Il Progetto USA per la divisione della Siria entra in una nuova fase a Suwayda – Analisi di Strategic Culture

Strategic Culture, in un articolo intitolato “Il Progetto USA per la Divisione della Siria Entra in una Nuova Fase a Suwayda” di Steven Sahiounie, analizza un nuovo sviluppo in una serie di progetti di cambiamento di regime sostenuti dagli Stati Uniti che hanno portato alla frammentazione di una nazione sovrana.

“Suwayda rappresenta l’ennesimo progetto proposto dagli Stati Uniti volto a cambiare il regime in una lunga lista di progetti simili che hanno portato alla frammentazione di nazioni sovrane”.

L’articolo si concentra sull’area di Suwayda, situata nel sud-ovest della Siria, vicino al confine con la Giordania, dove la comunità drusa è scesa in piazza per protestare contro l’inflazione e le difficoltà economiche causate dalle sanzioni USA-UE e dal collasso economico derivato dal conflitto armato protrattosi per lungo tempo:

U.S. Project to Split Syria Up Is Entering a New Phase in Suwayda

Migliaia di drusi a Suwayda, nel sud-ovest della Siria, vicino alla Giordania, stanno protestando contro l’inflazione e le difficoltà economiche che affliggono l’intera Siria a causa delle sanzioni UE-USA e del collasso economico dopo il lungo conflitto armato. Tuttavia, di recente, stanno chiedendo un cambio di regime, e gli Stati Uniti li stanno sostenendo.

Alla fine di agosto, Ben Cline della Virginia, French Hill dell’Arkansas e Scott Fitzgerald del Wisconsin, tutti membri del Partito Repubblicano alla Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti, sono entrati illegalmente in Siria dalla Turchia, senza alcun visto, attraverso il valico di Bab al-Salam a nord di Aleppo, sotto il controllo di terroristi legati ad Al Qaeda. Si sono incontrati con membri dell’opposizione siriana che vivono in aree controllate dai terroristi.

Recenti rapporti mediatici circolano affermando che il deputato French Hill ha discusso al telefono per più di un’ora con il leader spirituale della comunità Druze siriana, lo Sceicco Hikmat al-Hajri.

Il conflitto siriano è iniziato nel marzo del 2011, non lontano da Suwayda; tuttavia, la città non si è coinvolta nella “Primavera Araba”. I Druze sono una minoranza unita, né cristiana né musulmana, con comunità a Suwayda, nel sobborgo di Damasco di Juramana e in Libano.

I drusi hanno cercato di restare neutrali durante il conflitto del 2011 e hanno preferito non prendervi parte. Gli istigatori della violenza a Deraa nel marzo 2011 erano seguaci dell’Islam radicale e desideravano un “cambio di regime” per installare un governo filo-statunitense a Damasco. L’amministrazione Obama, con il vicepresidente Joe Biden, ha sostenuto i terroristi che combattevano per la “Guerra Santa” perché erano gli unici disponibili sul campo. La CIA ha gestito un progetto multimiliardario di fornitura e addestramento dei terroristi in Turchia, che attraversavano il confine settentrionale della Siria. Nel 2017, Trump ha interrotto il programma della CIA, lasciando la Siria in uno stallo apparente.

Suwayda è una zona agricola, e nonostante sia vicina a Deraa, non aveva un interesse diretto nella rivolta per instaurare uno Stato islamico in Siria. Suwayda, simile ad Aleppo, ha mantenuto una posizione neutrale, sperando che il conflitto armato tra USA-NATO e il governo centrale di Damasco li evitasse, così da poter sopravvivere ai margini.

I drusi e la comunità cristiana della Siria sono minoranze sotto un governo siriano laico che ha protetto le minoranze. L’opposizione armata era composta da seguaci dell’Islam radicale, come coloro che erano affiliati ad Al Qaeda e ISIS. I Druze non hanno alcun legame con l’Islam radicale o la “Guerra Santa”. Per questo motivo, si sono sentiti esclusi dal conflitto e non ne hanno voluto far parte.

Ma ora, dopo 13 anni di conflitto armato, diventato una sorta di stallo, Suwayda è diventata il centro delle proteste e chiede un “cambio di regime” insieme a riforme economiche.

Perché ora, dopo anni di neutralità e di evitare i combattimenti? Gli esperti indicano gli Stati Uniti come responsabili dell’incitamento alle proteste e del sostegno promesso. Damasco, Aleppo e Homs stanno vivendo le stesse difficoltà economiche, ma non stanno protestando. L’energia elettrica è disponibile solo poche ore al giorno, la benzina è molto costosa e i prezzi dei generi alimentari di base aumentano di giorno in giorno, rendendo alcuni bisogni primari dei beni di lusso.

L’analisi degli esperti nei primi giorni del conflitto del 2011 ha indicato l’obiettivo principale degli Stati Uniti di frammentare la Siria in piccole parti, seguendo l’approccio usato nell’attacco USA-NATO in Jugoslavia. Piccoli territori, ognuno governato da leader diversi, sarebbero più facili da controllare e influenzare a vantaggio degli interessi statunitensi.

