In Iraq c’è malcontento vero ma è aggravato dall’interesse al caos di paesi stranieri e regionali

Dal sito di analisi geopolitiche ‘Ejmagnier’, un quadro chiaro e completo del contesto e delle motivazioni dei gravi disordini in corso in Iraq.

La silenziosa guerra USA-Iraniana si trasforma in “Rivolta in Iraq”

Gli ultimi quattro giorni hanno dimostrato che la guerra in corso tra Stati Uniti e Iran colpisce fortemente l’intera regione. Ciò è ora evidente in Iraq, dove oltre 105 persone sono state uccise e migliaia ferite durante le manifestazioni che hanno spazzato la capitale di Baghdad e le città sciite del sud, tra cui Amara, Nasiria, Bassora, Najaf e Karbala. Manifestazioni simili potrebbero scoppiare a Beirut e in altre città libanesi a causa di condizioni economiche simili nei due paesi. La situazione economica critica in Medio Oriente  offre terreno fertile a rivolte che portano al caos generale.
L’Iraq ha uno status speciale a causa della sua posizione, dall’occupazione americana del 2003 nel paese, sia come iraniano che come alleato degli Stati Uniti.Il primo ministro Adel Abdel Mahdi si è finora fatto forte dell’  articolo 8  della costituzione, cercando di mantenere l’Iraq come punto di equilibrio tra tutti gli alleati e i paesi vicini e impedire alla Mesopotamia di diventare un campo di battaglia tra gli Stati Uniti e l’Iran o l’Arabia Saudita e l’Iran.

Nonostante gli sforzi dei funzionari di Baghdad, il deterioramento della situazione economica interna in Iraq ha spinto il paese in una situazione paragonabile a quella di quei paesi del Medio Oriente che sono stati colpiti dalla cosiddetta “primavera araba”.
Alimentati da vere rimostranze, tra cui la mancanza di opportunità di lavoro e una grave corruzione, le rivolte interne furono spinte da manipolazioni ostili da parte degli stranieri ai fini del cambio di regime; questi sforzi sono in corso in Siria dal 2011.
Baghdad ritiene che i paesi stranieri e regionali abbiano approfittato delle fondate richieste della popolazione per attuare la propria agenda, con conseguenze disastrose per i paesi in questione.

Fonti dell’ufficio del Primo Ministro iracheno affermano che  le “recenti manifestazioni sono state programmate un paio di mesi fa. Baghdad stava lavorando per cercare di alleggerire la situazione nel paese, soprattutto considerando che le richieste della popolazione sono legittime.  Il Primo Ministro ha ereditato il sistema di corruzione che si è sviluppato dal 2003; centinaia di miliardi di dollari sono stati deviati nelle tasche di politici corrotti. Inoltre, la guerra al terrorismo non solo ha utilizzato tutte le risorse del paese, ma ha anche costretto l’Iraq a prendere in prestito miliardi di dollari per la ricostruzione delle forze di sicurezza e far fronte agli altri bisogni fondamentali di base della popolazione”.

“Le recenti manifestazioni dovevano essere pacifiche e legali, perché le persone hanno il diritto di esprimere malcontento, preoccupazione e delusione. Tuttavia, il corso degli eventi ha mostrato uno scopo diverso: 16 membri delle forze di sicurezza sono stati uccisi insieme a dozzine di civili e molti edifici governativi e di partito sono stati incendiati e completamente distrutti. Questo tipo di comportamento ha indirizzato erroneamente le vere lamentele della popolazione su una rotta disastrosa: creare caos nel paese. Chi beneficia dello scompiglio in Iraq? “

I disordini nelle città irachene coincidono con il tentativo di assassinare il generale iraniano Sulejmani. Le fonti affermano che “il tentativo di assassinio del comandante della brigata iraniana IRGC-Quds Kassem Suleimani non è una pura coincidenza, ma è collegato agli eventi in Iraq”.

“Suleimani era in Iraq durante l’elezione dei leader chiave del Paese. Suleimani ha una grande influenza, come gli americani verso i propri alleati. Se Suleymani viene eliminato, coloro che stanno dietro le recenti rivolte potrebbero pensare che ciò creerà abbastanza confusione in Iraq e in Iran, lasciando spazio a un possibile colpo di stato portato avanti dai militari o incoraggiato da forze straniere, Arabia Saudita e Stati Uniti. In questo caso. L’uccisione di Solimani, secondo i partecipanti stranieri, potrebbe portare al caos, portando a una riduzione dell’influenza iraniana in Iraq ”, affermano fonti.

Le recenti decisioni di Abdel Mahdi lo hanno reso estremamente impopolare negli Stati Uniti.
Ha dichiarato Israele responsabile della distruzione dei cinque magazzini delle forze di sicurezza irachene Hashd al-Shaabi e dell’assassinio di un comandante ai confini tra Iraq e Siria.
Ha aperto il valico tra al-Qa’im tra Iraq e Siria per il dispiacere dell’ambasciata americana a Baghdad, i cui rappresentanti hanno espresso il loro dispiacere ai funzionari iracheni.
Ha espresso la volontà di acquistare l’S-400 e altre attrezzature militari dalla Russia.
Abdel Mahdi ha concordato con la Cina di ricostruire le infrastrutture essenziali in cambio di petrolio e ha stretto un accordo per $ 284 milioni con una società  tedesca , piuttosto che americana.
Il primo ministro iracheno si è rifiutato di rispettare le sanzioni statunitensi e continua a comprare elettricità dall’Iran e consente scambi commerciali, che sta portando grandi quantità di valuta estera e rilanciando l’economia iraniana.
Infine, Abdel Mahdi ha respinto l ‘”accordo del secolo” proposto dagli Stati Uniti: sta cercando di mediare tra Iran e Arabia Saudita e quindi sta mostrando la sua intenzione di tenersi lontano dagli obiettivi e dalle politiche statunitensi in Medio Oriente.

