse incondizionato dell’Arabia Saudita a impegnarsi per acquisire armi nucleari, che la metteranno alla pari con Israele, rendendola così l’attore più importante in Medio Oriente e aumentando la propria autorità nel mondo musulmano.

Gli eventi di quest’anno, che hanno fatto riflettere molti paesi sull’affidabilità del dollaro, stanno spingendo i sauditi a rafforzare la cooperazione con la Cina, parlo del congelamento dei beni della Banca centrale russa. Qualsiasi azione ha le sue conseguenze, il congelamento dei beni della Banca Centrale della Federazione Russa, intrapreso per indebolire l’economia russa, ha involontariamente inferto un colpo al dollaro. E il motivo specifico della preoccupazione dell’Arabia Saudita è che il suo reddito dal petrolio – il 90% di tutti i profitti delle esportazioni – va, ovviamente, in dollari, petrodollari, cioè. tutto il denaro passa attraverso i conti di corrispondenza delle banche americane (tuttavia, dobbiamo dare credito all’Arabia Saudita che formando il Fondo Sovrano – il suo valore è di circa 600 miliardi di dollari, ha investito l’80% di tutto il denaro nel suo paese e solo il 20% degli investimenti è stato effettuato al di fuori della SA).

E questo stato di cose consente agli Stati Uniti di controllare efficacemente tutti i produttori di petrolio (tranne la Russia, che è uscita fuori dalla zona del dollaro). Pertanto, ora, la dipendenza dal dollaro è percepita come un peso, e costringe a cercare valute di calcolo alternative. Gli Stati Uniti ne sono ben consapevoli che ora è iniziato il processo di contrazione del potere americano. Naturalmente, questo è un fenomeno complesso e manifestazioni come l’inflazione dell’8,5% nel 2022 o una diminuzione dell’economia nel primo trimestre del 22 dell’1,4%, sono solo gli indicatori più visibili di questo multiforme processo di ritirata dell’Impero americano.

A causa di questa compressione, il tempo non è amico dell’Occidente che, indebolito dalla crisi, sta perdendo rapidamente le sue posizioni di leadership e questo lo fa agire sempre più velocemente per non perdere il filo del controllo sul mondo. Forse è per questo che il disegno di legge (The No Oil Producing or Exporting Cartels (NOPEC)) che ha già 20 anni è tornato in vita negli Stati Unitila sua essenza è sottoporre gli stati stranieri sospettati di cospirazione del cartello petrolifero a sanzioni penali in un corte americana. Anche se questo è solo un progetto, nel 1919 gli Stati hanno cercato di portarlo avanti, ma l’Arabia Saudita ha detto che se fosse stato accettato, avrebbe adottato lo yuan e l’idea è andata sepolta.

Tuttavia, ora è un momento diverso e gli Stati Uniti devono sfruttare le situazioni mentre il dollaro è ancora una valuta mondiale per imporre le proprie regole del gioco ai propri alleati. Questa legge risolverà il problema del mantenimento del controllo sull’OPEC e sui paesi del Golfo, perché secondo il disegno di legge, gli Stati Uniti potranno trascinare in tribunale chiunque sia sospettato di aver deliberatamente gonfiato i prezzi del petrolio. In realtà, qualsiasi paese OPEC può essere biasimato per questo, perché l’OPEC è un cartello in tutto tranne che nel nome, perché lo scopo della sua esistenza è regolare i prezzi del petrolio riducendo o aumentando la sua produzione.

In effetti, l’esistenza di questa legge sarà una specie di pistola nel tempio dei produttori di petrolio, perché se uno stato non contribuisce all’abbassamento dei prezzi del petrolio e alla vittoria della democrazia mondiale, allora può essere accusato di cospirazione del cartello. E se questo stesso Stato non ascolta la decisione della corte americana, allora i profitti di questo paese saranno arrestati. Questa è una carta vincente pesante. Che può essere battuta solo se i tuoi soldi sfuggono al controllo americano.

L’economia mondiale si sta contraendo, il FMI e altre organizzazioni stanno già modificando le loro previsioni, mostrando che nel 22 molte economie cresceranno molto meno di quanto previsto all’inizio del 22 o alla fine del 21 (in origine, la crescita del l’economia era stimata al 4,8% è ora al 2,7%, forse in futuro questa cifra scenderà ancora di più) ei paesi più deboli come lo Sri Lanka sono generalmente sull’orlo di una catastrofe che minaccia la loro esistenza.

Più a lungo si sviluppa una situazione così difficile, più è probabile che l’Occidente cominci ad agire in modo sempre più aggressivo, volendo mantenere la sua sfera di influenza e rattoppare l’economia al collasso. E l’innesco per il lancio di misure brutali per mantenere il controllo degli Stati Uniti sulla periferia può essere, ad esempio, un passo dimostrativo di un alleato come l’Arabia Saudita nei confronti della Cina: il passaggio allo yuan.