I drusi che protestano a Suwayda sono separatisti e stanno cercando di ottenere la loro parte dalla mappa degli Stati Uniti per il nuovo Medio Oriente. Suwayda, Deraa e la base militare di occupazione statunitense ad Al Tanf sarebbero collegati in una sorta di confine a forma di mezzaluna con Giordania e Iraq.

La base di Al Tanf è posizionata per impedire ai carichi iraniani di entrare in Siria lungo l’autostrada Baghdad-Damasco.

Deraa è stato il punto di partenza del conflitto nel marzo 2011. La moschea di Al Omari è stata utilizzata come deposito di armi per i terroristi riforniti di armi libiche confiscate dall’esercito statunitense e trasferite attraverso la base militare statunitense confinante in Giordania.

Recentemente a Suwayda, i manifestanti hanno attaccato la sede del Partito Ba’ath, dove è conservato un arsenale destinato all’uso da parte dell’Esercito Arabo Siriano.

La mappa originale disegnata dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti nel 2011 mostrava la Siria divisa in piccole parti. Ora sembra che la provincia nord-occidentale di Idlib sia proposta come parte dell’area di confine occupata dalla Turchia, e il confine con la Turchia a nord di Aleppo è anch’esso proposto sotto amministrazione turca, con l’annessione prevista in seguito. Gli Stati Uniti non inviano alcun tipo di aiuto umanitario alla Siria, nemmeno per il soccorso del terremoto di magnitudo 7,8, ad eccezione di Idlib, che è sotto il controllo terroristico. L’ex leader dell’ISIS di Idlib, Mohammed al-Julani, si è già presentato in giacca e cravatta e ha rilasciato interviste ai media statunitensi nell’ambito di uno sforzo del Dipartimento di Stato per rilanciare la sua immagine come leader sostenuto dall’Occidente, trasformato rispetto al suo periodo con l’ISIS e Al Qaeda.

Anche i curdi si stanno muovendo nella stessa direzione separatista di Idlib e Suwayda. I curdi erano una comunità numerosa nel nord-est della Siria, ma non erano la maggioranza, che era composta da arabi e cristiani. Tuttavia, i curdi avevano il sostegno dell’esercito statunitense, che si era alleato con loro nella lotta contro l’ISIS. I veri vincitori contro l’ISIS sono stati l’Esercito Arabo Siriano, l’Esercito Iracheno, l’esercito russo, insieme all’esercito statunitense e ai curdi. I curdi hanno stabilito la propria amministrazione comunista grazie al massiccio supporto finanziario del governo statunitense. Di solito, il governo statunitense guarda con disapprovazione al comunismo, ma nel caso dei curdi li ha sostenuti pienamente, il che dimostra che il governo statunitense lavorerà con e sosterrà qualsiasi gruppo, purché sia nell’interesse degli Stati Uniti.

Suwayda è solo l’ultimo progetto proposto in una lunga lista di progetti di cambiamento di regime sponsorizzati dagli Stati Uniti che hanno portato alla frammentazione di una nazione sovrana. La Jugoslavia è stata la prima, e il successivo grande progetto di cambiamento di regime USA-NATO è stata l’invasione e l’occupazione dell’Iraq nel 2003, che ha lasciato l’Iraq diviso nella sezione settentrionale del Kurdistan e nella sezione meridionale dell’Iraq, che non si è mai ripresa dall’invasione e dalla distruzione statunitense.

Poi la Libia è stata attaccata nel 2011 dalle forze USA-NATO per il cambiamento di regime, ed è ora divisa in due sezioni separate con governi separati. Anche Sudan e Yemen sono stati attaccati e divisi.

Un progetto ancora in corso è la suddivisione della Siria in almeno cinque sezioni, e a Washington, DC, è in programma la suddivisione del Libano, che dipenderà prima dal completamento della suddivisione del sud della Siria, compreso Suwayda.

Il Libano è stato deliberatamente lasciato senza un presidente per un anno, con un governo e un parlamento che stanno procedendo automaticamente. L’obiettivo di Israele, congiuntamente agli Stati Uniti, è contenere Hezbollah nel sud del Libano e interrompere il suo sostegno dall’Iran e dalla Siria.

Quando Condoleezza Rice ha chiamato per un “Nuovo Medio Oriente”, si riferiva a una sorta di mosaico in stile arabo, composto da frammenti di paesi precedentemente ribelli e sostenitori della resistenza, che avevano chiesto la fine dell’occupazione della Palestina come valore culturale nazionale centrale. Il “Nuovo Medio Oriente” progettato dagli americani richiede di dimenticare la resistenza e di acconsentire alla normalizzazione con Israele come prerequisito per la pace e la prosperità.

l’articolo è qui: https://strategic-culture.su/news/2023/09/20/us-project-split-syria-up-entering-new-phase-in-suwayda/

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.