I funzionari statunitensi hanno espresso la loro completa insoddisfazione per le politiche di Abdel Mahdi a molti funzionari iracheni. Gli americani ritengono che la loro incapacità di catturare l’Iraq come paese d’avanguardia contro l’Iran sia una vittoria per Teheran. Tuttavia, non è questo l’obiettivo del primo ministro iracheno. Sta davvero cercando di tenersi alla larga dalla guerra USA-Iran, ma deve far fronte a crescenti difficoltà.

Abdel Mahdi ha assunto l’incarico di primo ministro in Iraq quando l’economia era a un livello catastrofico. Ha lottato con questa sotuazione per tutto il suo primo anno, anche se si ritiene che l’Iraq sia il quarto più grande produttore di petrolio al mondo. Un quarto della popolazione irachena con oltre 40 milioni di persone vive al di sotto della soglia di povertà. Il Marjaiya di Najaf è intervenuto per calmare la situazione, mostrando la sua capacità di controllare la folla. Il suo rappresentante a Karbala, Saeed Ahmed al-Safi,  sottolinea  l’importanza di combattere la corruzione e creare un comitato indipendente per rimettere in carreggiata il Paese. Al-Safi ha affermato che dovrebbero essere avviate riforme serie e ha chiesto al parlamento, in particolare alla “più grande coalizione”, di assumersi le proprie responsabilità.

Il gruppo più numeroso appartiene a Sayed Moktad al-Sadr con 53 deputati. Moktada annunciò – contrariamente a quanto sperava Marjaya –  la sospensione del suo gruppo dal parlamento piuttosto che assumersi le sue responsabilità. Moqtada chiede elezioni anticipate, elezioni in cui non dovrebbe riunire più di 12-15 deputati. Al-Sadr, che visita l’Arabia Saudita e l’Iran senza alcuno scopo strategico, sta cercando di cavalcare il risentimento popolare in modo da poter trarre vantaggio dalle giuste lamentele dei manifestanti. Moktada e gli altri gruppi sciiti che oggi governano il paese in alleanza con i curdi e le minoranze sunnite sono quelli che rispondono alle richieste della gente e non si nascondono dietro quelli per strada che chiedono di porre fine alla corruzione per ottenere maggiori opportunità di lavoro e miglioramento le loro condizioni di vita.

Il primo ministro Abdel Mahdi non ha una bacchetta magica; la gente non può aspettare molto a lungo. Nonostante le loro ragionevoli richieste, le persone non erano sole nelle strade. “La maggior parte degli hashtag sui social network erano sauditi: questo indica che le visite di Abdel Mahdi in Arabia Saudita e la sua mediazione tra Riyadh e Teheran non lo hanno reso immune agli sforzi di cambio di regime sostenuti dall’Arabia Saudita “, ha detto la fonte. In effetti, i vicini dell’Iraq hanno dato al primo ministro una prova evidente che le relazioni dell’Iraq con l’Iran sono le relazioni più sane e stabili tra gli altri vicini dell’Iraq. Teheran non ha cospirato contro di lui, anche se l’Iran è stato l’unico paese la cui bandiera è stata bruciata da alcuni manifestanti e insultata nelle strade di Baghdad negli ultimi giorni di disordini.

La situazione economica critica sta rendendo il Medio Oriente vulnerabile ai disordini. La maggior parte dei paesi soffre a causa delle sanzioni statunitensi contro l’Iran e delle mostruose spese finanziarie per le armi statunitensi. Donald Trump si sta impegnando a fondo per svuotare le tasche dei leader arabi e mantenere l’Iran come principale spaventapasseri per drenare le finanze del Golfo. La guerra saudita allo Yemen è anche un altro fattore destabilizzante in Medio Oriente, che lascia molto spazio a tensioni e scontri.

L’Iraq sembra muoversi verso l’instabilità come un aspetto della sfaccettata guerra degli Stati Uniti con l’Iran; Gli Stati Uniti chiedono sostegno e solidarietà dai paesi del Golfo e dai paesi arabi per sostenere i loro piani. L’Iraq non soddisfa tutti i requisiti statunitensi. Il parlamento iracheno e i partiti politici rappresentano la maggioranza della popolazione; è pertanto improbabile un cambio di regime, ma i paesi limitrofi e gli Stati Uniti continueranno a sfruttare il malcontento interno.  Non è chiaro se Abdel Mahdi sarà in grado di mantenere la stabilità in Iraq. Ciò che  è  chiaro è che le tensioni tra Stati Uniti e Iran non stanno risparmiando alcun paese in Medio Oriente.

fonte Ejmagnier

link: https://ejmagnier.com/2019/10/05/the-us-iran-silent-war-is-transformed-into-an-iraq-uprising/

traduzione: vietatoparlare

correlati: