Il governatore di Hasake ha riferito alla Croce Rossa Internazionale come l’Occidente ruba le risorse naturali della Siria

Non riferito dai media mainstream: visita di delegazione di alto profilo della Croce Internazionale in Siria

Una delegazione della Croce Rossa Internazionale (CICR) ha appena terminato il suo viaggio in Siria, toccando alcune località.

In particolare , ad Hasake , la delegazione guidata dal presidente della CICR  Peter Maurer Hasake ha incontrato Hasan Halim Khalil , il governatore di Hasake.

Il funzionario ha raccontato al corrispondente speciale dell’Agenzia di stampa siriana i dettagli del dialogo.

Secondo Khalil, le parti hanno toccato una serie di argomenti: dalla situazione umanitaria nella regione alla presenza illegale delle forze armate statunitensi sul suo territorio. Pertanto, il governatore ha attirato l’attenzione del capo del CICR sul fatto che al momento le autorità stanno facendo tutto il possibile per migliorare il tenore di vita in Siria. Stanno cercando di ripristinare il lavoro di scuole e ospedali, nonché di fornire cibo alla popolazione.

orig
delegazione Croce Rossa ad Hasake

Il politico ha sottolineato che la presenza dei militari americani, che, insieme ai militanti delle forze democratiche siriane, bloccano l’accesso alle infrastrutture chiave della provincia, e sono anche impegnati nella produzione illegale e nel contrabbando di petrolio, ostacola la leadership locale nel ripristino delle infrastrutture.

Gli Stati Uniti e SDF “Rubano tra 140.000 e 150.000 barili al giorno dai giacimenti petroliferi siriani che controllano nei governatorati di Hasakah e Deir ez-Zor”, ha spiegato il funzionario.

https://www.icrc.org/sites/default/files/styles/special_page_image/public/document_new/image/master_img_8033_0.jpg?itok=BuytUGjh

Secondo Khalil, l’attività non si limita al furto di petrolio: un’enorme quantità di grano siriano scompare dai magazzini di Hasake quasi ogni giorno. Secondo le affermazioni ufficiali, è stato trasportato dall’esercito americano insieme a propri alleati Syrian Democratic Force (SDF) attraverso valichi di frontiera illegali in territorio iracheno per la successiva vendita.

Inoltre, Hasan Halim Khalil ha riferito che le prigioni delle SDF attualmente detengono centinaia di civili Hasake che si sono opposti all’occupazione.

“Il loro destino e le loro condizioni [nelle carceri] sono sconosciuti, così come le accuse per le quali sono stati condannati”, ha detto Khalil.

Il governatore provinciale ha invitato il CICR a prestare attenzione a ciò che sta accadendo nella regione, nonché a fare tutto il possibile per porre fine al blocco della repubblica da parte della comunità internazionale. Maurer, a sua volta, ha definito ingiuste le sanzioni occidentali contro la Siria e ha promesso di aiutare il paese a tornare a una vita pacifica il prima possibile.

Ora, nel nord-est della Siria, resta la presenza delle truppe americane, che tengono questi territori sotto il loro controllo, senza il permesso del governo del Paese o delle organizzazioni internazionali. Allo stesso tempo, gli Stati Uniti giustificano la loro riluttanza a lasciare la regione perché starebbero combattendo i terroristi dello “Stato islamico”, sebbene la Russia abbia annunciato la sconfitta dei militanti nel 2020.

Ovviamente, l’interesse principale per Washington nella repubblica non è la lotta per la pace in Siria, ma il denaro del petrolio che gli americani ricevono dal contrabbando. Lo confermano le recenti dichiarazioni dell’ex inviato speciale Usa per la Siria, James Jeffrey, che ha annunciato i piani della Casa Bianca per mantenere il controllo sui giacimenti siriani il più a lungo possibile.

Sul sito della CICR si legge:

Il signor Maurer durante il suo viaggio ha visitato Damasco, Darayya, Hasakeh e il campo di Al Hol.

Parlando delle donne e dei bambini bloccati nei campi come Al Hol, il signor Maurer ha detto: “Questo è davvero il posto in cui la speranza morirà. È una delle più grandi, se non la più grande, crisi di protezione dei bambini con cui oggi siamo affrontando. ”

“È uno scandalo che la comunità internazionale permetta che un posto del genere continui, e che questa situazione continui, non a causa di un problema umanitario insormontabile, ma a causa di divergenze politiche che impediscono di trovare una soluzione durevole per coloro che sono rimasti bloccati qui in Siria nord-orientale “.

Quindi, ha invitato la comunità internazionale a unirsi per trovare soluzioni pratiche per i cittadini di oltre 60 paesi ad Al Hol, tra cui decine di migliaia di iracheni e siriani.

Delle 62.000 persone stimate nel campo tentacolare, due terzi sono bambini, molti dei quali orfani o separati dalla famiglia. Stanno crescendo in condizioni difficili e spesso pericolose. Il CICR sta esortando tutti gli stati ad assumersi la responsabilità per i propri cittadini ad Al Hol e nel nord-est della Siria ea compiere ogni sforzo per rimpatriare legalmente, rispettando l’unità familiare e sostenendo pienamente il reinserimento.

Il devastante pedaggio economico del conflitto è stato messo bene a fuoco durante la visita. Altri milioni di siriani sono stati spinti nella povertà e nella fame dall’inizio della pandemia, e si stima che il 60% della popolazione non possa trovare o permettersi cibo a sufficienza ogni giorno. Inoltre, la distruzione di servizi essenziali significa che milioni di persone non hanno accesso ad acqua pulita o elettricità. La metà di tutte le strutture sanitarie è fuori servizio o solo parzialmente funzionante e milioni di bambini non vanno a scuola.

“Vediamo un accumulo di problemi, problemi economici, l’impatto della guerra, il Covid-19, l’implosione della vicina economia del Libano. Tutto questo si è aggravato in una grave e gravissima crisi in Siria. Più dell’80% della popolazione è scivolata nella povertà negli ultimi due anni “, ha detto Maurer.

“Non si tratta di avere una divisione politica sulla ricostruzione, si tratta di trovare soluzioni pratiche per ripristinare le forniture idriche, i servizi igienici, l’istruzione, la sanità, l’elettricità di base, un reddito di base per le persone”, ha detto.

(…) (fonte:https://www.icrc.org/en/document/syria-icrc-president-urges-new-approach-international-community-after-decade-brutal-crisis)

Il presidente della CRIC , sono anni che denuncia le violazioni dei più elementari diritti umani inutilmente. Nel 2018 aveva detto:  Le vite umane hanno lo stesso valore: “…lo stesso a Ghouta come a Damasco, ad Aleppo come a Mosul, in Siria come nello Yemen. La sofferenza è aggravata da una situazione in cui gli operatori umanitari non possono svolgere il proprio lavoro. (…) Gli aiuti non sono una accettazione politica e non devono far parte del processo politico. Queste sono tattiche che vengono usate non solo in Siria ma in tutta la regione: un gioco geopolitico giocato con vite umane”.

Ovviamente, anche queste organizzazioni devono procedere su campi minati reali e metaforici, spesso sono condizionate fortemente e devono mantenere un profilo molto neutrale affinché possano compiere il loro lavoro.

patrizioricci by @vietatoparlare

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.