Il becero sentimentalismo di chi strepita per le bombe di Idlib ma non per le migliaia di bambini vittime delle sanzioni

A tema ci sono le sanzioni.  Tutto ciò che è descritto nell’articolo che segue è stranoto. Corrisponde esattamente a ciò a quanto dice  l’European Council on Foreign Relation, una organizzazione paneuropea con sede a Londra che cerca di diffondere ‘i valori europei’. Non si tratta quindi di ignoranza delle cose ma di disinteresse per certe cose. 

Le sanzioni sono un mezzo di guerra tra i più preferiti dai paesi cosiddetti ‘democratici’ perché permettono di colpire fingendosi umanitari e di dire all’opinione pubblica che si agisce per una buona causa, per motivi di ingerenza ‘umanitaria’ ovvero per salvaguardare il popolo di un dato paese sotto una ‘tirannide’. Ma in realtà le cose stanno diversamente: il paese ‘attenzionato‘ immancabilmente peggiorerà grandemente la propria condizione e cadrà in un abisso di scarsità di beni primari e sofferenza. A questo si aggiungerà l’inflazione e l’impossibilità di importare anche i beni consentiti.

Quasi sempre le sanzioni sono ingiuste e colpiscono soprattutto le fasce più deboli della società, tra l’altro nel caso dell’Iran  sono state decise in modo unilaterale solo dagli USA ma non dalla Francia – che insieme a Regno Unito, Germania, Cina e Russia – nel luglio 2015 a Vienna firmarono il cosiddetto Piano globale d’azione congiunto (Jcpoa) sul nucleare. 

Gli effetti dell’embargo comminato contro l’Iran sono gli stessi di cui soffrono i siriani. Del tutto inammissibili e moralmente deplorevoli sono i decessi per malattie altrimenti curabili per assenza o scarsità di medicinali. In particolare l’Iran – di cui si parla nell’articolo di Daniel Larison – deve sostenere anche guerre esterne: si tratta di quella che gli USA e l’Europa conducono contro Damasco.
Anche in questo caso c’è ben poco di umanitario: in Siria il 75% dei gruppi jihadisti ha ricevuto armi dalla Cia e dal Pentagono con il supporto europeo ed italiano. Ad aggiungersi all’ingiustizia palese delle sanzioni, c’è anche il becero sentimentalismo di chi si commuove e strepita per le bombe di Idlib (provincia siriana amministrata da al Qaeda)  e per l’assalto degli filo-iraniani all’ambasciata americana a Baghdad (che tra l’altro non ha causato vittime) che invece ignora le vittime – uomini, donne e bambini –  causate dall’embargo. 

patrizio ricci by @vietatoparlare

Il Bilancio Umanitario Della Guerra Economica Contro L’Iran

22 GENNAIO 2020 – DANIEL LARISON

hmad Jalalpour riferisce del deterioramento delle condizioni all’interno dell’Iran creato dalle sanzioni statunitensi:

In Iran anche se il tasso di inflazione ufficiale si attesta al 41 percento, l’inflazione per i generi alimentari è al 74 percento. Inoltre, l’affitto per delle abitazioni è aumentato lo scorso anno di oltre il 95% nelle principali città iraniane. Nel frattempo, il governo ha proposto di aumentare i salari di un misero 15 percento nel prossimo anno fiscale. Questa grande discrepanza tra i salari e il costo della vita ha portato a un catastrofico calo degli standard di vita di tutti, ma chi è colpito maggiormente è soprattutto il 60 percento della popolazione classificata come povera o tra le fasce di reddito più basse.

La difficile situazione di coloro che scivolano nella categoria nota come “povertà assoluta” è ancora più tragica. Secondo il Centro di ricerca del Parlamento iraniano, nell’anno fiscale 2016-17 (calcolato nel calendario iraniano), il 16 percento della popolazione viveva in condizioni di assoluta povertà, ovvero vivere con meno di $ 1,08 al giorno. Questa fascia di popolazione nel 2017-18,  è aumentata di circa il 30 percento. Il numero delle persone in estrema povertà è aumentato ancora di più nell’ultimo anno. [grassetto -DL] Ciò significa che in in soli due anni, almeno un altro 10 percento della popolazione è caduto nella povertà assoluta .

Le sanzioni iraniane hanno avuto un effetto devastante su decine di milioni di iraniani ordinari e il rapporto di Jalalpour è l’ultimo a confermare quanto danno le sanzioni stanno arrecando alla popolazione civile. La guerra economica degli Stati Uniti è imposta all’Iran nel tentativo invano di costringere il  governo di Teheran a fare ciò che Washington vuole, ma si traduce in un attacco a persone innocenti: l’unica cosa a cui serve [l’embargo]  è rendere molte persone più povere e causare la morte di malati e vulnerabili per mancanza di cure adeguate e medicine.

Sappiamo che le presunte esenzioni umanitarie nella pratica non funzionano perché nessuno in Iran può sostenere i costi necessari per portare beni essenziali. Lo scopo di queste sanzioni è stato quello di colpire e ferire il popolo iraniano il più possibile sul presupposto che, provocando loro miseria e difficoltà sufficienti, la gente farà il lavoro dei cambiavalute per loro. Come ogni altra cosa che i falchi dell’Iran credono nell’Iran, questo non sta accadendo. Le sanzioni impoveriscono e uccidono le persone per niente.

È comune ora per molti osservatori sottolineare che la “massima pressione” non ha ottenuto nulla da nessuna parte, ma ciò che spesso viene escluso in queste discussioni è la distruzione insensata della guerra economica. Il nostro governo [americano] è impegnato in una politica di punizione collettiva nei confronti di un’intera nazione che la porterà alla distruzione. L’effetto sulla salute pubblica in Iran è stato grave:

La situazione della salute pubblica è particolarmente scioccante, e richiede un’azione immediata da parte della comunità internazionale. Tecnicamente, le medicine e le forniture mediche sono esentate dalle sanzioni statunitensi. Tuttavia, le sanzioni contro le banche iraniane e tutte le forme di transazioni finanziarie hanno fatto sì che se anche se l’Iran volesse acquistare articoli importati con i suoi limitate entrate in petrodollari, non può più rimborsare gli importatori per i beni venduti. Certo, il governo può ricorrere a mezzi clandestini per farlo, ma gli articoli acquistati in quel caso sarebbero molto più costosi.Il risultato finale nel quale mi sono imbattuto è lo stesso: è come se ci fosse una sanzione quasi totale per medicinali e forniture mediche .

Mentre l’Iran produce molte medicine a livello nazionale, in media circa il 40 percento delle sostanze chimiche utilizzate negli ingredienti dei medicinali viene importato. Potrebbe non sembrare una cifra terribilmente elevata, tranne per il fatto che se anche è mancante solo il 2% delle  sostanze chimiche necessarie, un farmaco viene solitamente reso praticamente inutile. Ciò significa che il governo deve o dedicare il suo calo del reddito in valuta estera all’acquisto da fornitori internazionali a tassi molto più alti, oppure utilizzare prodotti scadenti. Entrambe le opzioni sono state disastrose. La prima ha portato a gravi scarsità e al mercato nero, mentre la seconda ha provocato un bilancio sconvolgente nella vita umana e nella salute generale.

Il rapporto di Jalalpour è coerente con tutto ciò che abbiamo visto e ascoltato da altri rapporti nell’ultimo anno e mezzo. Non mancano informazioni accurate su ciò che le sanzioni stanno facendo al popolo iraniano, ma le vittime della guerra economica che il nostro governo ha dichiarato all’Iran sono per lo più invisibili agli americani. Non abbiamo quasi mai sentito parlare delle migliaia di iraniani malati di cancro  che sono morti l’anno scorso perché le sanzioni li ha privati ​​delle medicine  di cui avevano bisogno, e quindi qui c’è poca o nessuna urgenza per fermare questa mostruosa politica.

Jalalpour continua:

I medici negli ospedali iraniani raccontano innumerevoli storie d’orrore causate dalla scarsità di farmaci e di pezzi di ricambio per le loro attrezzature mediche quando hanno dovuto far fronte un crescente numero di persone in gravi condizioni mediche. “A volte sembra davvero di essere in un ospedale da campo in una zona di guerra”, ha detto un chirurgo che lavora in una città di medie dimensioni nell’Iran sud-occidentale. “Abbiamo quote giornaliere di farmaci anestetici che possiamo amministrare ogni giorno. Altre volte ci sono giorni in cui non puoi semplicemente allontanare molti pazienti. Allora cosa fai? Diventi creativo e preghi molto.” Secondo questo chirurgo, non è insolito nel suo ospedale che un ginecologo esegua un parto in cesareo con anestesia localizzata.

Le sanzioni sono una misura aggressiva che un governo molto più potente usa per ferire un paese più debole, ma i politici e i responsabili politici che le sostengono raramente devono rispondere della distruzione che causano. Le sanzioni consentono agli interventisti di condurre la guerra contro altri paesi senza dover riconoscere ciò che stanno facendo e ciò li libera dal controllo e dall’impopolarità che derivano dall’intervento militare.

La prossima amministrazione deve arrestare la guerra economica e porre fine a questa politica di punizione collettiva. Ogni giorno che la guerra economica continua, il nostro governo sarà responsabile delle vite rovinate e terminate a causa di queste sanzioni.

source: The American Conservative:https://www.theamericanconservative.com/larison/the-humanitarian-toll-of-the-economic-war-on-iran/