Il destino di una pilota afghana incinta che aveva chiesto asilo in Tagikistan

La donna si troverebbe ora in centro di detenzione per immigrati in Tagikistan

"Afghanistan rugged red mountains partly covered with snow, Bamyan Province"

Prima di lasciare l’Afghanistan ora sotto il controllo dei talebani, la pilota non ha dimenticato di prendere le vitamine necessarie per una donna incinta. Era il minimo che potesse portare con sé dall’aeroporto di Kabul prima di imbarcarsi su un aereo dell’aeronautica afgana. Ma nel luogo in cui è attualmente detenuta, la 29enne non può nemmeno sottoporsi a visita medica ed ecografia.

La donna, che non ha voluto essere nominata per motivi di sicurezza, teme che suo figlio possa nascere presto in condizioni simili alla detenzione in una zona rurale del Tagikistan. Con lei ci sono più di 140 militari, per lo più uomini, che hanno attraversato il confine settentrionale verso l’Afghanistan in cerca di asilo temporaneo.

ASPETTANDO LA NASCITA

“Sono molto preoccupata per il mio bambino”, dice la donna, che è un capitano dell’aeronautica. Il destino della donna pilota è stato segnalato per la prima volta da Reuters a settembre.

La donna ha detto che le sue conversazioni telefoniche con l’agenzia di stampa sono state tenute segrete dalle guardie, poiché ha affermato che le autorità tagike hanno portato con sé tutti i loro documenti e telefoni non appena sono state collocate in un sanatorio tagiko. Uno dei motivi per nascondere il suo nome è la paura del destino dei parenti in Afghanistan.

Dice che la data di nascita del bambino è metà novembre e, sebbene abbia chiesto alle autorità tagike di portarlo più vicino a una struttura medica che dista un’ora e mezza dal sanatorio, la sua richiesta è stata respinta. “Si sono rifiutati, dicendo che quando si avvicinava la data del parto del bambino, ti porteremo in ospedale e poi ti riporteremo indietro”, ha aggiunto.

Il gruppo, bloccato da due mesi in Tagikistan con la donna, vive nella speranza delle autorità statunitensi. Sperano di tornare negli Stati Uniti e ottenere asilo nel paese. Non è ancora chiaro perché questo lavoro richieda così tanto tempo. Dicono che le autorità tagike dicano loro costantemente di aspettare.

DISCUSSIONE DEL TRASFERIMENTO PILOTA NEL CONGRESSO AMERICANO

La scorsa settimana il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin ha dichiarato in un’audizione al Congresso di essere preoccupato per il destino dei piloti bloccati in Tagikistan e che il Dipartimento di Stato ha affermato che “vede cosa si può fare”.

Austin Scott, un membro repubblicano del Congresso che ha parlato alla riunione del destino della pilota incinta, ha criticato la gestione del caso da parte del Dipartimento di Stato. Ha detto che il ministero degli Esteri ha informato il loro ufficio che il governo tagiko era “molto ben consapevole delle condizioni della pilota incinta” e che chiunque avesse bisogno di cure mediche di emergenza sarebbe stato trasferito in una struttura medica locale.

“Inoltre, non hanno aiutato in nulla”, ha detto Scott a Reuters.

Il ministero degli Esteri ha affermato di seguire il caso “in coordinamento con il governo tagiko”, ma non ha detto perché i piloti fossero in ritardo o perché fossero detenuti.

Il portavoce di Pengaton, John Kirby, ha affermato che il Dipartimento della Difesa e il Dipartimento di Stato stanno lavorando a stretto contatto “per trovare una soluzione adeguata”. “Crediamo che di fronte a queste persone coraggiose e alle loro famiglie, abbiamo la responsabilità di fare tutto il possibile per tirarli fuori”, ha detto Kirby a Reuters.

DIFFICILE ACCESSO AI PILOTI

Un funzionario degli Stati Uniti, parlando a condizione di anonimato, ha detto a Reuters che l’accesso agli afgani nel sanatorio era difficile.

Il ministero della salute del Tagikistan ha rifiutato di commentare a Reuters, dicendo solo che il sanatorio era gestito da medici.

I piloti dell’aeronautica afgana istruiti in America sono tra i principali obiettivi dei talebani.

Questo gruppo di piloti è bloccato in Tagikistan e gruppi simili sono riusciti a fuggire in Uzbekistan negli ultimi giorni di guerra.

A settembre, un accordo mediato dagli Stati Uniti ha spinto i piloti afgani e altre truppe afgane a lasciare l’Uzbekistan. Fortunatamente, insieme al pilota incinta, sua moglie è in un sanatorio tagiko, ma la loro sensazione è di essere bloccati in questo paese.

Un timore della donna è che il personale medico che lavora al sanatorio non sia specializzato nel parto. “Siamo come una prigione qui. Non siamo nemmeno come richiedenti asilo o immigrati. Non abbiamo documenti legali o non possiamo comprare nulla per noi stessi”, dice.

“NON SO QUALE SARÀ IL NOSTRO FUTURO”

Secondo Reuters, le autorità statunitensi hanno iniziato a raccogliere dati biometrici per identificare i membri del gruppo. Lo stesso processo ha aiutato un gruppo simile in Uzbekistan a lasciare il paese.

Ma le persone vicine ai piloti affermano che le autorità statunitensi non hanno ottenuto dati biometrici nemmeno da un terzo dei membri del gruppo.

La donna incinta dice di essere stata elettrizzata nell’apprendere che un ente di beneficenza internazionale ha portato questa settimana vestiti caldi, compresi molti vestiti, al futuro bambino del pilota in un sanatorio afghano. D’altra parte, questa situazione ha creato una nuova ansia nella sua mente. “Portano vestiti, danno molto, quindi significa che siamo bloccati qui”, dice. “Non so cosa riserva il nostro futuro”, dice con un tono di disperazione.

fonte : Ozodi (Tagikistan – https://www.ozodi.org/a/31497019.html )

vedi anche: https://www.reuters.com/world/asia-pacific/exclusive-stranded-tajik-sanatorium-pregnant-afghan-pilot-fears-unborn-baby-2021-10-06/

Exit mobile version