ISRAELE / HAARETZ: “NETANYAHU, VATTENE”

Incredibile che queste cose vengano dette da un giornale israeliano. Questo in realtà non è una anomalia , i giornali israeliani criticano duramente Netanyahu. In particolare Haretz mostra più libertà dei giornali italiani che sono di schieramento e non di libertà:

Il primo ministro Benjamin Netanyahu è tornato ai suoi modi malvagi, incitando e seminando distruzione. Se in tempi normali questo comportamento avvelena la società e i sistemi statali, in tempo di guerra mette Israele in pericolo esistenziale.

Domenica è stato riferito che Netanyahu ritiene che gli inviti rivolti all’inizio di quest’anno ai riservisti militari a rifiutarsi di prestare servizio dovrebbero essere indagati come possibile fattore nella decisione del capo di Hamas nella Striscia di Gaza, Yahya Sinwar, di lanciare l’attacco terroristico. il 7 ottobre.

Non esiste una spiegazione plausibile per le dichiarazioni del primo ministro nei momenti più difficili della storia dello Stato. Netanyahu è come lo scorpione nella favola dello scorpione e della rana: è semplicemente la sua natura.

Un intero Paese si sta svegliando da tutto ciò in cui credeva, e solo Netanyahu – il padre della dottrina andata in pezzi il 7 ottobre, il responsabile della sicurezza di Israele, che è stato primo ministro per 12 degli ultimi 14 anni, che ha rifiutato le ripetute richieste dell’establishment della difesa di fermare il colpo di stato del governo, ignorandole con il disprezzo e l’arroganza di una tragedia greca – è rimasto com’era: un angelo del sabotaggio.

A quanto pare, 1.400 morti non gli sono bastati, 240 ostaggi non hanno avuto alcun effetto su di lui, migliaia di israeliani sono diventati rifugiati nel proprio paese e intere comunità sono state distrutte: nonostante tutto questo, lui rimane lo stesso. Come sempre incita, pensa a se stesso, difende il suo posto e si preoccupa solo del proprio futuro.

“Netanyahu pianta un coltello nel cuore dei combattenti, durante la guerra. L’intera nazione – l’esercito (esclusi i vostri figli), e solo voi continuate a fare a pezzi la nazione”, ha detto in risposta l’organizzazione Brothers and Sisters in Arms. Non esiste un modo più preciso per descrivere ciò che sta facendo Netanyahu.

E come in un rituale consueto, ancora una volta è stato il capo del Partito di Unità Nazionale, il ministro Benny Gantz, a invitare Netanyahu a ritrattare la sua affermazione (“Sfuggire alle responsabilità e gettare fango durante la guerra è un danno per il Paese”, ha twittato “Il primo ministro deve ritrattare le sue parole in modo chiaro e inequivocabile”); e ancora Netanyahu ha “ritrattato” e ha twittato: “Hamas ha iniziato una guerra contro di noi perché vuole ucciderci tutti e non a causa di qualche discussione al nostro interno”. Non gli dà fastidio tornare sui propri passi. Dopotutto il veleno è già nell’aria e la catena del contagio è già al culmine.

Netanyahu sta interferendo con la difesa dello Stato dal disastro che lui, nel suo indescrivibile nichilismo, gli ha causato. Il suo comportamento in questo momento difficile aggiunge al danno la beffa. Non dobbiamo abituarci a questo modello di comportamento malsano in tempo di guerra. Non dobbiamo permettergli di restare al potere come se fosse un decreto divino. L’establishment politico deve trovare un modo per porre fine al governo maligno di Netanyahu. Il prezzo che Israele pagherà per la continuità del suo regno è troppo alto.

Fonte: Haaretz, Editoriale. 7 novembre 2023 (https://www.haaretz.com/opinion/editorial/2023-11-07/ty-article-opinion/just-leave-netanyahu/0000018b-a688-dc41-af9f-efaa8a040000?utm_source=App_Share&utm_medium=iOS_Native)

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.