Quando dico “misure dure” non intendo il bombardamento dell’Arabia Saudita, no, non subito. Molto probabilmente, si cercherà inizialmente di formalizzare ciò con “metodi legali”: approvando lo stesso disegno di legge sulla collusione anti-cartello e prendendo in ostaggio tutti i “petrodollari”, o forse su suggerimento dell’Occidente, l’ONU approverà qualche analogo programma di prestito come nel 1974 che venne denominato “Impianto petrolifero»: esso venne varato quando i produttori di petrolio, su indicazione dell’ONU intervennero nei confronti dei paesi colpiti dallo shock petrolifero. Oppure la catena di eventi sarà innescata da un’ulteriore riluttanza di Arabia Saudita e OPEC ad aumentare le esportazioni di petrolio.

L’Arabia Saudita e l’OPEC hanno già criminalmente fallito da tempo nel soddisfare i desideri di UE e USA, motivando il rifiuto dal fatto che è impossibile sostituire la Russia, che fornisce al mercato 7 milioni di barili di petrolio al giorno. Tuttavia, in primo luogo, la Russia ha ridotto le esportazioni di petrolio (di circa la metà, ma non ci sono ancora cifre esatte) ma non si è fermata del tutto, e in secondo luogo, se si aumenta bene, ad esempio, dall’Arabia Saudita, che a marzo ha prodotto 10 milioni di bp 22. al giorno, puoi anche aumentare 1,5 o addirittura 2 milioni di b. al giorno per l’esportazione; e dagli Emirati Arabi altri 0,3-0,5 milioni di bp. al giorno.

Stessa storia con gli altri I paesi dell’OPEC e dell’OPEC+ costantemente non stabiliscono le proprie quote di produzione: a gennaio 2022 non hanno stabilito 0,9 milioni di bp. al giorno, cercando così di aumentare i prezzi o mantenerli a un livello elevato. Ci sono opportunità di crescita delle esportazioni, piuttosto la domanda è se ci saranno abbastanza vettori per il trasporto. Ai produttori di petrolio piace molto pronunciare la frase “nessuna capacità aggiuntiva” di fronte all’aumento dei prezzi del petrolio, quindi la minaccia di prendere denaro sarà un buon incentivo per loro a trovare immediatamente capacità aggiuntiva. Ma cosa succede se i petrolieri non mentono ancora – i miei calcoli non sono corretti e non c’è alcuna possibilità di aumentare le esportazioni, e allora? L’Occidente dovrà continuare a soffrire e guardare il mondo alla deriva che va verso Russia e Cina? No, è allora che verrà il momento delle misure più dure, dopotutto, non è stato casuale che l’Occidente ha forgiato una flotta di portaerei per portare libertà e democrazia ovunque.

Pertanto, se i paesi del Golfo non vanno incontro all’economia morente dell’Occidente, allora potrebbe essere necessario guidare un paio di portaerei nel Golfo e far esplodere cento o due missili sul territorio di ex alleati come l’Arabia Saudita.

Quindi si troveranno sicuramente capacità aggiuntive: i paesi del Golfo lasceranno stare il consumo interno se non altro per inondare l’Occidente di petrolio. Sì, questo è un vero e proprio racket, ma la situazione si sta sviluppando in modo tale che l’Occidente probabilmente dovrà affrontarlo per la propria sopravvivenza.

Tutto ciò che ho descritto non accadrà domani, ma dato che la crisi sta crescendo e per fermarne le conseguenze, la migliore medicina è il carburante a basso costo e il più grande alleato, il produttore di petrolio l’Arabia Saudita, si sta muovendo senza intoppi tra le braccia della Cina ( la logica degli eventi dice che da un’alleanza con la Cina l’Arabia avrà molto di più che da un’alleanza con gli Stati Uniti, impantanati in crisi) e rifiuta di sovvenzionare l’Occidente, quindi possiamo aspettarci che l’Occidente lancerà un attacco tempestivo contro OPEC e, in particolare, contro l’Arabia Saudita nel prossimo anno o due, perché il tempo non è dalla sua parte.

È possibile anche un’altra variante dello sviluppo degli eventi, la ritengo improbabile, ma è impossibile non parlarne. Gli Stati Uniti non combatteranno per il controllo del Golfo Persico e cercheranno di mantenere l’Arabia Saudita nella propria orbita, facendo un accordo con la Cina. Offriranno alla RPC l’intero Golfo in cambio del rifiuto dell’assistenza alla Russia e/o del ritiro della Cina dall’Africa e dall’America Latina. Ma accettare questa offerta non è redditizio per Pechino, perché a causa della contrazione dell’economia, l’Occidente si indebolirà ogni giorno di più e la Cina, grazie al sistema di gestione amministrativo-autoritario, effettivamente potrà resistere di più alla catastrofe globale.

Le fonti delle informazioni statistiche sono elencate di seguito.

Fonti utilizzate:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.